La squadra di Gardano perde 3-0 contro la Viterbese, non riuscendo a creare nessuna azione gol

Seconda sconfitta consecutiva, seconda gara senza gol per il Cuneo. Contro la Viterbese l’avvio è shock, al 2' Vandeputte impegna Stancampiano altdirettamente da calcio di punizione e al 3’ i ciociari passano in vantaggio, ancora Vandeputte dalla bandierina pesca Sini, dimenticato dalla difesa del Cuneo, che con una girata di mancino batte un non irreprensibile Stancampiano. La Viterbese controlla, il Cuneo prova ad alzare il baricentro, ma fa fatica a superare la trequarti di campo. Nella ripresa riparte forte la Viterbese, al 2’ è provvidenziale la chiusura di Cristini sul destro a botta sicura di Tortori, la risposta del Cuneo è affidata a Dell'Agnello che al 5’ strozza il diagonale sul lancio di Quitadamo. Il Cuneo macina gioco, ma è incapace di creare vere azioni gol per pareggiare, mentre i padroni di casa amministrano la gara cercando il colpo per chiuderla. L’occasione arriva al 30’ Baldassin si incunea tra i centrali biancorossi e beffa Stancampiano, quattro minuti dopo Vandeputte confeziona il tris finalizzando un rapido contropiede su servizio di Zenuni.
VITERBESE-CUNEO 3-0
VITERBESE: Iannarilli, Varutti, Sini, Celiento (26' pt Peverelli), Cenciarelli (31’ st Zenuni), Atanasov, Musacci, Ngissah (22’ st Sanè), Vandeputte, Baldassin, Tortori (22’ st Mendez). All.: Sottili.
CUNEO: Stancampiano, Quitadamo, Conrotto, A.Cristini, D'Ignazio, Pellini, Rosso, Gerbaudo (10’ st Anastasia), Provenzano (39’ st Secondo), Aperi, Dell'Agnello. All.: Gardano.
ARBITRO: Valiante di Salerno
MARCATORI: 3’ pt Sini, 30’ st Baldassin, 35’ st Vandeputte
26 novembre 2017

 

Passo falso della formazione di Gardano che non effettua neanche un tiro in porta

Mario Gemelli

Battuta d’arresto per il Cuneo in quel di Arezzo: la squadra di Gardano perde 2-0, ma il risultato potrebbe stare anche stretto agli amaranto visto le palle gol altcreate. Al 7’ il primo gol, palla persa a centrocampo e rapida ripartenza di Cutolo, il cui traversone trova la girata di Moscardelli che si stampa sulla traversa, ma sulla respinta Foglia insacca di testa. Dopo aver subito per una quindicina di minuti il Cuneo avanza il suo baricentro anche se non riesce a creare occasioni gol. L’Arezzo ci prova ancora con Cutolo ma Boni riesce a deviare in corner. La ripresa è un monologo aretino, l'Arezzo va più volte vicino al raddoppio con Corradi, Moscardelli e clamorosamente con Cutolo che al 12’ si beve la difesa biancorossa, ma manda a lato da pochi passi.  Il Cuneo si affida a Stancapiano per non soccombere, al 22’ il portiere biancorosso è miracoloso sul tiro di Foglia. L’Arezzo insiste, Luciani colpisce la traversa, Moscardelli fallisce di testa il gol del 2-0 che arriva comunque al 38’ per un errore di Stancapiano che si lascia sfuggire la sfera di mano su tiro di Di Nardo.
AREZZO-CUNEO 2-0
AREZZO: Borra, Varga, Rinaldi, Sabatino, Luciani, De Feudis, Corradi (35’ st Benucci), Yebli, Cutolo (44’ st Cellini), Foglia, Moscardelli (31’ st Di Nardo). All.: Pavanel.
CUNEO: Stancampiano, Quitadamo, A.Cristini, Boni, D'Ignazio, Pellini, Rosso, Gerbaudo (33’ st D'Agostino), Aperi (16’ st Mobilio), Zamparo (16’ st Martino), Dell'Agnello. All.: Gardano.
ARBITRO: Longo di Paola
MARCATORI: 7’ pt Foglia, 38’ st  Di Nardo
19 novembre 2017

 

I maremmani subito in vantaggio su rigore con Conti; i cuneesi, in inferiorità numerica per l’espulsione di Conrotto,  rimontano nella ripresa con una punizione di Pellini

Antonello Vischeri

Subito in salita la gara del Cuneo contro il fanalino di coda Gavorrano: 8’ Conrotto trattiene Moscati in area e l’arbitro assegna il rigore per i maremmani ed altespelle l’autore del fallo Conrotto. Dal dischetto Conti non sbaglia. Il Cuneo cerca di replicare, ma con un uomo in meno non è semplice, l’occasione più ghiotta per pareggiare capita al 42’ punizione di Pellini, sulla quale Salvalaggio compie un miracolo, deviando in angolo. Sulla’evolversi del calcio d’angolo vibrtanti proteste dei cuneesi per una cintura in area ai danni Dell’Agnello da parte di Cretella, ma il direttore di gara fa proseguire. Nella ripresa il Cuneo cerca ostinatamente il pareggio e l’occasione si presenta al 2’ quando Zamparo viene atterrato da Cretella in area, ma ancora una volta il direttore di gara lascia correre, concedendo esclusivamente l'angolo e sulla battuta del corner al 3’ Zamparo colpisce di testa, ma Cretella, sempre lui, intercetta il tiro col braccio. Questa volta il direttore di gara concede il rigore, ma Zamparo si fa ipnotizzare da Salvalaggio che riesce a respingere. Il Gavorrano cerca di colpire  di rimessa con Malotti, ma il Cuneo ci riprova sempre con Zamparo al 18’ mancando il  bersaglio di un soffio. Il pareggio comunque arriva al 36’ su punizione di Pellini che s'infila sotto l'incrocio dei pali.
CUNEO - GAVORRANO 1-1
CUNEO (4-3-1-2): Stancampiano; Quitadamo, Conrotto, Boni, D’Ignazio; Secondo (31’st Martino), Pellini, Gerbaudo (31’st D’Agostino); Aperi (8’pt Baschirotto); Zamparo, Dell'’Agnello (19’st Anastasia). A disp.: Bambino, Mobilio, Andrea Cristini, Genovese, Testoni, Maresca. All.: Gardano.
GAVORRANO (3-5-2): Salvalaggio; Borghini, Cretella, Ropolo; Papini, Finazzi (28’st Lombardi), Conti, Vitiello, Gemignani; Moscati, Malotti (9’st Merini). A disp.: Mazzini, Matteo, Zaccaria, Tissone, Mosti, Mugelli. All.: Favarin.
ARBITRO: Paterna di Teramo.
MARCATORI: 9’ pt Conti (rig.), 36’ st Pellini
AMMONITI: D'Agostino, Salvalaggio, Cretella, Moscati
ESPULSO: 8’ pt Conrotto
NOTE: 3’st Salvalaggio para un calcio di rigore a Zamparo
12 novembre 2017

 

I sardi vincono 1-0 grazie al gol di Bertoldi

Anselmo Mazzateo

Parte bene il Cuneo, che al 2' si fa vedere dalle parti dell'area sarda: Zamparo mette in mezzo per l'accorrente Anastasia, anticipato in extremis da La Rosa,ma gli ospiti, alla prima vera chance, mettono paura: al 16' Curcio mette una palla filtrante per Bertoldi che viene atterrato da Boni. Il direttore di gara decreta il calcio di rigore che Curcio spreca mandando alto. Il Cuneo cresce e cerca il gol al 43' con Aperi che cerca la deviazione in tuffo sul cross di Quitadamo, ma manca l'impatto col pallone e al 44’ con Testoni, che trova Ruzittu pronto. Nella ripresa il tema non cambia: il Cuneo fa la partita, l'Arzachena si difende. al 10’ solo un gran intervento di Ruzittu nega il gol a Rosso e due minuti dopo Zamparo si presenta da solo davanti al portiere sardo, ma in posizione di offside. Al 21’ la doccia gelata, Curcio batte un calcio di punizione a centrocampo servendo Bertoldi, con la difesa cuneese presa in contropiede. L’attaccante ha tutto il tempo di  concentrarsi sul tiro e Stancampiano è battuto. Il Cuneo non si abbatte, al 29’è Ruzittu a chiudere la via del gol a Rosso L'ultimo quarto d'ora è un assedio, con il Cuneo proteso in avanti e l'Arzachena arroccato in difesa: al 49’ Zamparo colpisce di testa su corner di Mobilio, ma trova il guantone di Ruzittu, a togliere la sfera da sotto la traversa. Sul ribaltamento di fronte Sanna sfiora il 2-0, ma il risultato non cambia più.
CUNEO-ARZACHENA 0-1
CUNEO: Stancampiano, Quitadamo, Testoni, Boni, Conrotto, Rosso, Gerbaudo, Pellini, Anastasia (33’ st Martino), Aperi (41’ st Mobilio), Zamparo. All.: Gardano.
ARZACHENA: Ruzittu, La Rosa, Piroli, Vano (34’ st Baldenzeddu), Curcio (45’ st Aiana), Sanna, Peana, Casini, Bertoldi (34’ st Nuvoli), Arboleda, Lisai (36’ st Varricchio). All.: Giorico
ARBITRO: Rutella di Enna
MARCATORE: 26’ st Bertoldi
5 novembre 2017

 

L’Olbia s’impone 4-1, tripletta di Ragatzu, un gol su rigore, e gol di Ogunseye ancora su rigore. Il gol del Cuneo è di Rosso

Dopo il Livorno, il Cuneo incassa quattro gol anche dall’Olbia. Il Cuneo cerca con le buone o con le cattive di fermare i piccoletti olbiesi e proprio da questi interventi nascono i calci di punizione che impegnano il portiere Stancapiano. Nella ripresa i gol, al 14’ Ogunseye strappa palla a Testoni sulla linea di fondo destra: cross con il mancino, buca Baschirotto e Ragatzu, stoppa al volo ed in girata non lascia scampo a Stancampiano. Due minuti dopo, Biancu recupera palla a destra, scambia con Muroni ed effettua un cross basso su cui si avventa ancora Ragatzu che con il piatto di prima trova il bis. Nel finale, al 35’ il Cuneo accorcia, Dell’Agnello recupera palla in area e scarica per Rosso, che di destro batte Aresti. Al 41’ l’Olbia ristabilisce le distanze, Senesi punta e salta Rosso costringendolo al fallo da rigore. Dal dischetto sempre Ragatzu fa tripletta, chiudendo la partita. Il punteggio viene ancora arrotondato nel finale al 48’, quando ancora Senesi costringe Baschirotto ad un altro fallo da rigore, che Ogunseye trasforma con il mancino.
OLBIA-CUNEO 4-1
OLBIA (4-3-1-2): Aresti; Pisano, Leverbe, Iotti (42’st Dametto), Cottali; Muroni, Biancu, Pennington; Murgia (38’st Senesi); Ragatzu (47’st Vispo), Ogunseye. All.: Mereu.
CUNEO (3-5-2): Stancampiano; Baschirotto, Conrotto, Boni; Anastasia (30’st Aperi), Secondo (30’st Pellini), Rosso, Marco Cristini (47’pt Provenzano) (3’st Gerbaudo), Testoni; Dell’Agnello, Zamparo. All.: Gardano.
ARBITRO: Bitonti di Bologna
MARCATORI: 14’st Ragatzu, 16’st Ragatzu, 35’st Rosso, . 41’st Ragatzu (rig.), 48’st Ogunseye (rig.)
AMMONITI: Testoni, Secondo, Anastasia
22 ottobre 2017

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it