Alla festa dei 106 è mancata la ciliegina sulla torta: Alessandria – Monza finisce 0-0

Leonida Garberi

Era tutto pronto per la festa, 106 anni sono un bel traguardo, ma i giocatori si sono scordati di mettere la ciliegina sulla torta. E’ finita 0-0 la sfida con il Monza, rivale diretto nella corsa playoff. Non ci sono grosse emozioni da raccontare e le poche arrivano attorno alla mezz’ora e sono racchiuse in una manciata di minuti: prima è la punizione di Gonzalez, che col mancino colpisce il palo alla sinistra di Liverani, a far tremare il Monza, poi ci pensa Blanchard, al suo esordio in maglia grigia, a salvare sulla linea un diagonale di D’Errico. Nella ripresa al 15’ Bellazzini da poco entrato su calcio di punizione dà l’illusione del gol, poi proprio allo scadere è D’Errico a salvare sulla linea di porta del Monza; sarebbe stata la ciliegina sulla torta di compleanno.
ALESSANDRIA – MONZA 0-0
ALESSANDRIA: Vannucchi; Sciacca (23’ st Celjak), Piccolo, Blanchard, Barlocco; Gatto, Gazzi, Ranieri (11’ st Bellazzini); Gonzalez (41’ st Kadi), Fischnaller (23’ st Chinellato), Russini (23’ st Sestu). A disp.: Pop, Lovric, Nicco, Marconi, Giosa, Fissore, Ragni. All.: Marcolini
MONZA: Liverani; Adorni, Riva, Caverzasi, Tentardini; Giudici (45’ st Carissoni) Guidetti, Palesi (27’ st Galli), D’Errico; Cori, Mendicino (37’ st Ponsat). A disp.: Del Frate, Forte, Negro, Tomaselli, Trainotti, Cogliati, Padula, Ponsat, Perini, Romanò. All.: Zaffaroni
ARBITRO: D’Apice di Arezzo
AMMONITI: Guidetti, Giudici, Celjak, Gazzi, Gatto, Galli
18 febbraio 2018

Barlocco nel primo tempo e Fischnaller nella ripresa danno ai girigi la prima vittoria nella storia contro gli aretini

L’Alessandria ritrova subito la vittoria ed espugna un campo dove mai era riuscita a conquistare i tre punti nella sua storia: quello di Arezzo. La squadra di Marcolini, cambiata nell’undici iniziale di base in vista daltella gara di Coppa Italia mercoledì contro il Renate, va in vantaggio al 28’ con la prima rete in maglia grigia di Barlocco, giunto a gennaio dalla Pro Vercelli, abile a bruciare sul tempo il portiere aretino con una puntata da calcetto. I toscani che in attacco schierano due bomber di categoria superiore quali Moscardelli e Cutolo, trovano in Vannucchi una saracinesca che nega ogni opportunità di pareggio. Nella ripresa il tecnico alessandrino inserisce Fischnaller vista la staticità della retroguardia toscana e proprio il neo entrato al 31’ segna il definitivo 2-0 in contropiede. Tre punti pesantissimi in chiave classifica, ma soprattutto ennesimo segnale giunto dal campo dove la squadra sembra essersi ritrovata e soprattutto ha subito solo due reti in sei gare.

AREZZO – ALESSANDRIA 0-2
AREZZO: Perisan; Muscat (80’ Cellini) Varga, Ferrario (46′ Talarico); Luciani, Yebli (46′ Di Nardo), De Feudis (81’ Cenetti), Foglia, Sabatino; Moscardelli, Cutolo. A disp.: Ferrari, Mazzarani, Benucci, Criscuolo, Franchetti, Campagna, Semprini, Regolanti. All.: Pavanel.
ALESSANDRIA: Vannucchi; Celjak, Sciacca, Giosa, Barlocco; Gatto, Gazzi, Nicco; Gonzalez (89’ Fissore), Chinellato (60′ Fischnaller), Russini (67′ Sestu). A disp.: Pop, Lovric, Ranieri, Ragni, Blanchard, Kadi. All.: Marcolini
ARBITRO: Dionisi de L’Aquila
MARCATORI: 28′ Barlocco; 76′ Fischnaller.

Si ferma a sei vittorie consecutive la marcia dell’Alessandria che contro la seconda in classifica va sotto, ma rimedia nella ripresa

altSi sognava la settima vittoria consecutiva in casa Alessandria, ma contro il Siena secondo in classifica i grigi si devono accontentare di un pareggio che regala comunque grande fiducia all’intero ambiente considerando che il bottino dopo aver affrontato prima e seconda in graduatoria conta quattro punti, del tutto impensabili fino a qualche tempo fa.
L’Alessandria va subito sotto al terzo minuto grazie alla rete realizzata da Vassallo bravo a sfruttare una disattenzione difensiva; la reazione si materializza al non quando è Gonzalez a non inquadrare di poco lo specchio della porta, con il Siena che controlla bene il campo e lascia pochi spazi ai grigi. Il primo tempo non vede altre vere occasioni per le due squadre e nella ripresa Chinellato dopo quattro minuto sfiora l’1-1 con una girata terminata di poco fuori. L’Alessandria cerca di aumentare i giri di motore e Fischnaller al 15’ per poco non trova la deviazione vincente sul traversone di Gonzalez. Il Siena colpisce la traversa con Rondanini al 23’, ma al 32’ il Siena cade: Gonzalex effettua un tiro non irresistibile su cui il numero uno del Siena Pane interviene goffamente non trattenendo la sfera che carambola in rete. Termina così 1-1, l’Alessandria può sorridere, il Siena recriminare con se stesso.

ALESSANDRIA – SIENA 1-1
ALESSANDRIA: Vannucchi, Celjak, Sestu (1’st Fischnaller), Nicco (16’st Bellazzini), Piccolo, Giosa, Fissore (16’st Barlocco), Gonzalez (45’st Russini), Chinellato, Gazzillori, Gatto. A disp. Pop, Lovric, Ranieri, Sciacca, Ragni, Blanchard, Ahmed Kadi. All. Marcolini
SIENA: Pane, Rondanini, Sbraga, Panariello, Iapichino, Cristiani (43’st Damian), Gerli, Vassallo (43’st Emmausso), Guberti (20’st Bulevardi), Santini (43’st Cruciani), Marotta. A disp. Rossi A., Crisanto, Dossena, Guerri, Mahrous, Cleur, Solini, Neglia. All. Mignani
ARBITRO: Giovanni Nicoletti (Catanzaro).
MARCATORI: 3’pt Vassallo, 32’st Gonzalez
AMMONITI: Piccolo, Santini, Rondanini, Fissore, Pane, Russini

 

Battuti i toscani 1 – 0 con un gol di Gonzalez dopo 8’’. Vannucchi para tutto.

Leonida Garberi

Impresa dell’Alessandria che sbanca L’Ardenza battendo il Livorno capolista 1-0. E’ la sesta vittoria consecutiva per la squadra allenata da mister Marcolini che ora punta decisamente a conquistarsi un posto nella zona play off. A decidere la gara un gol lampo di Gonzalez all’8’’, se non è un record poco ci manca!, che insacca al volo un appoggio di Marconi. I padroni di casa però ci sono, eccome: al 15’ Celjak si perde Franco che impegna Vannucchi che respinge con la mano di richiamo, al 22’ è Baumgartner a cercare il tocco sotto misura per battere l’estremo grigio, al 37’ ci prova Vantaggiato con una girata dal limite dell’area, palla sopra la traversa. Vannucchi si supera al 38’ quando è decisivo su colpo di testa di Vantaggiato. Anche nella ripresa il Livorno spinge alla ricerca del pareggio, ma l’Alessandria si rende pericolosa con i rapidi contropiede di Gonzalez e soci. Al 20’ci prova Bunino ma calcia alto da buona posizione, risponde il Livorno al 26’ con un colpo di testa di Manconi su cross di Franco. L’ultima opportunità per il livorno capita al 42’ ma botta di Kabashi su punizione, è alta di poco sulla traversa. Quelli finali sono minuti di sofferenza ma i grigi serrano i ranghi e portano a casa una preziosissima vittoria, espugnando il campo del Livorno dopo 91 anni
LIVORNO – ALESSANDRIA 0-1
LIVORNO: Mazzoni; Morelli (23’ st Perez), Pirrello, Gasbarro, Franco; Luci (33’ st Kabashi), Bruno; Doumbia (14’ st Murillo), Baumgartner (14’ st Manconi), Valiani; Vantaggiato. All.: Sottil
ALESSANDRIA: Vannucchi; Celjak, Piccolo, Giosa, Fissore; Nicco, Gazzi, Gatto; Gonzalez (25’ st Fischnaller), Marconi (16’ st Bunino), Sestu (36’ st Russini). All.: Marcolini
ARBITRO: Valiante di Salerno
MARCATORE: 1’ pt Gonzalez
AMMONITI: Gasbarro, Piccolo, Celjak, Fissore, Pirrello.
28 gennaio 2018

 

I Grigi battono il Pro Piacenza 1-0; la rete è di Fischnaller. Decisive alcune parate del portiere Gori

Leonida Garberi

L'Alessandria si impone di misura sul Pro Piacenza che resiste agli assalti dei padroni di casa fino al 33’ della ripresa quando Fischnaller sbuca nell'area altpiccola e non lascia scampo a Gori. I rossoneri devono comunque ringraziare il loro portiere se il passivo non è stato più rotondo. Al 31’ ci prova Branca dal limite, palla alta sopra la traversa, mentre la prima occasione gol è al 34’ sulla testa del piacentino Mastroianni che prova a girare in rete un cross di Piccolo proveniente dalla destra, ma sono i grigi ad andare in rete al 38’ con Gonzalez che però si aiuta con la mano ed il gol viene annullato. La Pro Piacenza chiude il tempo in attacco e l’Alessandria rischia nell'ultimo minuto quando Piccolo devia involontariamente sul palo un cross dalla sinistra di Ricci. Nella ripresa al 6’ ancora pericolo per la porta di Vannucchi ma il portiere respinge di piede il tiro di Bazzoffia  su cross di Aspas. Al 18’ sale in cattedra Gori respingendo un tiro di Gonzalez con una plastica deviazione in angolo; il portiere piacentino si ripete al 24’, Gonzalez arriva in area, effettua un dribbling a rientrare e va al tiro, ma Gori vola e con un colpo di reni toglie il pallone dall’incrocio. Al 27’ ancora Gori salva la sua porta su un tiro di Gonzalez che il portiere riesce a deviare sul palo. Ora la partita è in mano all’Alessandria che al 33’ trova finalmente il gol: punizione battuta da Gonzalez, Fishnaller nell’area piccola e da due passi, di piede insacca alle spalle di Gori. L’ultimo brivido al 40’ quando Aspas di testa manda la palla fuori di poco cross da sinistra di Belfasti. Continua così la lenta risalita della squadra di Marcolini che, dopo un avvio di campionato disastroso,  aggancia ora la zona playoff ed il quinto successo di fila.
ALESSANDRIA – PRO PIACENZA 1-0
ALESSANDRIA: Vannucchi; Celjak, Giosa, Piccolo, Fissore; Nicco (18’ st Gatto), Gazzi, Branca; Gonzalez, Marconi (40’ st Bunino), Sestu (10’ st Fischnaller). All.: Marcolini
PRO PIACENZA: Gori; Calandra, Belotti, Battistini, Ricci (29’ st Belfasti); Cavagna (36’ st Musetti), Barba, La Vigna, Aspas; Mastroianni, Bazzofia (30’ st Starita). All.: Pea
ARBITRO: Curti di Milano
MARCATORE: 33’ st Fischnaller
AMMONITI: Gonzalez, Aspas, Piccolo
21 gennaio 2018


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it