Il Conte pensiero da Novara: “Il Barcellona di Guardiola per me è un esempio, dobbiamo seguire la loro strada”

Antonello Vischeri

Antonio Conte ha portato come previsto in anticipo la squadra a Novara perché è sua intenzione provare il sintetico del Piola, molto differente dal sinteticoAntonio Conte di Cesena, per non trovarsi a disagio poi in partita e da Novara lancia il Conte pensiero: “Io ci credo, perché è giusto crederci, essere arrivati a questo punto deve essere per noi motivo di orgoglio, ora siamo nella possibilità di scrivere qualcosa di storico, sta a noi farlo. Se ci riusciremo vorrà dire che siamo stati bravi, in caso contrario vorrà dire che avremo posto le basi per il prossimo anno, ma in tutti i casi possiamo dire che la Juventus è tornata”. Mancano però ancora quattro giornate alla fine del campionato e ogni gara può nascondere delle insidie, in primis quella contro il Novara: “Apprezzo il Novara come società, apprezzo il gioco del Novara, apprezzo Tesser perché ha dato sempre un gioco alla squadra che in serie B esprimeva un bel calcio. Domani a differenza di Cesena troveremo una squadra che vorrà fare la sua gara e che cercherà di metterci i bastoni tra le ruote. In tribuna ci sarà sia Platini che Boniperti? Bene un motivo in più per fare una bella figura”. Antonio Conte non vuol sentire però parlare di festeggiamenti anticipati o di scudetto “Si fa in fretta a passare da eroi a … non fatemelo dire” e preferisce concentrarsi sulla gara: “Non è affatto scontato che domani giochi Quagliarella perché sia lui che Del Piero, che mi preoccupa di più, hanno avuto problemi agli adduttori, vedremo oggi dopo l’allenamento. Poi farò le mie scelte sapendo che posso contare sull’entusiasmo di tutti, perché questo è un momento importante. Spendiamo molto sia a livello fisico che nervoso, quindi sarà importante sentire le sensazioni che hanno i giocatori ma sostanzialmente rispetto a Cesena non faremo grande turnover”. I bianconeri ad inizio campionato non godevano certamente i favori del pronostico, cerano altre squadre superiori alla Juventus a livello di organico ed anche Conte aveva sempre indicato nel Milan la più seria pretendente al titolo: “ L’organico del Milan lo ripeto ci è nettamente superiore, ma non solo quello dei rossoneri, poi però la forza bisogna esprimerla in campo e vedremo chi riuscirà a spuntarla, chi ce la farà l’avrà sicuramente meritato per quanto fatto in questi nove mesi. Il nostro processo di crescita è stato comunque veloce e la Juventus ha dimostrato di avere una organizzazione di gioco almeno pari a quella del Milan”. L’argomento del giorno è il divorzio tra il Barcellona e Guardiola e su questo argomento le idee di Conte sono ben chiare: “ Ci sono due modi di fare l’allenatore, se gestisci campi 20 anni se decidi di fare veramente l’allenatore, studiando, documentandoti  cercando di migliorarti allora è diverso perché è un calcio che ti prosciuga. Il Barcellona di Guardiola è stato un esempio per tutti e la strada che dobbiamo percorrere è quella loro, quella del Barcellona. Per me sarà sempre un esempio il Barcellona di Guardiola".  

28 aprile 2012


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it