Il Napoli si impone per 2-0. E’ il primo trofeo dell’era De Laurentis

JUVENTUS – NAPOLI 0-2

JUVENTUS (3-5-2): Storari; Bonucci, Barzagli, Caceres; Lichtsteiner(22’ st Pepe), Vidal, Pirlo, Marchisio, Estigarribia; Del Piero (22’ st Vucinic), Borriello (27’ st Quagliarella). A disp.: Manninger, Marrone, Giaccherini, Matri. All.: Conte.
NAPOLI (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica; Maggio, Dzemaili, Inler, Zuniga; Hamsik, Lavezzi (27’ st Pandev); Cavani (47’ st Britos). A disp.: Rosati, Fernandez, Dossena, Grava, Vargas. All.: Mazzarri.
MARCATORI: 18’ Cavani (rig.), 43’ st Hamsik
ESPULSO: 44’ st Quagliarella
AMMONITI: Marchisio, Dzemaili, Cannavaro, Storari, De Sanctis

Antonello Vischeri

Alla Juventus non è riuscita l’accoppiata, il Napoli esce dall’Olimpico di Roma tenendo alta la coppa Italia, primo trofeo dell’era De Laurentis conquistatoIl trio meraviglia del Napoli grazie al rigore trasformato da Cavani al 17’ del secondo tempo e al gol di Hamsik al 43’ .
Gli uomini di Mazzarri si dimostrano subito più in serata degli uomini di Conte e nei primi quindici minuti si vede solo il Napoli, la Juventus con Marchisio, Vidal ma soprattutto Pirlo in ombra non riesce ad organizzare il gioco.  Zuniga potrebbe già far male al 2’ ma il suo colpo di testa su cross di Campagnaro dalla destra viene stoppato in qualche modo da Storari e all’11’ Lavezzi è protagonista di una bella azione personale ma il suo tiro finisce di poco a lato. La Juventus cerca di rinserrare le fila e riorganizzarsi, cercando di dare maggiore velocità alla sua manovra e Marchisio si rende pericoloso al 18’ ma De Sanctis sventa la minaccia. Poco alla volta Pirlo entra in partita e le manovre juventine, prendono a scorrere con maggiore fluidità, al 38’ un sinistro di Borriello finisce a lato e al 42’ un intervento piuttosto dubbio in area di Aronica ferma Marchisio in area di rigore, ma l’arbitro fa proseguire il gioco. La partita si inasprisce e l’intervallo arriva nel momento più propizio. Alla ripresa del gioco al 4’ Dzemaili cerca la sponda con Lavezzi e poi crossa per Cavani, nulla di fatto. Il gol arriva al 18’ Lavezzi viene atterrato in area da Storari e l’arbitro decreta il penalty, si incarica Cavani della battuta ed il suo tiro spiazza Storari mandando in visibilio i 30.000 tifosi di fede napoletana presenti all’Olimpico,  Napoli in vantaggio. La Juventus non avendo più nulla da perdere si getta all’attacco ed il Napoli si limita a controllare gli avversari chiudendosi nella propria area, al 26’ ci prova Bonucci con una splendida volee ma De Sanctis para. La Juventus avrebbe l’occasione di pareggiare due minuti dopo ma De Sanctis ormai lanciato in tuffo sulla destra devia il pallone calciato da Pepe e deviato da Quagliarella con la punta dello scarpino mandandolo sulla sinistra. Il Napoli malgrado,le urla di Mazzarri non riesce a ripartire e nell’unica volta che lo fa, riesce a portare a due le sue reti: al 43’Pandev smista per Hamsik che non perdona.  Ormai la partita è saldamente nelle mani del Napoli, Quagliarella si fa espellere al 44’ per un fallo di reazione su Aronica che cercava di controllarlo in occasione di un calcio di punizione. La Coppa prende così la strada per Napoli.

19 maggio 2012

Fontefoto; gazzetta.it


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it