Polemiche per un gol valido annullato al Catania e sul gol di Vidal per un fuorigioco di Bendtner non rilevato.

CATANIA-JUVENTUS 0-1
CATANIA (3-5-2): Andujar; Rolin, Legrottaglie, Spolli; Izco, Almiron (34' st Biagianti), Lodi, Barrientos (24' st Castro), Marchese; Bergessio, Gomez (36' st Morimoto). A disp.: Frison, Messina, Potenza, Alvarez, Ricchiuti, Salifu, Capuano, Doukara. All.: Maran.
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner (44' st Caceres), Vidal, Pirlo, Pogba (46' st Padoin), Asamoah; Bendtner, Vucinic (33' st Giovinco). A disp.: Storari, Rubinho, Pepe, De Ceglie, Giaccherini, Isla, Marrone, Quagliarella, Matri. All.: Alessio (Conte squalificato).
ARBITRO: Gervasoni.
MARCATORE: 12’ st Vidal
AMMONITI: Rolin, Asamoah, Spolli, Barrientos, Legrottaglie, Vidal, Padoin.
ESPULSI: 30' pt il presidente del Catania Pulvirenti per proteste, 22' st Marchese per doppia ammonizione.

Antonello Vischeri

La Juventus si rituffa nel campionato e ritrova la vittoria. Ma anche le polemiche. Con questa vittoria il filotto positivo delle gare sale a 48 e sinceramente non Arturo Vidal, decisivosi vede all’orizzonte quale squadra del campionato italiano possa competere con lo schiacciasassi bianconero. Il Catania ci è andato vicino, ripetendo la buona prova che normalmente sfodera tra le mura amiche e a farla da padroni sono gli episodi e dalle decisioni arbitrali.
NOVITA’ – L a Juventus si presenta al Massimino con Pogba al posto di Marchisio e con il danese Bendtner, dopo le sue esternazioni, in attacco a far compagnia a Vucinic, mentre Maran mette in campo una difesa a tre, con l’oggetto misterioso, fin qui, Rolin. La partita è maschia e intensa e sostanzialmente equilibrata. I primi venti minuti sono di marca juventina, con Pirlo che porta il primo serio pericolo a Andujar, inmitato poi da Bendtner. Poi il Catania incomincia a macinare gioco e a presentarsi dalle parti di Buffon con delle pericolose ripartenze affidate a Bergessio e Gomez.
IL FATTACCIO – Siamo al 26’ il Catania è in attacco, Spolli tira ma la palla centra il palo alla sinistra di Buffon, sulla sfera si avventa Bergessio che batte il portiere juventino con un tocco preciso. L’arbitro dapprima convalida poi dopo consulti con gli assistenti su segnalazione del guardalinee Maggiani annulla la rete per offside. Che non c’era. Lee immagine televisive e i vari passaggi alla moviola poi sconfesseranno clamorosamente la decisione dell’arbitro, perché Bergessio al momento del tiro era tenuto in gioco da un difensore bianconero. L’ira dei siciliani costa l’espulsione dalla panchina del presidente Pulvirenti ed una serie continua di ammonizioni ad ogni fallo. Ma la Juventus dopo questo episodio cresce, Pogba al 38’ non ha timore a scagliare un siluro di poco alto sulla traversa e un minuto dopo Vucinic semina il panico tra i difensori catanesi, al 41’ cross di Lichtsteiner , sponda di Bendtner per Vucinic che calcia a botta sicura ma Andujar con un grande riflesso blocca. Alla fine del primo tempo le due squadre vanno negli spogliatoi con i nervi a fior di pelle.
COLPACCIO – Come sempre succede quest’anno, è nel secondo tempo che la Juventus migliora la sua prestazione e dopo un tentativo all’11’ di Vucinic fermato da Almiron e Lodi, la Juventus va in vantaggio grazie a Vidal al 12’. Vucinic serve Bendtner che impegna Andujar che respinge sui piedi di Vidal che non ha difficoltà ad insaccare.  All’inizio dell’azione il giocatore danese era però in fuorigioco e l’arbitro ed i suoi assistenti non l’ avevano ravvisato. La Juventus acquista fiducia nei suoi mezzi e va vicina al raddoppio ancora con Vidal al 19’.
ESPULSIONE – Al 22’ il Catania rimane in dieci uomini, Marchese compie un fallo di mano e l’arbitro estrae il cartellino giallo e poi quello rosso essendo il terzino già stato ammonito nel primo tempo. La Juventus cerca di piazzare il colpo del ko, prima con Pogba e poi con Giovinco subentrato a Vucinic. Lichtsteiner al 37’ mette i brividi a Buffon sfiorando l’autorete per anticipare Morimoto. La Juventus ora controlla ma non disdegna di portare pericoli alla porta di Andujar nei minuti finali, al 41’ con Brendtner e al 43’ con Vidal.

28 ottobre 2012

Fontefoto: latercera.com

 


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it