I bianconeri impongono la legge del più forte, 6-1 il risultato finale. Strepitoso Quagliarella

PESCARA-JUVENTUS 1-6
PESCARA (3-5-2): Perin; Cosic, Bocchetti, Capuano (1' s.t. Caprari); Zanon, Nielsen, Cascione, Quintero, Modesto; Abbruscato (20' s.t. Vukusic), Jonathas (9' s.t. Weiss). A disp.: Pelizzoli, Falso, Romagnoli, Balzano, Bjarnason, Celik, Soddimo, Togni. All.: Stroppa.
JUVENTUS (3-5-2): Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini (20' s.t. Marrone), Isla (14' s.t. Padoin), Vidal, Pirlo, Marchisio, Asamoah; Quagliarella (23' s.t. Bendtner), Giovinco. A disp.:Storari, Rubinho, Lucio, Caceres, Lichtsteiner, Giaccherini, Vucinic, Matri. All.: Alessio (Conte squalificato)
ARBITRO: Banti.
MARCATORI: 9’ pt Vidal, 22’ pt  Quagliarella, 25’ pt Cascione, 30’ pt Asamoah, 38’ pt Giovinco, 45’ pt  Quagliarella. 8’ st  Quagliarella
AMMONITI: Jonathas, Modesto, Pirlo.
ESPULSO: 29’ st Stroppa allenatore Pescara

Antonello Vischeri

La partita contro il Pescara era attesa con una certa curiosità per verificare come i bianconeri avrebbero risposto alle critiche e alle polemiche successive allFabio Quagliarella,stasera  una tripletta strepitosa sconfitta contro l’Inter in campionato e alle ultime fibrillazioni interne sul presunto caso Pogba. Ebbene la risposta è stata di quelle che non ammettono repliche, devastante. Il Pescara non poteva certo rappresentare un banco di prova insormontabile, ma la palla si sa è rotonda e gli abruzzesi hanno in certo periodo della partita dato qualche grattacapo ai bianconeri, ma la prova dei bianconeri è stata convincente, con gli attaccanti in gran spolvero grazie anche agli ampi spazi che venivano loro concessi.
RITMO – La Juventus impone subito un gran ritmo alla gara, pressando molto alta e costringendo il Pescara nella sua metà campo. Il primo acuto è di Vidal al 9’ che su invito di Giovinco batte Perin con un preciso diagonale con la difesa del Pescara che si scioglie come neve al sole. Il raddoppio è di Quagliarella al 22’ con una rasoiata che si infila alla destra di Perin.
PESCARA OK – Chi si aspettava a questo punto una resa incondizionata da parte del Pescara rimane di stucco. I ragazzi di Stroppa si rimboccano le maniche e al 24’ Quintero su calcio di punizione colpisce in pieno il palo con Buffon fuori causa. Segue subito dopo un episodio in area che fa nascere qualche discussione (braccio di Vidal, ndr) ma l’arbitro giustamente fa proseguire e sul proseguimento dell’azione la palla perviene a Cascione che di testa accorcia le distanze . Siamo al 25’. La difesa bianconera sembra poco attenta in qualche occasione, specie sulla fascia destra. Due minuti dopo Nielsen mette a lato di un nulla su battuta dal calcio d’angolo.
ESONDAZIONE – Finita la buriana, la Juventus si rimbocca le maniche e grazie ad Asamoah porta a tre le sue reti al 30’. Dialogano Giovinco e Quagliarella, quest’ultimo mette al centro dove il ghanese in rovesciata batte Perin. Quagliarella è in serata di grazia e delizia la platea con un gesto tecnico notevole, aggancio volante e stop della palla, prima di passare a Giovinco al 38’ la palla del 4-1. Pirlo viene ammonito poco dopo ed essendo in diffida si vedrà costretto a saltare la sfida contro la Lazio. Il Pescara si rende nuovamente pericoloso su calcio di punizione del solito Quintero deviato in angolo e sulla battuta dalla bandierina ancora Quintero batte a rete e Marchisio salva sulla linea in acrobazia, con Buffon battuto. Prima che l’arbitro fischi la fine del primo tempo, ancora Quagliarella porta a sei la reti bianconere ancora con un destro incrociato.
SUPER QUAGLIA – Il secondo tempo dura in pratica 10 minuti. Al 7’ Quagliarella ben imbeccato da Giovinco si allunga troppo la palla e spedisce sull’esterno della rete, ma si rifà un minuto dopo raccogliendo un corner battuto da Pirlo e battendo Perin con una bella semi - rovesciata. Una rete spettacolare e di pregevole fattura. Dopo un’altra punizione di Quintero intercettata da Buffon la partita cala di intensità e di ritmo. Il gioco si fa accademico, l’arbitro trova il modo per allontanare Stroppa, reo di aver protestato per un intervento falloso non sanzionato al 29’ poi Giovinco e Bendtner fanno a gara a chi non segna. L’ultimo brivido lo crea il Pescara con il solito Cascione ma il suo colpo di testa è bloccato sulla linea da Buffon con qualche affanno.

10  novembre 2012

Fonteforo: Unionesarda.it


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it