Domani contro il Parma, sempre da monitorare le condizioni di Vucinic e ballottaggio tra Giaccherini e Pogba

Antonello Vischeri

Archiviata la vittoria contro il  Milan in Coppa Italia, Antonio Conte ed i suoi giocatori si ributtano sul campionato, con un unico desiderio, quello di cancellare laAntonio Conte sconfitta casalinga subita contro la Sampdoria e riprendere il cammino verso il titolo di Campioni d’Italia. La gara contro i rossoneri è stata dispendiosa sotto il profilo fisico essendo durata centoventi minuti ma Conte è ugualmente ottimista: “Siamo allenati e penso che questo dispendio di energie non si farà sentire domani contro il Parma. Affronteremo una squadra in salute e che non ha mai perso in casa ma noi vogliamo riprendere il cammino interrotto dalla sconfitta contro la Sampdoria. Sarà sicuramente una bella partita perché il Parma gioca  a viso aperto e gioca a calcio”. Sul fronte acciaccati, domani lo staff medico della Juventus dovrà monitorare come al solito le condizioni di Vucinic: “Se non è pronto, non mi preoccupo – assicura Conte - perché abbiamo alternative davanti come Giovinco, come Quagliarella, come Matri o come Beltrame un giovane interessante . Poi è importante quello che fai nei minuti che giochi piuttosto che quanti minuti giochi e ad esempio Vucinic ha fatto sei gol su otto partendo dalla panchina, Quagliarella ha segnato il gol del pareggio contro il Chelsea entrando dalla panchina. Quindi conta l’intensità con cui si affronta la gara”. Giocare nella Juventus è sempre una grossa responsabilità e si è sempre sotto esame: “Un conto è giocare in una squadra di centro classifica ed un conto è giocare in una squadra di vertice, hai più pressioni e oggi puoi essere un top player e domani passare nella categoria dei pipp player. E’ capitato a Giovinco, al quale fino a dieci giorni fa se ne dicevano di tutti i colori, è capitato a Matri, lo scorso anno a Bonucci e a Vucinic, ma io sono tranquillo perché ho molta fiducia nei miei ragazzi anche se so che tutti, io per primo, dobbiamo migliorare”. Domani inizierà per la Juventus un vero e proprio ‘tour de force’, otto partite in trenta giorni: “Bisognerà stringere i denti, essere belli compatti, determinati e concentrati – l’analisi del tecnico bianconero – perché non dimentichiamo che abbiamo infortunati importanti, come Chiellini, Pepe, Bendtner e Marchisio, tutta gente che deve ricuperare, che Asamoah è in Coppa d’Africa e che Vucinic è a mezzo servizio”. Sul fronte del mercato gli ultimi rumors danno per certo un interessamento per Immobile: “E’ un ragazzo per il quale nutro grande affetto – spiega Conte – l’ho voluto io al Siena, anche se poi lui ha preferito andare a giocare a Grosseto, l’ho visto crescere nella primavera juventina. E’ un ragazzo serio e applicato che ha fame e voglia di arrivare, lo monitoriamo anche perché è metà nostro”. Per la gara di domani contro il Parma, che Conte ha elogiato facendo specifico riferimento al lavoro fatto dal presidente Ghirardi, dal direttore Leonardi e dall’allenatore Donadoni, c’è un ballottaggio tra Giaccherini e Pogba per il ruolo di vice Marchisio

12 gennaio 2013


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it