Buonissima prestazione dei bianconeri che battono l’Inter con i gol di Quagliarella e Matri. Di Palacio il gol del momentaneo pareggio nerazzurro

INTER – JUVENTUS 1-2
INTER (3-4-1-2):  Handanovic, Ranocchia (Cambiasso) , Samuel, Chivu; Zanetti, Gargano (34’ st Rocchi), Kovacic, Pereira; Alvarez (1’ st Guarin); Palacio, Cassano. A disp.: Carrizo, Belec, Silvestre, Jonathan, Nagatomo, Benassi, Kuzmanovic, Schelotto. All.: Stramaccioni
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Padoin, Vidal, Pirlo, Marchisio, Asamoah (19’ st Peluso); Quagliarella (38’ st Giovinco), Matri (29’st Pogba). A disp.: Storari, Rubinho, Lichtsteiner, De Ceglie, Marrone, Giaccherini, Anelka. All.: Conte
ARBITRO: Rizzoli di Bologna
MARCATORI: 3’ pt Quagliarella, 9’ st Palacio, 15’ st Matri
AMMONITI: Gargano, Pereira, Ranocchia, Barzagli, Chiellini, Giovinco
ESPULSO: 49’ st Cambiasso

Antonello Vischeri

Il derby d’Italia come viene chiamata la sfida tra Inter e Juventus si conclude con un verdetto chiaro ed inequivocabile: la Juventus andando a vincere al Quagliarella - Matri matano l'InterMeazza di Milano ha ribadito ancora una volta la sua netta supremazia nel campionato  e si è preparata psicologicamente nella maniera migliore per affrontare il Bayern nella gara di Champions di martedì prossimo, mentre l’Inter con questa sconfitta si è complicata in maniera incredibile la corsa per il terzo posto, a conferma di un anno assolutamente da dimenticare.
AVVIO SHOCK - La gara si accende subito e Palacio dopo essere andato via a Chiellini grazie ad un rimpallo viene chiuso da Asamoah in ripiegamento difensivo. Siamo al 2’ e sulla ripartenza la Juventus va in vantaggio con Quagliarella che dal limite spara una bordata là dove Handanovic non può arrivare con Samuel e Chivu colpevoli di aver lasciato troppo spazio per il tiro del cecchino bianconero. Siano al 3’ e la Juve è dunque già in vantaggio. La Juventus continua però a praticare il suo gioco, fatto di pressing alto e scambi a terra in velocità, l’Inter è disorientata ed in evidente difficoltà. Ci pensa Cassano a dare la sveglia ai suoi con un tiro improvviso al 12’ su passaggio di Alvarez, ma Buffon si allunga e con la punta delle dita devia di quel tanto per mandare la palla in angolo a fil di palo. Un minuto dopo il portiere bianconero si ripete sui un colpo di testa di Palacio. L’Inter riprende coraggio e prova ad attaccare in forze ma senza mai impensierire più di tanto la retroguardia juventina. Buffon si trasforma in libero ed esce di testa oltre la sua area al 23’ e poi Matri si vede annullare un gol al 25’ per evidente fuorigioco.
RIGORE NEGATO – Al 29’ Vidal riceve in area una palla, si destreggia malamente nel controllo perdendo l’attimo per il tiro, Handanovic gli si butta tra i piedi non prende la palla e nel successivo intervento lo atterra. Ci stava il rigore ma l’arbitro Rizzoli fa proseguire tra le proteste dei bianconeri. Il primo tempo si chiude con un tiro telefonato di testa di Palacio con Buffon attento e sicuro nella presa.
GUARIN – Nella ripresa l’Inter si presenta con Guarin al posto di Alvarez ed è subito tutta un’altra partita. Infatti i nerazzurri pervengono al pareggio al 9’ Kovacic per Cassano che mette una bella palla per Palacio, stop a seguire, tiro e palla che passa sotto le mani di Buffon. 1-1 tutto da rifare.
QUAGLIARELLA SUPER – Ci pensa Quagliarella, strepitosa oggi la sua partita, a rimettere le cose a posto al 15’. L’attaccante partenopeo si lancia su una palla destinata a terminare oltre la linea di fondo e la rimette sul primo palo, dove Matri anticipando il suo marcatore, batte per la seconda volta Handanovic, riportando la Juventus in vantaggio. Cassano reclama per un corpo a corpo con Chiellini in area ma l’arbitro lascia correre. Mentre Stramaccioni cerca di inserire tutto l’arsenale di tiro a sua disposizione per l’assalto finale, Conte saggiamente avvicenda i suoi cercando di non scoprirsi troppo ed i fatti danno ragione al tecnico bianconero. Malgrado l’ingresso anche di Rocchi la partita non cambia più, anzi finisce con un rosso diretto a Cambiasso per un brutto fallo su Giovinco all’ultimo secondo di partita. 

30 marzo 2013
Fontefoto: goal.com

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE

La Juventus si prende S. Siro

*      Buonissima prestazione dei bianconeri che battono l’Inter con i gol di Quagliarella e Matri. Di Palacio il gol del momentaneo pareggio nerazzurro

 

INTER – JUVENTUS 1-2

INTER (3-4-1-2):  Handanovic, Ranocchia (Cambiasso) , Samuel, Chivu; Zanetti, Gargano (34’ st Rocchi), Kovacic, Pereira; Alvarez (1’ st Guarin); Palacio, Cassano. A disp.: Carrizo, Belec, Silvestre, Jonathan, Nagatomo, Benassi, Kuzmanovic, Schelotto. All.: Stramaccioni

JUVENTUS (3-5-2(: Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Padoin, Vidal, Pirlo, Marchisio, Asamoah (19’ st Peluso); Quagliarella (38’ st Giovinco), Matri (29’st Pogba). A disp.: Storari, Rubinho, Lichtsteiner, De Ceglie, Marrone, Giaccherini, Anelka. All.: Conte

ARBITRO: Rizzoli di Bologna

MARCATORI: 3’ pt Quagliarella, 9’ st Palacio, 15’ st Matri

AMMONITI: Gargano, Pereira, Ranocchia, Barzagli, Chiellini, Giovinco

ESPULSO: 49’ st Cambiasso

 

Antonello Vischeri

 

Il derby d’Italia come viene chiamata la sfida tra Inter e Juventus si conclude con un verdetto chiaro ed inequivocabile: la Juventus andando a vincere al Meazza di Milano ha ribadito ancora una volta la sua netta supremazia nel campionato  e si è preparata psicologicamente nella maniera migliore per affrontare il Bayern nella gara di Champions di martedì prossimo, mentre l’Inter con questa sconfitta si è complicata in maniera incredibile la corsa per il terzo posto, a conferma di un anno assolutamente da dimenticare.

AVVIO SHOCK - La gara si accende subito e Palacio dopo essere andato via a Chiellini grazie ad un rimpallo viene chiuso da Asamoah in ripiegamento difensivo. Siamo al 2’ e sulla ripartenza la Juventus va in vantaggio con Quagliarella che dal limite spara una bordata là dove Handanovic non può arrivare con Samuel e Chivu colpevoli di aver lasciato troppo spazio per il tiro del cecchino bianconero. Siano al 3’ e la Juve è dunque già in vantaggio. La Juventus continua però a praticare il suo gioco, fatto di pressing alto e scambi a terra in velocità, l’Inter è disorientata ed in evidente difficoltà. Ci pensa Cassano a dare la sveglia ai suoi con un tiro improvviso al 12’ su passaggio di Alvarez, ma Buffon si allunga e con la punta delle dita devia di quel tanto per mandare la palla in angolo a fil di palo. Un minuto dopo il portiere bianconero si ripete sui un colpo di testa di Palacio. L’Inter riprende coraggio e prova ad attaccare in forze ma senza mai impensierire più di tanto la retroguardia juventina. Buffon si trasforma in libero ed esce di testa oltre la sua area al 23’ e poi Matri si vede annullare un gol al 25’ per evidente fuorigioco.

RIGORE NEGATO – Al 29’ Vidal riceve in area una palla, si destreggia malamente nel controllo perdendo l’attimo per il tiro, Handanovic gli si butta tra i piedi non prende la palla e nel successivo intervento lo atterra. Ci stava il rigore ma l’arbitro Rizzoli fa proseguire tra le proteste dei bianconeri. Il primo tempo si chiude con un tiro telefonato di testa di Palacio con Buffon attento e sicuro nella presa.

GUARIN – Nella ripresa l’Inter si presenta con Guarin al posto di Alvarez ed è subito tutta un’altra partita. Infatti i nerazzurri pervengono al pareggio al 9’ Kovacic per Cassano che mette una bella palla per Palacio, stop a seguire, tiro e palla che passa sotto le mani di Buffon. 1-1 tutto da rifare.

QUAGLIARELLA SUPER – Ci pensa Quagliarella, strepitosa oggi la sua partita, a rimettere le cose a posto al 15’. L’attaccante partenopeo si lancia su una palla destinata a terminare oltre la linea di fondo e la rimette sul primo palo, dove Matri anticipando il suo marcatore, batte per la seconda volta Handanovic, riportando la Juventus in vantaggio. Cassano reclama per un corpo a corpo con Chiellini in area ma l’arbitro lascia correre. Mentre Stramaccioni cerca di inserire tutto l’arsenale di tiro a sua disposizione per l’assalto finale, Conte saggiamente avvicenda i suoi cercando di non scoprirsi troppo ed i fatti danno ragione al tecnico bianconero. Malgrado l’ingresso anche di Rocchi la partita non cambia più, anzi finisce con un rosso diretto a Cambiasso per un brutto fallo su Giovinco all’ultimo secondo di partita. 

30 marzo 2013

 


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it