I blucerchiati battono i bianconeri 3-2. Sono l’unica squadra ad aver battuto la Juventus due volte in campionato.

SAMPDORIA-JUVENTUS 3-2
SAMPDORIA (3-5-2): Da Costa; Mustafi, Gastaldello, Castellini; De Silvestri, Poli, Palombo (21' st Munari), Obiang, Estigarribia ( 39' st Berardi); Icardi, Eder ( 35' st Sansone). A disp.: Berni, Romero, Rodriguez, Poulsen, Maresca, Soriano, Maxi Lopez, Savic. All. Rossi.
JUVENTUS (3-5-2): Storari (35' st Rubinho); Caceres, Bonucci, Chiellini; Isla, Padoin (29' st Lichtsteiner), Pirlo, Giaccherini, De Ceglie; Quagliarella, Giovinco (29' st Bendtner). A disp.: Buffon, Barzagli, Peluso, Vidal, Marchisio, Vucinic, Matri. All. Conte.
ARBITRO: Gervasoni di Mantova  
MARCATORI: 25’ pt Quagliarella, 31’ pt  Eder (rig.), 12’ st De Silvestri, 30’ st Icardi, 45’ st Giaccherini
AMMONITO:  Icardi

Antonello Vischeri

La Sampdoria si conferma l’avversario più ostico per la Juventus in campo italiano, Come già successo all’andata, i blucerchiati affondano i bianconeri Il gol di Quagliarellanell’ultima di campionato, sotto il diluvio. Il terreno di Marassi tiene ma reggersi in piedi è un’impresa e far correre la palla a terra ancor di più, i sampdoriani si adattano meglio dei bianconeri alla situazione climatica anche se è la Juventus che come al solito fa la partita. I bianconeri spingono e la Sampdoria arretra cercando di sfruttare le ripartenze di Eder e di Icardi. All’8’ Isla  e Bonucci pasticciano ma Eder che si trova la palla tra i piedi non ne approfitta. Da Costa ha il suo bel da fare e al 22’ respinge di piede un tiro di Chiellini deviato da Gastaldello e poi al 24’una sassata di Giaccherini. Nel mezzo Quagliarella aveva scaldato il piede con un tiro dai venti metri che si era perso di poco a lato. Il gol arriva al 25’, Pirla illumina con un lancio millimetrico, Quagliarella stoppa la palla con grande maestria e calcia a rete beffando con un tiro sporco Da Costa. Juventus in vantaggio. Vantaggio che dura poco infatti dopo sei minuti arriva il pareggio della Doria: lancio di Estigaribia, Chiellini e Icardi saltano, l’arbitro ravvisa un fallo del bianconero e assegna il rigore. Eder non sbaglia e firma il pari, tutto da rifare. La Juventus rischia ancora due minuti dopo,  Chiellini anticipa Eder lanciato a rete dopo aver saltato Bonucci, deviando in angolo, ma la palla sfiora il palo. Poi è di nuovo Juventus con Quagliarella che spara a rete a botta sicura al 40’ , ma Mustafì salva a porta vuota. Nella ripresa il tema della gara non cambia, bianconeri sempre alla ricerca del gol, al 2’ libera l’area Obiang,  al 3’ Da Costa anticipa Quagliarella, poi il portiere ligure interviene ancora su Quagliarella all’8’. E’ un tiro al bersaglio, ma a segnare sono i doriani al 12’: su battuta da calcio d’angolo De Silvestri raccoglie di testa e infila Storari. La Juventus si riversa in massa all’attacco, ci prova Chiellini, ci prova Bonucci, ci prova Pirlo, ci prova Quagliarella. Conte fa entrare forze fresche, Bendtner e Lichtsteiner e al 30’ la Sampdoria segna. Azione di contropiede, Estiggaribia, crossa in mezzo l’area e Icardi appostato a un metro dalla linea di porta accompagna la palla in rete. Al 32’ altro episodio dubbio in area, Mustafì travolge Quagliarella, l’arbitro prima assegna il rigore poi ci ripensa, ma era rigore sacrosanto. Si fa male Bendtner ed esce dal campo, lasciando la  Juventus in dieci uomini. I bianconeri riescono ugualmente ad andare ancora in gol allo scadere con un gran gol di Giaccherini, girata al volo dal limite dell’area. Bonucci avrebbe in canna il colpo del pareggio nei minuti di recupero, ma non riesce a concretizzare l’azione. Finisce così 3-2 in favore della Sampdoria e cala il sipario su questo campionato stradominato dalla Juventus.

18 maggio 2013


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it