Domani la Juventus apre il campionato 2013/2014 incontrando a Marassi la Sampdoria, la sua bestia nera dello scorso anno

Antonello Vischeri

E’ un Conte in piena forma quello che si presenta in sala stampa a Vinovo per rispondere alle domande dei giornalisti alla vigilia del debutto in campionato. Antonio ConteSi potrebbe dire in “forma campionato” tanto è abile nel dribblare le domande sul perché Llorente non è stato schierato a Roma in Supercoppa e molto probabilmente nemmeno domani giocherà a Genova contro la Sampdoria: “Llorente? Mi chiedete sempre di Llorente – sguscia via Conte – e allora perché non Matri? O Giovinco? O Quagliarella? Tutti sono titolari e possono giocare. Io scelgo la formazione che ritengo migliore, o almeno quella che penso essere la migliore a seconda dell’avversario che affrontiamo, a volte ci azzecco altre no. Ma dobbiamo smetterla con questi ragionamenti perché una grande squadra si vede anche da questo, dal fatto che in panchina ha elementi molto bravi che possono subentrare in ogni momento”. “ Prendete il Bayern – prosegue Conte – ebbene Robben ha giocato il secondo tempo. Prendete il Barcellona, Neymar ha giocato una decina di minuti e così è da noi. Quando Marchisio avrà ricuperato dall’infortunio, non ci sarà nessun problema con Pogba perché Marchisio è un giocatore importante per la Juventus, come tutti i ragazzi della rosa. Io vorrei avere sempre tutti a disposizione”. La Juventus si presenta sulla griglia di partenza del campionato con i favori del pronostico, ma Antonio Conte è più realista di un re: “Si, non possiamo sottrarci al ruolo di favoriti. Questo ruolo l’avevamo anche lo scorso anno e siamo stati bravi a riconfermarci. Anche quest’anno dovremo essere bravi, dovremo dimostrare sul campo di essere i più forti, ma penso che quest’anno sarà molto più impegnativo perché molte squadre si sono rinforzate e di molto, spendendo molto di più di quanto ha speso la Juventus nella campagna acquisti. Eppure dicono che è aumentato il gap rispetto a noi, qualcuno dovrà spiegarmelo prima o poi questa cosa, perché non la capisco”. Domani la Juventus affronterà a Marassi la Sampdoria di Delio Rossi, che l’anno scorso si rivelò la bestia nera per la Juventus e Antonio Conte prevede una partita molto tattica: “ Delio Rossi è un allenatore molto bravo, un uomo di campo, tanti fatti e poca visibilità. La Samp ha in organico molti giovani e come tutti vorrà partire con il piede giusto, avrà dalla sua tanto entusiasmo e uno stadio pieno a spingerli alla vittoria, ma anche noi vogliamo vincere perché vogliamo rimanere in testa alla classifica”. La Juventus si schiererà a Genova con il solito schema tattico e su questo Conte non ha dubbi: “Se con questo modulo vinciamo, perché dovremo cambiarlo?”.

23 agosto 2013


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it