“In una stracittadina la rabbia agonistica a volte può prevalere sulla qualità. Se Ventura ha cambiato modulo avrà avuto le sue buone ragioni, noi lavoriamo per confermarci, anche se so che sarà un duro lavoro. Le squadre che incontriamo cercano di non farci giocare e di limitare i danni”

Franco Brunetti

Aria di derby, un po’ annacquata secondo le previsioni meteorologiche che per domani prevedono pioggia, ma anche in città, dove il derby si è sentito ma nonAntonio Conte come quelli di tempi fa. Lo dimostrano la vendita dei biglietti, a meno di improvvise impennate domani l’Olimpico non sarà esaurito, colpa anche del fatto che la gente vede sempre più le partite in televisione e domani l’ora in cui si giocherà non aiuta. Antonio Conte forte della sua esperienza di giocatore nella stracittadina, non abbassa però la guardia: “Ho rispetto per il Toro, che è una squadra con una buona organizzazione di gioco e dei buoni giocatori. Il derby però è una storia a se stante e molte volte la differenza tecnica non fa la differenza, lo so per esperienza diretta. Nei derby ci vuole anche concentrazione, rabbia agonistica e queste doti a volte prevalgono sulla qualità”. Giampiero Ventura ha messo quest’anno il Toro in campo, secondo un nuovo schema tattico, ma questo non preoccupa il tecnico bianconero: “Se Ventura ha cambiato modulo, avrà avuto le sue brave ragioni, lui è un ottimo tecnico e da parte nostra dovrà esserci un’attenzione molto alta, però ripeto non abbiamo paura ma solo rispetto”. La Juventus arriva alla stracittadina, reduce dalla chiacchierata vittoria sul Chievo Verona e dall’altra sudata vittoria in casa contro il Verona, ma l’analisi di Conte è ottimistica.: “Noi cerchiamo sempre di migliorarci, anche se analizziamo la partita contro il Chievo, si vede che le statistiche sono a nostro favore. Noi cerchiamo di mettere la lente di ingrandimento sulle cose che non vanno, ma vi dico e ripeto che quest’anno riconfermarci campioni sarà una fatica: tutte le squadre che incontreremo cercheranno di non farci giocare e di limitare i danni”. Indubbiamente in questi due anni di vittorie, bisogna dire che la crescita della Juventus è stata esponenziale, ma :”Dopo due anni di successi – prosegue Conte – può succedere che subentri la mentalità, tanto prima o poi questa partita la vinciamo, e quindi ci sia un approccio meno feroce alla gara, ma poiché io ho a disposizione  dei bravi giocatori, ma soprattutto degli ottimi uomini, sono sicuro di aver a che fare con persone che non sono abbagliate dalle vittorie e che sono i primi a lavorare per migliorarsi”. La formazione di domani è top secret, anche se si parla di un possibile turnover per Pirlo: “Stiamo facendo delle valutazioni – sguscia via Conte – per vedere chi dovrà giocare, aspettiamo l’allenamento di stamane e poi decideremo, sicuramente proseguiremo sulla linea del turnover”.  Vucinic intanto si candida al rientro: “ Sta bene – assicura Conte – prima ha avuto il problema al calcagno e se lo è trascinato a lungo, poi il problema al ginocchio in Nazionale, ma si è allenato regolarmente e sta bene”.

28 settembre


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it