Una magia su punizione del fuoriclasse juventino decide la gara di ritorno degli ottavi di Europa League: Fiorentina battuta 1-0. Espulso Gonzalo Rodriguez nell’azione precedente al calcio di punizione

Antonello Vischeri

E’ sicuramente Andrea Pirlo l’eroe di questo turno di Europa League che vede la Juve grazie ad una sua punizione,Andrea Pirlo, match winner passare il turno degli ottavi. Domani il sorteggio dirà quale sarà l’avversaria della Juventus nei quarti di finale. “L’habitat naturale della Juve è la Champions – aveva detto Conte in conferenza stampa – in Europa League ci siamo scivolati”, ma stasera la Juventus non è affatto scivolata sul prato del Franchi di Firenze. Con una gara molto accorta ha lasciato che la Fiorentina conducesse le danze, facendo nel primo tempo quasi il minimo sindacale, ma non dando mai l’impressione di soffrire il gioco dei viola. Certo è che se il tiro di Gomez al 2’ o l’incredibile occasione capitata a Ilicic al 39’ si fossero trasformate in gol staremmo ora a parlare probabilmente di tutt’altro risultato. La Fiorentina inizia subito impossessandosi del centrocampo e cercando di armare il suo fromboliere Gomez che al 2’ su assist di Borja Valero tira prontamente, ma la palla termina fuori di poco, al 5’ ci prova Cuadrato, schierato da Montella sulla linea dei terzini, il suo cross attraversa tutta la luce della porta e si perde sul fondo senza che Gomez riesca ad arrivarci. La Juventus fa fatica a ripartire, ma non sembra preoccupata dalla pressione dei viola e li attende nella propria metà campo cercando di ripartire come al 29’ quando Isla crossa per Pogba, il tiro del francese viene parato da Neto, ma l’ottimo arbitro inglese Webb aveva fermato l’azione per offside di Pogba. Dopo che Pizarro al 28’ si vede parare il suo tiro da Buffon, la Juve esce dalla fase attendista, al 28’ una conclusione secca di Tevez viene parata da Neto, al 31’ Pogba sradica un pallone dai piedi di Pizarro ma il suo tiro è parato con qualche difficoltà in due tempi dal portiere viola e al 33’ una punizione di Pirlo, causata da un fallo con cartellino giallo, di Gonzalo Rodriguez per trattenuta su Tevez, finisce alta sopra la traversa. E’ un buon momento per i bianconeri che al 39’ costruiscono l’azione più bella, fraseggio prolungato e insistito che termina con un assist di Vidal per Tevez che al volo spedisce però fuori. Sul rovesciamento di fronte l’occasionissima di Ilicic, che perso da Chiellini, spara alle stelle da favorevolissima posizione. Si va al riposo sul nulla di fatto, ma con l’impressione che la Fiorentina abbia più fame rispetto ai bianconeri. Nella ripresa la situazione si evolve, La Fiorentina che ha speso molto nel primo tempo va in debito di ossigeno in alcuni suoi uomini, mentre la Juventus si presenta in campo con un atteggiamento più spregiudicato, la partita sale di tono. Al 12’ Buffon para d’istinto un tiro di Cuadrado, al 14’ un affondo dell’ottimo Tevez mette in azione Isla, il suo cross  è raccolto da Vidal che di testa spreca la favorevole occasione, mettendo a lato. Al 17’ un’azione Gomez- Borja Valero- Gomez è fermata da Asamoah. La Juventus alza il ritmo, mentre il gioco dei viola si fa più macchinoso con molti errori nei disimpegni e al 24’ l’episodio che dà una svolta alla gara. Llorente viene atterrato da Gonzalo Rodriguez al limite dell’area, l’arbitro estrae il cartellino giallo e poi quello rosso espellendo il giocatore, assegnando la punizione alla Juventus. Se ne incarica sua maestà Pirlo che con un perfetto colpo mette la palla di poco sotto il sette alla sinistra del portiere, là dove Neto non può arrivare. Lo stadio Franchi ammutolisce, è il match ball dell’incontro. La Fiorentina in inferiorità numerica non ha più le forze e la lucidità necessaria per reagire, i suoi attaccanti non vedono più palla perché ormai la Juventus controlla la gara in scioltezza e anzi aumenta la spinta offensiva inserendo Lichtsteiner per Isla e andando vicinissima al raddoppio al 45’ con Vidal che ancora una volta di testa, su assist di Osvaldo, manda a lato da favorevolissima posizione. Nemmeno i quattro minuti di recupero concessi da Webb offrono concrete chance alla Fiorentina per rimontare lo svantaggio e sperare nei supplementari. I Viola escono comunque a testa alta dalla competizione.
FIORENTINA-JUVENTUS 0-1
FIORENTINA (4-3-1-2): Neto; Cuadrado, Gonzalo Rodriguez, Savic, Tomovic; Aquilani, Pizarro (3’ st Ambrosini), Vargas; Ilicic (27’ st Roncaglia), Borja Valero; Gomez (18’ st Matri). A disp.: Rosati, Bakic, Pasqual, Joaquin. All. Montella.
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Caceres, Bonucci, Chiellini; Isla (31’ st Lichtsteiner), Vidal, Pirlo, Pogba, Asamoah; Llorente (42’ st Osvaldo) Tevez. A disp.:Storari, Romagna, Padoin, Mattiello, Vucinic. All. Conte.
ARBITRO: Webb (Inghilterra)
MARCATORE: 26’ st Pirlo
AMMONITI:  Vidal, Cuadrado, Neto, Tevez
ESPULSO: 24’ st Gonzalo Rodriguez per doppia ammonizione

20 marzo 2014
Fontefoto: Juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it