Con un gol di Padoin al 27’ del secondo tempo i bianconeri battono l’Atalanta. Poi i festeggiamenti per il terzo scudetto consecutivo

Antonello Vischeri

Altri tre punti nel carniere ed il sorpasso al record dell’Inter ormai prossimo. Tanto per completare la festa. La Juventus di Conte inanella stasera la diciottesima altvittoria allo JS e festeggia davanti al suo popolo il terzo scudetto consecutivo. Antonio Conte stasera fa largo uso del turnover, dentro chi ha avuto minori occasioni di giocare ed i big a riposare in panchina. La truppa bianconera sembra poco concentrata sulla gara, ci pensa ogni tanto Conte a richiamarli all’ordine tattico, ma gli uomini in campo sembrano seguire più i cori dei tifosi che le indicazioni del tecnico: insomma non c’è la bava alla bocca delle altre occasioni. Poche le azioni degne di nota nel primo tempo, quasi tutte partite dai guizzi ispirati di Giovinco. Al 9’ Morales ruba palla a Marchisio e serve Denis, bravo mOgbonna a chiuderlo, al 15’ Giovinco per Osvaldo che tira prontamente ma alto di poco sopra la traversa, al 25’ Lichtsteiner rischia un intervento in scivolata su Bonaventura a due metri dalla linea di porta, al 26’ ancora Osvaldo si deve alzato da Consigli sopra la traversa il suo tiro. Il primo tempo si chiude con un’occasione per Denis, che manca di poco l’impatto della gara. La Juvntus presenta nel secondo tempo il desaparecidos Quagliarella al posto di Giovinco ed al 3’ è subito protagonista di un bella triangolazione con Peluso e Padoin, ma il tiro è alto; poi ancora Quagliarella imbecca alla perfezione Osvaldo ma l’azzurro alza sopra la traversa. Al 22’ sequenza di tiri verso la porta di Consigli che dice no a Quagliarella e Pogba. Conte manda anche Tevez in campo, al posto di Osvaldo, ed al 27’ arriva il gol liberatorio. E’ di Padoin, su tacco di Pogba, che angola là dove Consigli non può arrivare. Nell’azione si infortuna Yepes colpito al viso da una ginocchiata involontaria dello stesso Padoin. Storari fa saper al 42’ di essere in campo, parando un tiro dalla distanza di Baselli, poi al 49’ Tevez si mangia clamorosamente il raddoppio. Ma intanto ormai, che importa, possono partire i festeggiamenti.
JUVENTUS-ATALANTA 1-0
JUVENTUS (3-5-2):  Storari; Barzagli, Ogbonna, Chiellini; Lichtsteiner (39' st Pepe), Padoin, Marchisio, Pogba, Peluso; Giovinco (1' st Quagliarella), Osvaldo (20' st Tevez).  A disp: Buffon, Rubinho, Caceres, Bonucci, Isla, Pirlo, Asamoah, Vidal,  Llorente. All.: Conte
ATALANTA (4-4-1-1):  Consigli; Bellini (1' st Benalouane), Lucchini, Yepes (32' st Nica), Brivio; Raimondi (19' st Estigarribia), Baselli, Carmona, Bonaventura; Moralez, Denis. A disp.: Sportiello, Scaloni, Del Grosso, Giorgi, Migliaccio, Kone, Bentancourt, Brienza, De Luca. All.: Colantuono

ARBITRO: De Marco
MARCATORE: 27’ st Padoin
AMMONITI: Estigarribia
5 maggio 2014


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it