Alla base della decisione divergenzr sul mercato e sugli obiettivi

Antonello Vischeri

La bomba è scoppiata all’improvviso all’ora di cena, Antonio Conte non è più l’allenatore della Juventus. “C’è stato un percorso in cui ho maturato delle Antonio Contepercezioni e delle sensazioni  - ha detto Conte - che mi hanno portato a questa decisione”. “Grazie Antonio, sei stato un grande condottiero per i nostri ragazzi e la notizia di oggi mi rattrista enormemente “ ha detto Andrea Agnelli il presidente della Juventus, come riporta il sito ufficiale della società, e accolto le dimissioni. Un divorzio consensuale, dopo tre anni di successi in Italia con la conquista di tre scudetti consecutivi. Alla base della decisione del tecnico avvenuta dopo un colloquio nel pomeriggio ci sarebbero divergenze di vedute sul mercato da fare per tentare meglio attrezzati l’avventura in Champions e di conseguenza di obiettivi da raggiungere quest’anno. Ora si apre la caccia al successore, gli allenatori disponibili che possano vantare un curriculum adatto alla Juventus non sono molti, Spalletti, Allegri e Mancini i più gettonati. La scelta dovrà essere praticamente immediata perché la tournee in Asia è alle porte ed il campionato non è molto distante.
15 luglio 2014


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it