I bianconeri con un ottimo secondo tempo frantumano la resistenza del Malmoe. L’Apache si sblocca in Champions dopo 1103’ di astinenza. Ottima prova di Lichtsteiner

Antonello Vischeri

La Juventus si affaccia sul palcoscenico della Champions, affrontando quella che è alla vigilia l’avversario più abbordabile del girone, gli svedesi del Carlitos Tevez, eroe della serataMalmoe. Madrid sponda Atletico e Atene sponda Olympiacos si sa saranno due trasferte difficili, quindi l’imperativo di stasera in casa Juventus è uno solo: vincere. Le defezioni in casa bianconera sono note, Pirlo, Vidal e Barzagli su tutti, ma anche Pereyra che domenica contro l’Udinese ha ben impressionato. Lo JS presenta larghi vuoti, cosa inusuale fin’ora ed il Malmoe si rivela squadra più difficile del previsto, tutt’altro che facilmente domabile. Il tecnico svedese schiera i suoi alzando una Maginot che imbriglia gli attaccanti bianconeri, poco assistiti dai centrocampisti con Marchisio in leggera difficoltà. Il solo Lichtsteiner si propone generosamente in avanti e già al 6’ un suo cross meriterebbe miglior fortuna, ma né Tevez né Llorente ci arrivano. Attorno al decimo minuti il Malmoe si sveglia e si propone in avanti con Adu, conclusione deviata in angolo e con Thelin che però non riesce ad agganciare davanti a Buffon, che poi è bravissimo al 18’ immolandosi con il corpo e deviando in angolo il tiro  al volo di Eriksson che aveva raccolto un cross dalla destra. Il Malmoe si difende bene e con ordine e si affida in avanti a tiri dalla distanza. La Juventus non riesce a sfondare, c’è poco movimento senza palla e a Llorente e Tevez non riesce la giocata che potrebbe sbloccare la gara. L’occasione d’oro ce l’ha Lichtsteiner al 44’ servito in verticale da Tevez , ma lo svizzero anziché tirare in porta cerca il passagio ad Asamoah che viene intercettato dal portiere Olsen. Si va riposo quindi sullo 0-0, con un gran possesso palla per la Juventus, ma nessuna occasione veramente pericolosa, occasione che ha invece avuto il Malmoe con Eriksson. Nel secondo tempo la Juventus si presenta in campo molto determinata e al 6’ Lichtsteiner riceve sulla destra un pallone da Pogba ma il suo cross è chiuso da un difensore, ci pensa allora Tevez a togliere le castagne dal fuoco.  Splendida azione che parte da tevez che lancia Asamoah che taglia da sinistra portandosi dietro i difensori, il ghanese con un colpo di tacco ferma la palla per Tevez rimasto senza marcatura a centro area e per l’Apache è un gioco battere Olsen con un rasoterra per l’1-0. L’incantesimo che negava il gol in Champions all’argentino e che durava da 1103 minuti, dal 7 aprile 2009 è spezzato. La Juve insiste e al 14’ va nuovamente in gol, anche questo molto bello, Lichtsteiner servito da Pogba, scatta sul filo del fuorigioco, serve un pallone d'oro a Llorente che deposita nella porta sguarnita, ma l'assistente aveva segnalato la posizione di offside, questione di millimetri,  dello svizzero. I bianconeri cercano ora di amministrare la gara, ma creano ancora occasioni da gol , al 25’ ancora Lichtsteiner schiaccia troppo la palla colpendola di testa e facendola impennare sopra la traversa, poi al 33’ Evra crossa dalla sinistra ma né Llorente né Pogba riescono a deviare la palla in rete, al 38’ ancora Lichtsteiner per Llorente che di testa impegna il portiere Olsen che ribatte, riprende lo spagnolo che di tacco cerca il gol, ma Olsen smanaccia in angolo. Mentre la gara si avvia ai titoli di coda Allegri manda nella mischia sia Romulo che Morata e lo spagnolo si mette subito in mostra con un’azione personale di sfondamento che si conclude con un fallo di un difensore al limite dell’area. Siamo al  44’ s’incarica di battere la punizione Tevez, il suo tiro è un capolavoro balistico, una pennellata a giro che si infila a fil di palo sulla sinistra del portiere. 2a 0, tre punti nel carniere e tutti a casa.
JUVENTUS – MALMOE 2-0
JUVENTUS (3-5-2):  Buffon; Caceres, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner (46' st Romulo), Pogba, Marchisio, Asamoah, Evra; Tevez (46' st Giovinco), Llorente (40' st Morata). A disp.: Storari, Ogbonna, Padoin, Coman. All.: Allegri
MALMOE (3-4-1-2):  Olsen; Tinnerholm, Johansson, Halsti, Helander, Konate; Eriksson, Adu, Forsberg; Thelin (28' st Kroon), Rosenberg (8' st Mehemeti). A disp.: Azinovi, Cibicki, Hammar, Nazari, Rakip. All.: Hareide
ARBITRO: Marciniak
MARCATORI: 14’ st Tevez, 44’ st Tevez
AMMONITI:  Konate, Eriksson, Helander
16 settembre 2014

Fontefoto: juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it