Morata consegna ai bianconeri la finale di Champions League: contro il Real finisce 1-1

Antonello Vischeri

E’ una Real Juve quella che dà scacco matto ai Blancos di Ancelotti nel mitico stadio Bernabeu di Madrid. La notte madrilena si colora così di bianconero, la squadra di Allegri con una condotta di gara accorta e giudiziosa, ma non per questo rinunciataria, forti del 2-1 dell’andata, approda quindi alla finale di Berlino dove altincontrerà i marziani del Barcellona, Messi , Neymar & Co. Non succedeva da 12 anni. Allegri può contare sulla formazione migliore, tutti arruolati, mentre Ancelotti recupera Benzema e Kroos. Si parte in un clima incandescente con l’incitamento dei novantamila del Bernabeu, ma soprattutto con l’incitamento dei quattromila tifosi della Vecchia Signora ed è proprio la Juve che nel primo quarto d’ora mette tiene meglio il campo, anche se al 6’ Benzema liberatosi in area di Lichtsteiner da posizione favorevole calcia alto e al 12’ Cristiano Ronaldo su calcio di punizione manda la palla leggermente alta sopra la traversa, complice una leggera deviazione della barriera. La Juve produce una palla gol al 14’ con Vidal messa in angolo da Casillas. Poi gradatamente cresce il Real, al 20’ un missile di Bale da fuori area viene messo in corner da Buffon e al 22’ Chiellini, con un intervento scomposto su James Rodriguez, provoca il rigore che porta in vantaggio il Real. La battuta dal dischetto al 23’ è di CR7 centrale, ma spiazzante per Buffon. Il Real conquista campo, al 29' parte in contropiede tre contro due, ma Cristiano Ronaldo non riesce a servire Benzema, poi Sergio Ramos cerca il gol in sforbiciata, ancora pallone messo in angolo, al 41’ Bale lancia Cristiano Ronaldo ma il suo tiro si ferma sull’esterno della rete , facendo disperare Ancelotti. L’occasione migliore per il Real di arrivare al raddoppio capita subito dopo, Benzema entra in area e calcia sul primo palo, ma Buffon non si fa sorprendere e mette in corner. La ripresa si gioca sui nervi, anche perché il Real ha speso molto e non riesce a mantenere la pressione sull’avversario come nel primo tempo. Il pareggio arriva al 12’ e porta la firma di Morata, punizione in mezzo di Pirlo, Chiellini salta con Casillas, la palla esce dall’area, ma Vidal la ributta dentro, Pogba spizza e Morata a centro area controlla e spara a rete. Casillas tocca il pallone ma non evita il gol. Il Real non ha più la forza di riprendersi la partita, anche se al 18’ Isco smarca di tacco Marcelo, cross al centro per Bale la cui deviazione sottomisura termina di poco a lato. Le parate più difficili le deve compiere Casillas, come al 25’ su Marchisio, messo in azione da Vidal e al 43’ su un tiro di Pogba su assist di Llorente, con in mezzo un colpo di testa di Bale, al 28’ su cross di Cristiano Ronaldo. Si chiude così la semifinale di Champions League con i bianconeri che si abbracciano e desultano assieme al loro allenatore Mssimiliano Allegri a cui va il merito di aver dato a questo gruppo eccezionale sul suolo italico, una dimensione internazionale.
REAL MADRID – JUVENTUS 1-1
REAL MADRID (4-3-3): Casillas; Carvajal, Varane, Ramos, Marcelo; Isco, Kroos, Rodríguez; Bale, Benzema (22’ st Hernández) , C. Ronaldo. A disp.: Illarramendi, Jesé, Pepe, Arbeloa, Navas, Coentrão. All.: Ancelotti
JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Evra; Marchisio, Pirlo (34’st  Barzagli), Pogba (43’ st Pereyra); Vidal; Tevez, Morata (37’ st Llorente). A disp.: Storari, Padoin, Sturaro, Coman. All. Allegri.
ARBITRO: Eriksson (Sve).
MARCATORI: 23’ pt C. Ronaldo (rig.), 12’ st Morata
AMMONITI:  Isco, Rodriguez, Lichtsteiner, tevez
 13 maggio 2015


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it