I bianconeri superano a S. Siro l’Inter per 2-1, al gol iniziale di Icardi, rispondono Marchisio su rigore e Morata

Antonello Vischeri

La Juventus affronta il 164° derby d’Italia con una formazione largamente rimaneggiata. I prossimi impegni, finale di coppa Italia e finale di Champions League sono troppo importanti e d’altronde lo scudetto è già cucito sul petto, per rischiare infortuni e affaticare ulteriormente alcuni giocatori chiave nello scacchiere di Allegri. Quindi fuori Tevez, Pirlo, Buffon, Chiellini e Vidal e spazio alle seconde linee. La gara è viva fin dall’inizio, L’Inter che Mancini ha schierato con un 4-3-1-2 speculare alla Juve ha piazzato Shaqiri alle spalle di Icardi – Palacio e proprio il calciatore albanese Alvaro Morata risolutore anche a San Sironaturalizzato svizzero al 2’ a mettere Icardi in condizione di concludere a rete dai venticinque metri ma Storari riesce a mettere la palla in angolo. La Juve prova a ripartire affidandosi a Morata  ma va sotto al 9’, calcio d’angolo, la difesa juventina riesce a respingere, palla a Brozovic che esplode il destro, deviato involontariamente da Icardi oltre Storari. Le due squadre si affrontano a viso aperto e la partita è godibile, con Shaqiri ad ispirare le manovre nerazzurre, ma con la Juve pronta a ribattere, come al 22’ con Morata che con una grande giocata entra in area e di sinistro impegna Handanovic che con la punta delle dita riesce a deviare. Due minuti dopo è la squadra di mancini a farsi sotto, lancio di Medel, Lichtsteiner anticipa Icardi deviando di testa verso il centro dove Palacio gira di sinistro, ma Storari è pronto per la risposta. Al 27’ bella combinazione Matri – Sturaro, il colpo di tacco dell’ex Milan  libera il centrocampista al tiro di destro, ma Handonovic c’è. Al 39’ l’Inter si vede annullare un gol, per un dubbio fuorigioco di Brozovic, sinistro di Shaqiri dai 20 metri, la palla sbatte sull'incrocio dei pali rientra in campo e Brozovic segna, ma l’arbitro annulla. Al 42’ la Juventus riagguanta il pareggio, Medel con uno sciagurato retropassaggio a centrocampo innesca  Matri che viene atterrato in area da Vidic proprio nel momento in cui l’attaccante sembrava aver perso l’attimo per il tiro, provocando il rigore che Marchisio trasforma spiazzando il portiere interista. La ripresa inizia con due occasioni per i bianconeri, al 1’ Morata prende palla a centrocampo, sfugge alla marcatura di Ranocchia, entra in area ma la sua conclusione non trova lo specchio e un minuto dopo Lichtsteiner dalla destra mette in mezzo, Morata disturbato da D'Ambrosio di testa spedisce fuori ad un metro dalla linea. La partita è meno frenetica rispetto alla prima frazione di gara, ma è ancora l’Inter ad andare vicina al gol al 26’ gran giocata di Kovacic, traversone in area sul quale si avventa D'Ambrosio che in acrobazia sfiora l'incrocio. La partita si avvia ai titoli di coda, ma non per Morata, che al 38’ porta furbescamente con la complicità di Handanovic in vantaggio i bianconeri. La rabbiosa reazione dell’Inter è fermata da un super Storari che al 40’ in due occasioni nega il gol ai nerazzurri prima  riesce a respingere un tiro ravvicinato di Palacio, poi il successivo tap-in di Icardi. Morata mette nuovamente paura ad Handanovic al 42’ con un colpo di testa sul primo palo, su punizione battuta da Marchisio, che non inquadra però lo specchio della porta. Dopo cinque minuti di recupero la Juventus incamera altri tre punti fermando anche l’Inter, in serie positiva da sette giornate, ringraziandola per il suo autolesionismo.
INTER – JUVENTUS 1-2
INTER (4-3-1-2): Handanovic; D'Ambrosio, Ranocchia (44' st Gnoukouri), Vidic, Juan Jesus; Brozovic (37' st Podolski),  Medel,  Kovacic; Shaqiri (26' st Nagatomo); Palacio, Icardi. A disp.: Carrizo, Andreolli, Podolski, Kuzmanovic, Obi, Santon, Felipe, Puscas, Dimarco, Bonazzoli. All.: Mancini
JUVENTUS (4-3-1-2): Storari; Lichtsteiner (10' st Ogbonna), Barzagli, Bonucci, Padoin; Romulo, Marchisio, Sturaro;  Pereyra (33' st Pogba); Morata, Matri (21' st Llorente). A disp.: Rubinho, Audero, Pepe, Coman, Llorente, De Ceglie, Asamoah, Marrone. All.:  Allegri
ARBITRO: Doveri di Roma 1
MARCATORI: 9’ pt Icardi, 42’ pt Marchisio (rig.), 38’ st Morata
AMMONITI: Ranocchia, Brozovic, Vidic , Morata, Lichtsteiner , Kovacic, Juan Jesus
16 maggio 2015

fontefoto: Juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it