Il Chievo passa subito in vantaggio con un gran destro di Hetemaj, poi nel secondo tempo si vede annullare un gol per un dubbio fallo di Cesar su Bonucci. La Juventus al 38’ della ripresa beneficia di un rigore trasformato da Dybala

Antonello Vischeri

Fischi, sonori fischi su questa Juventus incapace di risollevarsi dopo due ko, perché la terza giornata di campionato a momenti regalava ad Allegri e alla sua band la terza sconfitta consecutiva. E’ un testacoda anomalo perché le posizioni in classifica sono invertite, ma la realtà parla in maniera diversa: Chievo subito in gol e Juventus in piena crisi. Allegri rinuncia a Pogba e lancia Morata e Dybala in attacco. Non c’è neanche il tempo di sistemarsi in tribuna che la Juventus è già sotto di Il rigore trasformato da Dybalaun gol: 5’ destro di Hetemaj dal limite dell'area sul cross rasoterra di Birsa, deviato da Barzagli e Buffon deve raccogliere il pallone in fondo alla sua rete. La reazione dei bianconeri produce alcune occasioni da gol, la prima è di Hernanes da fuori area, ma il suo tiro è deviato da Bizzarri in corner, un minuto dopo ci prova Pereyra, fuori di poco. Al 20’ dopo un’azione confusa è Dybala a tentare il tiro, fuori. Il Chievo si difende con ordine e prova ad innescare delle ripartenze ma i suoi avanti sono imprecisi nelle conclusioni, ma la Juventus fa fatica a creare gioco. Così si va al riposo con la Juve sotto di un gol. Ad inizio ripresa Allegri avvicenda Marchisio con Pogba, ma è ancora il Chievo ad andare vicinissimo al raddoppio, ci vuole un miracolo di Buffon al 7’ per fermare il tiro di mancino da pochi passi di Cesar e a mandare la palla a carambolare sul palo. Pereyra che con l’ingresso di Pogba è passato a fare il trequartista al 12’ colpisce il palo, poi la ribattuta di Pogba è respinta col corpo da Frey. Il Chievo segna il secondo gol con Cesar al 17’, che gira in rete una spizzata di Paloschi ma l’arbitro annulla avendo ravvisato un fallo su Bonucci da parte del giocatore clivense che ai più era sfuggito.  Sarebbe stato il tracollo e invece complice anche l’ingresso di Cuadrado al posto di Sturaro, ancora una volta tra i peggiori, la manovra della Juve acquista velocità ed imprevedibilità. La difesa del Chievo comunque regge ed i tentativi di andare in rete da parte dei bianconeri sono affidati a tiri dalla distanza, come quello di Hernanes al 24’. Juve vicina al gol al 35’ su punizione di Hernanes, ma Bizzarri toglie dal sette il pallone, poi al 37’ l’episodio che induce l’arbitro a concedere il rigore in favore dei bianconeri: Cesar contrasta Cuadrado che termina a terra in area e Dybala trasforma alla perfezione. Negli ultimi minuti c’è il forcing finale dei bianconeri, ma è tutto inutile. Finisce 1-1. Pfuiiii!
JUVENTUS-CHIEVO 1-1
JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; Caceres, Barzagli, Bonucci, Alex Sandro; Pereyra, Marchisio (1' st Pogba), Sturaro (20' st Cuadrado); Hernanes, Dybala, Morata (28' st Mandzukic). A disp.: Neto, Audero, Chiellini, Rugani, Padoin, Lemina, Zaza. All. Allegri.
CHIEVO (4-3-1-2): Bizzarri; Frey, Gamberini (13' st Dainelli), Cesar, Gobbi; Castro, Rigoni, Hetemaj; Birsa (28' st Pepe); Meggiorini (21' st Pinzi), Paloschi. A disp.: Bressan, Seculin, Christiansen, Mattiello, Sardo, Cacciatore, Mpoku, Pellissier, Inglese. All. Maran.
ARBITRO: Guida di Torre Annunziata
MARCATORI: 5’ pt Hetemaj, 38’ st Dybala (rig.)
AMMONITI: Castro, Hernanes, Alex Sandro, Birsa, Cesar, Pepe, Bizzarri, Cuadrado
12 settembre 2015

fontefoto: Juventus FC


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it