Contro i tedeschi del Borussia Mönchengladbach allo JS finisce 0-0, bianconeri mai pericolosi

Antonello Vischeri

La Juventus contro i modesti ma ordinati tedeschi del Borussia Mönchengladbach non va oltre allo 0-0, interrompendo così l’effetto Champions e mancando la ghiotta occasione di ritrovarsi prima con largo margine sulle rivali e potendo archiviare così il discorso Champions fino a febbraio. Allegri si affida davanti alla coppia Morata – Mandzukic e Alex Sandro rileva Evra. Gara bloccata tatticamente fin dall’inizio con i bianconeri incapaci di un’accelerazione di ritmo o a una invenzione cheMandzukic cerca la via del gol possa sbloccare la partita. Il gioco di Allegri quest’anno poggia sul gioco corale di squadra, essendo venuti a mancare i solisti che l’anno scorso con un colpo risolvevano la gara, ma è un gioco prevedibile e arginabile perché Pogba non è (ancora?) un leader del centrocampo, Khedira è la fotocopia del bel giocatore ammirato negli anni scorsi e quando anche Marchisio si inceppa per il centrocampo sono dolori e diventa difficile sostenere le punte.  E poi manca la velocità e la progressione di Lichtsteiner sulla fascia. Il primo tiro verso la porta difesa da Sommer lo effettua Morata al 16’ ma finisce alto, i tentativi di andare in gol si spengono al limite dell’area e a Morata, Mandzukic e Pogba non rimane altro che la soluzione dalla distanza. La gara potrebbe svoltare al 42’, Dominguez sulla pressione di Morata sbaglia grossolanamente e poi lo stende per evitare che vada in porta, sarebbe chiara occasione da gol quindi rosso diretto ed espulsione del difensore, ma per l’arbitro e per l’assistente di linea così non è e Dominguez rimedia solo un cartellino giallo e la Juve una punizione che però viene murata dalla barriera. Nella ripresa il Borussia sembra più intraprendente, ma sempre inconcludente e dopo la fiammata iniziale sono nuovamente i bianconeri a riprendere il comando delle operazioni, al 13’ l’arbitro Thompson s’inventa una punizione a favore dei bianconeri, ma il tiro di Pogba è respinto. Inizia il valzer delle sostituzioni, lascia il campo Cuadrado, l’unico che in qualche occasione aveva saltato l’uomo ed entra Pereyra. Esce poi anche Mandzukic e a sorpresa, tutti si aspettavano l’ingresso di Dybala, entra Zaza. Dybala entra al 35’ al posto di Morata, ma ormai la partita , malgrado la pressione finale dei bianconeri è inchidata sullo 0-0.
JUVENTUS-BORUSSIA MÖNCHENGLADBACH 0-0
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Cuadrado (15’ st Pereyra), Khedira, Marchisio, Pogba, Alex Sandro; Mandzukic (25’ st Zaza), Morata (35’ st Dybala). A disp.: Neto, Rugani, Evra, Hernanes. All. Allegri
BORUSSIA MÖNCHENGLADBACH (4-4-2): Sommer; Korb, Christensen, Alvaro Dominguez, Wendt; Traoré (37’ st Hahn), Dahoud (42’ st Nordtveit), Xhaka, Johnson; Raffael (28’ st T. Hazard), Stindl. A disp.:Sippel, Drmic, Jantschke, Hrgota. All. Schubert
ARBITRO: Craig Thomson (Scozia)
AMMONITI:  Wendt, Dominguez, Xhaka, Chiellini

Classifica Gruppo D: Juventus 7; Manchester City 6; Siviglia 3; Borussia M. 1
21 ottobre 2015

Fontefoto: juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it