I bianconeri in balia degli avversari per mezz’ora subiscono la rete di Johnson al 18’, dopo che Dahoud aveva colpito una clamorosa traversa, ma riescono a pareggiare alla fine del primo tempo con Lichtsteiner al rientro dopo l’operazione al cuore

Antonello Vischeri

La Juventus si presenta nel match di ritorno contro il Borussia Mönchengladbach sapendo di poter contare su due risultati utili su tre. Con il pareggio odierno centrano l’obiettivo di avvicinarsi sensibilmente al passaggio del turno anche se il Manchester City li sopravanza ora in classifica, ma il Siviglia è a distanza di altsicurezza e non incute timore. I bianconeri recuperano Lichtsteiner dopo l’intervento al cuore ed Allegri ripropone la difesa a quattro, centrocampo a tre Pogba, Marchisio e Sturaro, con un rifinitore, Hernanes, dietro le due punte Dybala e Morata. Il Borussia Mönchengladbach rivitalizzato dal tecnico Schubert non è più l’allegra banda del buco di inizio stagione e lo dimostra partendo subito con un ritmo frenetico ed un pressing asfissiante e molto alto, facendo girare molto bene la palla. La Juventus è in completa balia dell’avversario e lo sarà per mezz’ora: il centrocampo non funziona a dovere, le punte non hanno rifornimenti e la difesa soffre sulle fasce. Il primo campanello d’allarme per Buffon suona al 13’,il  centrocampista Dahoud colpisce una clamorosa traversa clamorosa; quattro minuti dopo Chiellini cicca un  cross di Traoré, palla a Raffael, che la serve a Johnson, tiro ad incrociare e palla in rete. I tedeschi non mollano, ci provano Traoré e Nordtveit, ma inevitabilmente rallentano il loro ritmo indiavolato e lentamente la Juve risorge, al 25’ la prima occasione per Dybala con palla deviata in angolo, poi al 39’ punizione battuta dalla trequarti, colpo di testa vincente di Evra, ma il portiere mascherato Sommers riesce a distendersi e a salvare la sua porta. Il pareggio arriva al 45’, giro palla dei bianconeri con Pogba che smista sulla destra all’accorrente Lichsteiner che tutto solo tira sul palo lungo, la palla batte sulla faccia interna ed entra in rete: 1-1 tutti negli spogliatoi. Al rientro in campo c’è un’altra Juventus, Pogba incomincia a girare e i bianconeri vanno vicini al gol con Pogba e con Morata al 5’, ma nel momento di maggior pressione perdono Hernanes per espulsione all’ 8’ per un’entratraccia a piedi giunti su Dominguez. Allegri corre ai ripari, togliendo prima Dybala per Cuadrado e poi Morata per Barzagli. L’ordine è: tutti in difesa a difendere il pari. Tattica un po’ suicida e Buffon si erge protagonista al 32’ sul colpo di testa di Stidl e al 44’ su una gran conclusione di Hazard che il portiere bianconero alza con l’aiuto della traversa. Nei tre minuti di recupero i bianconeri serrano ancora di più le fila e portano in salvo il prezioso pareggio.
BORUSSIA MÖNCHENGLADBACH-JUVENTUS 1-1
BORUSSIA MÖNCHENGLADBACH: Sommer; Nordtveit, Christensen,  Dominguez, Wendt; Traorè, Dahoud, Xhaka, Johnson (40' st Hazard); Stindl; Raffael. A disp.: Heimerot, Brouweser, Schulz, Drmic, Hrgota. All.: Schubert
JUVENTUS: Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Evra; Sturaro (42' st Lemina), Marchisio, Pogba; Hernanes; Dybala (18' st Cuadrado), Morata (30' st Barzagli). A disp.: Neto, Alex Sandro, Zaza, Mandzukic. All.: Allegri
ARBITRO: Kuipers (NED)
MARCATORI: 18’ pt Johnson, 44' pt Lichtsteiner
AMMONITI: Marchisio, Dybala, Sturaro
ESPULSI: 8' st Hernanes
3 ottobre 2015


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it