I bianconeri subiscono il gol di Borriello poi ribaltano la situazione con un doppio Mandzukic ed un gol di Pogba. L’autogol di Bonucci nel finale, mette in fibrillazione Allegri che si straccia le vesti

Antonello Vischeri

E con questa sono sette. Sette le vittorie consecutive di questa Juventus sempre più marchiata Mandzukic che va a vincere a Carpi 3-2 mantenendo così un ruolino di marcia impressionante che li ha rilanciati in zona scudetto. E dire che gli emiliani avevano cercato di mettere il bastone tra le ruote alla Allegri-band, chiusi in difesa e attenti a non lasciare spazi agli attaccanti bianconeri, ma pronti anche a  ripartire, insomma una squadra in brillante salute fisica e ben messa in campo da Castori. Lo testimoniano gli ultimi minuti finali che hanno messo in apprensione Allegri che si è persino stracciato le vesti tanto era incavolato. I bianconeri tentano la conclusione dalla distanza con Dybala al 4’, visto gli spazi intasati, ma sono gli emiliani a passare in vantaggio al 15’ Cuadrado sbaglia a centrocampo e Cofie serve in profondità Borriello, che elude la marcatura di Bonucci e batte Buffon con un destro sul primo palo. Tre minuti e Mandzukic ristabilisce la situazione di parità, cross da destra di Cuadrado, Khedira spara su Belec, ci prova poi Dybala tiro rimpallato, sulla respinta Mandzukic la butta dentro con una girata da applausi. La partita ora è divertente, il ritmo aumenta, ci provano Marchisio, Khedira, ma Belec riesce sempre ad intervenire evitando il gol del sorpasso, non però al 41’ quando Evra arriva sul fondo e pennella al limite dell'area piccola, Mandzukic  con elevazione perfetta di  testa  schiaccia in rete la sua prima doppietta in bianconero. La Juve chiude la gara al 5’ della ripresa, Marchisio inventa un lancio di quaranta metri per Pogba che controlla di petto, e anticipando l'uscita di Belec, mette in rete il 3-1. Quando già si è ai titoli di coda, la Juve si complica la vita, 46’ uno svarione di Bonucci che nel tentativo di rinviare colpisce male la palla e la infila alle spalle di Buffon. Un barlume di speranza per il Carpi., che nelle battute finali avrebbe anche la palla del terzo gol, ma anche il pallone del pareggio, ma Lollo impatta male e Buffon può controllare. Crescita davvero esponenziale della squadra di AQllegri che ha trovato in Mandzukic un killer mostruoso.
CARPI-JUVENTUS 2-3
CARPI: Belec; Letizia, Zaccardo, Romagnoli, Gagliolo, Gabriel Silva; Cofie (25' st Bianco), Marrone, Lollo; Di Gaudio (9' st Lasagna); Borriello (21' st Mbakogu)
A disp.: Brkic, Spolli, Lazzari, Pasciuti, Matos. All.: Castori
JUVENTUS: Buffon; Barzagli (12' st Rugani), Bonucci, Chiellini; Cuadrado (38' st Lichtsteiner), Khedira, Marchisio, Pogba, Evra; Dybala (24' st Morata), Mandzukic
A disp.: Neto, Rubinho, Caceres, Alex Sandro, Asamoah, Padoin, Sturaro, Hernanes,  Zaza. All.: Allegri
ARBITRO: Giacomelli
MARCATOIRI: 15' pt Borriello, 18' pt Mandzukic, 41' pt Mandukic, 5' st Pogba, 46' st Bonucci (aut.)
AMMONITI: Gabriel Silva
20 dicembre 2015


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it