Superba prova dei bianconeri che sconfiggono nella semifinale di andata di TIM Cup, l’Inter 3-0. Doppietta di Morata, il primo gol su rigore e gol di Dybala, ottima prova di Cuadrado. Espulso Murillo

Antonello Vischeri

Cambiano le squadre avversarie, cambiano le competizioni, ma il risultato è sempre uguale: la Juventus domina e stravince. E’ successo anche stasera nella semifinale di andata della TIM Cup contro l’Inter; il risultato è di quelli che non ammettono repliche, un 3-0 che avrebbe potuto essere anche più rotondo e che Alvaro Morata Re di Coppaestromette praticamente l’Inter dai giochi e consegna la finale alla Juventus. Ma la gara di stasera riconsegna soprattutto un Alvaro Morata in gran spolvero a Massimiliano Allegri, che ha motivo di essere molto soddisfatto perché in questa gara ha ritrovato l’attaccante killer dello scorso anno. L’Inter esce dallo Stadium con le ossa rotte ed in piena crisi. Cuadrado ha spaccato con le sue accelerazioni la partita e Morata ha capitalizzato al meglio le occasioni che gli sono state offerte, già al 13’ Handanovic deve uscire dai pali e anticipare Mandzukic di testa, poi Miranda commette fallo e sulla successiva punizione calciata da Cuadrado c’è la prima contestazione dei bianconeri, Medel in area devia e respinge con un braccio ma Tagliavento lascia proseguire. Al 21’ è Cuadrado a sfiorare il palo alla destra di Handanovic con un tiro da fuori area poi al 33’ il rigore a favore della Juventus: Cuadrado entra in area e viene toccato da Medel, per Tagliavento questa volta è rigore netto che Morata al 36’ trasforma, ritrovando così la via del gol. Nella ripresa la Juventus lascia che sia l’Inter a condurre i giochi, ma i ritmi sono slow e questo va a tutto favore della squadra di Allegri che cerca di sfruttare le ripartenze. Al 18’ il raddoppio, cross di Evra, respinta corta di Melo, Morata di prima intenzione sottomisura gira in rete. Neto risponde presente al 21’ intervenendo alla grande su un colpo di testa di Murillo, poi i nerazzurri rimangono in inferiorità numerica al 25’ per l’espulsione di Murillo che rimedia il secondo giallo per l’ennesimo fallo su Cuadrado. Allegri dà spazio anche a Dybala, avvicendando Mandzukic e la Yoya lo ripaga siglando la terza rete al 38’, Asamoah mette al centro per Dybala che batte Handanovic con un sinistro a giro centrale dal limite dell'area. La gara di ritorno a S. Siro sarà poco più di una formalità visto lo stato di forma della Juventus e la crisi in cui è piombata la squadra di Mancini.
JUVENTUS-INTER 3-0
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Caceres, Bonucci, Chiellini; Cuadrado (45’ st Padoin), Pogba, Marchisio, Asamoah, Evra (38’ st Alex Sandro); Morata, Mandzukic (32’ st Dybala). A disp.: Buffon, Rubinho, Barzagli, Rugani, Lichtsteiner, Hernanes. All. Allegri
INTER (4-1-4-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Nagatomo; Melo (19’st Brozovic); Biabiany (32’ st Icardi), Medel, Kondogbia, Ljajic (35’ st Juan Jesus); Jovetic. A disp.: Carrizo, Berni, Ranocchia, Telles, Montoya, Santon, Gnoukouri, Palacio, Manaj. All. Mancini
ARBITRO: Tagliavento di Terni
MARCATORI: 36’ pt Morata (rig.), 18’ st Morata, 38’ st Dybala
AMMONITI: Bonucci, Miranda, Kondogbia
ESPULSO: 25’ st  Murillo
27 gennaio 2016

Fontefoto: Juventus FC


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it