I bianconeri battono il Palermo 1-0 grazie all’autogol di Goldaniga al 4’ della ripresa. Gara difficile per la squadra di Allegri, che senza Dybala risulta senza ide. La coppia Higuain Mandzukic non convince

Antonello Vischeri

Brutta partita della Juventus al Renzo Barbera contro il Palermo, risolta soltanto dall’autogol ad inizio del secondo tempo dall’autogol di Goldaniga. Allegri rimescola ancora una volta le carte e stavolta a rimanere in panchina sono Dybala e Chiellini e in attacco il conducator bianconero, come aveva fatto intuire in conferenza altstampa,  schiera la coppia Mandzukic e Higuain. Non è che il risultato sia entusiasmante le due punte non funzionano, non deve trarre in inganno il primo tiro del Pipita dopo 12’’, perché hanno gli stessi movimenti e poi i cross dalle fasce sono pochini, Dani Alves non è in gran giornata e Alex Sandro è quasi assente. De Zerbi invece  cambia quattro uomini rispetto al turno infrasettimanale, piazza la difesa a tre e due trequartisti dietro al centravanti Balogh, Chochev e Diamanti. Il Palermo comunque poggia sull’esperienza e sulle giocate di Diamanti. Il primo tempo è combattuto , a tratti anche spigoloso, il primo ammonito della gara è Bonucci che al 3’ stende Diamanti per rimediare ad un errato retropassaggio di Dani Alves. Il Palermo bada al sodo e si schiera bene in campo e all’occorrenza ricorre anche al gioco duro, al 6’ le caviglie di Mandzukic sono massaggiate da Goldaniga ed il croato s’innervosisce rimediando anche lui un cartellino giallo al 9’. In campo c’è molto nervosismo e agonismo ed il gioco stenta a decollare essendo di continuo interrotto. Al 24’ Higuain viene lanciato in profondità da Pjanic, l’argentino controlla al volo, entra in area di rigore, ma viene chiuso dall'uscita in presa bassa di Posavec. Diamanti è l’ispiratore del gioco dei rosanero ed interviene in tutte le azioni di attacco al 25’ verticalizza per Balogh, che fa a sportellate con Rugani e guadagna una rimessa laterale.Nell’ìazione si infortuna lo juventino che è costretto ad uscire, rimpiazzato da Cuadrado. La Juventus cambia modulo e si schiera con un anomalo 4-3-3, e al 33’ crea una buona opportunità con una ripartenza velocissima, Higuain trova Lemina che calcia ad incrociare: vola Posavec che respinge poi  Goldaniga e Gonzalez spazzano liberando in corner. Al 38’ il Palermo cerca il gol con una bella azione avvolgente finalizzata da Jajalo con una conclusione da fuori area: ne esce un tiro strozzato che non impensierisce la retroguardia bianconera. E’ questo il limite dei palermitani, poca personalità in attacco. Si sveglia la Juve nei minuti di recupero, al 46’ Cuadrado mette in mezzo per Mandzukic, il portiere Posavec esce coi pugni e libera l’area ma la palla arriva a Pjanic che da fuori area “passa la palla” al portiere rosanero che ancora una volta blocca con sicurezza.  Finisce così il primo tempo: Juve brutta e con poche idee. Idee che Allegri cerca di schiarire nell’intervallo, ma ci vuole l’aiuto di un autogol per permettere alla squadra bianconera di passare in vantaggio, 4’ tiro cross di Dani Alves deviato di tacco da Goldaniga sukl quale Posacev non può far nulla. La Juve si rivede al 21’ cross di Dani Alves, palla a Mandzukic, che calcia al volo, ma Posavec si supera e mette in corner.  Ancora Mandzukic protagonista al 25’ messo in azione da Khedira, il tiro a botta sicura e parato alla grande da Posacev. Al 27’ Mandzukic va in gol,  Dani Alves batte la punizione per Mandzukic, che in scivolata buca Posavec , ma il gol, che sarebbe il primo in campionato del croato, viene  annullato per posizione irregolare. De Zerbi cerca di aumentare  e ci riesce chiudendo la Juve nella propria metà campo, ma senza creare problemi a Buffon. I rosanero ci provano fino alla fine con una prova coraggiosa, che avrebbe meritato  anche un premio che invece è appannaggio della Juve, che però  chiude in dieci per l'infortunio di Asamoah. Martedì è nuovamente di scena la Champions League.
PALERMO-JUVENTUS 0-1
PALERMO (3-4-2-1): Posavec; Cionek, Gonzalez, Goldaniga; Rispoli, Gazzi, Jajalo (22' st Bruno Henrique), Aleesami; Diamanti, Chochev (35' st Hiljemark); Balogh (14' st Nestorovski). A disp.: Marson, Fulignati, Vitiello, Andelkovic, Sallai, Bouy, Pezzella, Lo Faso. All. De Zerbi.
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Rugani (31' pt Cuadrado); Dani Alves ( 41' st Chiellini), Khedira, Lemina, Pjanic (23' st Asamoah), Alex Sandro; Mandzukic, Higuain. A disp.: Neto, Audero, Hernanes, Pjaca, Dybala, Lichtsteiner, Sturaro, Evra. All. Allegri.
ARBITRO: Valeri di Roma
MARCATORE: 4’ st Goldaniga (aut.)
AMMONITI:  Bonucci, Goldaniga, Mandzukic, Gonzalez, Dani Alves, Aleesami
24 settembre 2016 

fontefoto: juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it