Battuto il Lione 1-0 con un gol di Cuadrado nella ripresa. Buffon para un rigore a Lacazette ed è miracoloso in altri due interventi. Espulso Lemina

Antonello Vischeri

La Juventus esce vincitrice dal Parc Olympique Lyonnais con una preziosa vittoria in tasca che la consolida in testa alla classifica del suo girone, seppure in coabitazione con il Siviglia, con la certezza, se mai ce ne fosse stato bisogno, di avere un superman come portiere e di poter contare a turno su uno dei suoi top player per risolvere gli incontri. Tre realtà non da poco, in una partita in cui la Juventus contro il Lione ha dapprima governato senza creare grossi pericoli alla porta difesa da Lopes, poi tremato per il rigore concesso al Lione per fallo di Bonucci in area e per l’espulsione di Lemina ed infine gioito per lo splendido gol di Cuadrado, quando il Lione stava intensificando le sue folate offensive. Il Lione cerca di chiudere tutti gli spazi possibili sistemando nove uomini dietro la linea della palla e si affida alle ripartenze, la squadra di Allegri non ha molti spazi per creare azioni pericolose, arriva comunque dalle parti di Lopes all’8’ con una conclusione di Bonucci che è respinta in mischia e al 24’ con Alex Sandro che serve  Higuain in profondità, ma il destro dell'argentino viene deviato da Lopes. Il primo brivido per i bianconeri al 34’ su calcio d’angolo, Bonucci trattiene e atterra in area Diakhaby e l'arbitro concede il rigore per il Lione: sul dischetto si presenta Lacazette, ma un super Buffon intuisce il tiro e lo devia e con l’aiuto poi dei compagni la palla finisce in corner. Mirata miracolo numero uno di Super Gigi. Dopo un’ammonizione a Lemina, la Juventus ha ancora alcune buone chance, prima  con Higuain che gira di testa al 43’ il cross dalla trequarti di Dani Alves, che Lopes devia in tuffo, poi al 45’ con Khedira che prova la girata ma la sua conclusione viene respinta da un difensore ed infine al 46’ in pieno recupero con Bonucci che di testa mette a lato di un soffio un cross perfetto di Dani Alves. I bianconeri in questo primo tempo hanno cercato di imporre la loro personalità ed il loro gioco senza però riuscirci, andando solo in crisi in occasione del’episodio del rigore. L’inizio della ripresa è made in Lione e ci vuole uno straordinario Buffon al 5’ ad intercettare con la mano il tiro di Tolisso, messo in azione da un lancio errato di dani Alves. Parata miracolo numero due del portiere bianconero che tiene la Juventus in partita. Al 9’ altro colpo di scena, Lemina si prende la seconda ammonizione con un intervento in ritardo su Fekir e di conseguenza il cartellino rosso, lasciando così i compagni in inferiorità numerica. Allegri al 24’ decide la sostituzione di Dybala, affaticato con Cuadrado ed è la mossa vincente del tecnico, ma al 26’ ci vuole nuovamente un intervento miracoloso di Buffon che chiude la porta con una parata di piede su un colpo di testa di Gonalons, tenendo la Juve viva. Il colombiano ripaga la fiducia del tecnico al 31’, punta Morel sulla destra e sorprende Lopes con una conclusione improvvisa sul primo palo. Il Lione tenta il forcing finale alla ricerca del pareggio, 41’ Gonalons tira dal limite, ma Buffon si tuffa sulla sinistra e respinge coi pugni, 48’ Ghezzal controlla appena dentro l'area di rigore e conclude col mancino, ma palla finisce a lato di poco. E’ l’ultima occasione per i transalpini per cercare il gol, infatti subito dopo l’arbitro polacco Marciniak emette il triplice fischio che sancisce la fine della gara. Juventus batte Lione 1-0.
LIONE (3-5-2) Lopes; Yanga-Mbiwa, Nkolou, Diakhaby; Rafael, Darder (19' st Ferri), Gonalons, Tolisso, Morel; Lacazette (26' st Cornet), Fekir. A disp.: Gorgelin, Ghezzal, Gaspar, Valbuena, Tousart. All. Genesio.
JUVENTUS (3-5-2) Buffon; Barzagli, Bonucci, Evra; Dani Alves (38' st Benatia), Khedira (30' st Sturaro), Lemina, Pjanic, Alex Sandro; Higuain, Dybala (24' st Cuadrado). A disp.: Neto, Hernanes, Mattiello, Kean. All. Allegri
ARBITRO Marciniak (Pol)
MARCATORE: 31’ st Cuadrado
AMMONITI: Bonucci, Rafael, Darder, Lacazette, Diakhaby, Ferri
ESPULSO: 9’ st Lemina (J)

18 ottobre 2016
fontefoto: juventus.com


Battuto il Lione 1-0 con un gol di Cuadrado nella ripresa. Buffon para un rigore a Lacazette ed è miracoloso in altri due interventi. Espulso Lemina

Antonello Vischeri

La Juventus esce vincitrice dal Parc Olympique Lyonnais con una preziosa vittoria in tasca che la consolida in testa alla classifica del suo girone, seppure in coabitazione con il Siviglia, con la certezza, se mai ce ne fosse stato bisogno, di avere un superman come portiere e di poter contare a turno su uno dei suoi top altplayer per risolvere gli incontri. Tre realtà non da poco, in una partita in cui la Juventus contro il Lione ha dapprima governato senza creare grossi pericoli alla porta difesa da Lopes, poi tremato per il rigore concesso al Lione per fallo di Bonucci in area e per l’espulsione di Lemina ed infine gioito per lo splendido gol di Cuadrado, quando il Lione stava intensificando le sue folate offensive. Il Lione cerca di chiudere tutti gli spazi possibili sistemando nove uomini dietro la linea della palla e si affida alle ripartenze, la squadra di Allegri non ha molti spazi per creare azioni pericolose, arriva comunque dalle parti di Lopes all’8’ con una conclusione di Bonucci che è respinta in mischia e al 24’ con Alex Sandro che serve  Higuain in profondità, ma il destro dell'argentino viene deviato da Lopes. Il primo brivido per i bianconeri al 34’ su calcio d’angolo, Bonucci trattiene e atterra in area Diakhaby e l'arbitro concede il rigore per il Lione: sul dischetto si presenta Lacazette, ma un super Buffon intuisce il tiro e lo devia e con l’aiuto poi dei compagni la palla finisce in corner. Mirata miracolo numero uno di Super Gigi. Dopo un’ammonizione a Lemina, la Juventus ha ancora alcune buone chance, prima  con Higuain che gira di testa al 43’ il cross dalla trequarti di Dani Alves, che Lopes devia in tuffo, poi al 45’ con Khedira che prova la girata ma la sua conclusione viene respinta da un difensore ed infine al 46’ in pieno recupero con Bonucci che di testa mette a lato di un soffio un cross perfetto di Dani Alves. I bianconeri in questo primo tempo hanno cercato di imporre la loro personalità ed il loro gioco senza però riuscirci, andando solo in crisi in occasione del’episodio del rigore. L’inizio della ripresa è made in Lione e ci vuole uno straordinario Buffon al 5’ ad intercettare con la mano il tiro di Tolisso, messo in azione da un lancio errato di dani Alves. Parata miracolo numero due del portiere bianconero che tiene la Juventus in partita. Al 9’ altro colpo di scena, Lemina si prende la seconda ammonizione con un intervento in ritardo su Fekir e di conseguenza il cartellino rosso, lasciando così i compagni in inferiorità numerica. Allegri al 24’ decide la sostituzione di Dybala, affaticato con Cuadrado ed è la mossa vincente del tecnico, ma al 26’ ci vuole nuovamente un intervento miracoloso di Buffon che chiude la porta con una parata di piede su un colpo di testa di Gonalons, tenendo la Juve viva. Il colombiano ripaga la fiducia del tecnico al 31’, punta Morel sulla destra e sorprende Lopes con una conclusione improvvisa sul primo palo. Il Lione tenta il forcing finale alla ricerca del pareggio, 41’ Gonalons tira dal limite, ma Buffon si tuffa sulla sinistra e respinge coi pugni, 48’ Ghezzal controlla appena dentro l'area di rigore e conclude col mancino, ma palla finisce a lato di poco. E’ l’ultima occasione per i transalpini per cercare il gol, infatti subito dopo l’arbitro polacco Marciniak emette il triplice fischio che sancisce la fine della gara. Juventus batte Lione 1-0.
LIONE (3-5-2): Lopes; Yanga-Mbiwa, Nkolou, Diakhaby; Rafael, Darder (19' st Ferri), Gonalons, Tolisso, Morel; Lacazette (26' st Cornet), Fekir. A disp.: Gorgelin, Ghezzal, Gaspar, Valbuena, Tousart. All. Genesio.
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Evra; Dani Alves (38' st Benatia), Khedira (30' st Sturaro), Lemina, Pjanic, Alex Sandro; Higuain, Dybala (24' st Cuadrado). A disp.: Neto, Hernanes, Mattiello, Kean. All. Allegri
ARBITRO: Marciniak (Pol)
MARCATORE: 31’ st Cuadrado
AMMONITI: Bonucci, Rafael, Darder, Lacazette, Diakhaby, Ferri
ESPULSO: 9’ st Lemina (J)

18 ottobre 2016
fontefoto: juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it