I bianconeri vincono 2-0 grazie alle reti di Mandzukic e Higuain nella ripresa. La squadra di Nicola resiste un’ora

Antonello Vischeri

La Juventus si presenta allo Scida di Crotone, tutto esaurito anche le finestre dell’ospedale prospiciente lo stadio, con una formazione rimaneggiata dal turnover. Allegri preferisce avvicendare alcuni titolari, quindi spazio a Rugani, Asamoah, Dani Alves, Pianic  e Pjaca, ma l’allenatore bianconero non rinuncia al trio Higuain, altDybala e Mandzukic. L’allenatore del Crotone, Davide Nicola, schiera a sua volta una squadra lungo un 4-4-2, votata più a difendere che a offendere, anche se schiera Tonev a supporto di Falcinelli e quindi la partita diventa un assedio alla porta di Cordaz, ma è un assedio blando senza pressing, senza grossa energia e spirito d’iniziativa, tanto è vero che la prima occasione la Juventus la crea al 23’, un’ottima combinazione tra Dybala e Higuain viene fermata dalla parata di Cordaz. I ritmi non sono molto elevati ed il Crotone riesce a tenere bene in difesa. I pericoli maggiori li crea sulla destra Dybala, 31’altra palla gol costruita dall’argentino sulla destra e palla messa in mezzo per Higuain che tira di prima intenzione, ma allarga troppo il tiro e la palla finisce a lato , così come al 35’ El Pipita, con un tiro morbido in bocca a Cordaz, spreca un altro pregevole assist servitogli sempre da destra dalla Joya. Batti e ribatti e alla fine, proprio al 45’ la Juventus riesce a creare la sua prima vera palla gol, colpo di testa di Pjaca, Cordaz d’istinto riesce ad intercettare la palla, che viene ripresa da Dybala che supera il portiere con un lob, ma sulla linea si materializza Ferrari che rinvia. La Juventus affronta la ripresa con più grinta e ritmo, gli attaccanti appaiono più decisi e attivi nel proporsi e così arriva il gol: 15’ Asamoah lascia partire una fucilata che Cordaz riesce a fermare sul suo palo ma non a bloccare, sulla palla si avventa Mandzukic che con precisione chirurgica la mette tra il palo e la mano di Cordaz, portando così in vantaggio i bianconeri. La reazione del Crotone è in un colpo di testa di Falcinelli bloccato da Buffon, ma ora la squadra di Nicola abbandona la tattica difensiva e cerca di proporsi in avanti, ravvivando un po’ il match. Il Crotone viene punito al 29’ da Higuain che riceve un lancio profondo di Rincon, entrato al posto di Khedira, mette a sedere Cordaz e segna a porta vuota. Anche questa volta la reaione del Crotone c’è e Falcinelli al 31’ reclama un fallo di rigore, trattenuta di Rugani per la maglia in area, ma l’arbitro fa segno di proseguire. La partita si chiude con ancora due occasioni gol per la Juventus, al 40’ cross di Barzagli e splendido destro al volo di Pjanic che si infrange sulla traversa ed un minuto dopo ancora Pjanic lancia Higuain si invola e calcia di potenza, ma la conclusione, pur da ottima posizione è alta. Il vantaggio sulla Roma sale così a sette punti.
CROTONE – JUVENTUS 0-2
CROTONE: Cordaz; Mesbah, Ferrari, Ceccherini, Rosi, Barberis, Stoian, Tonev (33’ st Trotta), Sampirisi (25’ st Acosty), Capezzi, Falcinelli (39’ st Suljic). A disp: Martella, Festa, Cuomo, Viscovo, Dussenne, Claiton, Simy, Nalini, Kotnik. All.: Nicola
JUVENTUS: Buffon; Rugani, Bonucci, Asamoah, Dani Alves (33’ st Barzagli), Khedira (25’ st Pjanic), Mandzukic, Rincón, Pjaca (43’ st Sturaro), Dybala, Higuaín. A disp.: Neto, Audero, Mattiello, Lichtsteiner, Benatia, Alex Sandro, Cuadrado. All.: Allegri
ARBITRO: Valeri di Roma 1
MARCATORI: 15’ st Mandzukic, 29’ st Higuain
AMMONITI: Bonucci
8 febbraio 2017

fontefoto: juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it