Partita facile dei bianconeri che vanno a segno con Marchisio, Higuain e con una doppietta di Dybala. Nel minuti di recupero il gol di Cochev per i rosanero

Antonello Vischeri

La Juventus senza neanche sforzarsi troppo, regola allo Juventus Stadium il Palermo con un sonoro 4-1. Allegri cambia interpreti a centrocampo ed in difesa ma non abbandona il suo nuovo modulo 4-2-3-1, inserendo Pjaca al posto di Manduzukic squalificato. Anche Lopez cambia qualcosa rispetto alla gara contro l’Atalanta, altAleesami e Anđelković al posto di González e Pezzella, mentre davanti, Balogh e Sallai supportano Nestorovski E’ quasi il testa coda del campionato ed i top player bianconeri fanno comunque la differenza contro un Palermo voglioso ma subito in evidente difficoltà, con Goldaniga subito ammonito per un contrasto su Sturaro: è il 5’ Dybala calcia la punizione con una traiettoria a giro, che scavalca la barriera e si stampa contro la faccia esterna del palo. Il ritmo è blando e la Juventus passa in vantaggio al 13’, sugli sviluppi di una punizione, Posavec in uscita bassa para sui piedi di Higuaín, ma non trattiene la palla sulla quale arriva Marchisio, che insacca a porta sguarnita. La reazione del Palermo c’è e due minuti dopo Buffon con una parata non facile a terra chiude la porta a Nestorovski che aveva vinto un duello con Benatia. Poi è dinuovo solo Juve, 21' Khedira si avventa su un cross di Pjaca, sfiorato da Posavec, il portiere è superato, ma Aleesami spazza via. Per vedere il secondo gol bisogna aspettare il 40’, calcio di punizione magistrale di Dybala, che scavalca la barriera e si spegne sotto l'incrocio dei pali. Anche la ripresa inizia con la Juventus padrona del giocop e al 18’ i bianconeri vanno ancora in gol, Palla filtrante di Dybala per Higuaín, che, con un tocco morbido, sigla il tris bianconero. Alla mezz’ora brivido per Posacev, il portiere nel tentativo di anticipare Higuaín, Goldaniga si scontra con Posavec, il portiere rosanero rimane immobile a terra per qualche istante, ma per fortuna dopo l'intervento dello staff medico, l'estremo difensore si rialza. Allegri intanto aveva iniziato a far rifiatare qualche titolare inserendo gli uomini a disposizione in panchina e dopo che Cuadrado aveva fallito un’occasione, ecco al 44’il quarto gol dopo  una sontuosa giocata di Higuaín, che soffia palla a Goldaniga e di tacco serve l'accorrente Dybala, la doppietta dell’ex Palermo chiude la gara. Colpo di coda al 48’ del Palermo, cross dalla destra di Diamanti per la testa di Chochev, che svetta più in alto di tutti e regala al Palermo il gol della bandiera Ora testa al Porto.
JUVENTUS-PALERMO 4-1
JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Dani Alves, Benatia, Bonucci, Asamoah; Khedira (1'st Lemina), Marchisio (30'st Rincon); Pjaca, Dybala, Sturaro (25'st Cuadrado); Higuain. A disp.: Neto, Audero, Pjanic, Alex Sandro, Rugani, Lichtsteiner, Kean. All. Allegri
PALERMO (4-3-3): Posavec; Rispoli, Goldaniga, Andelkovic, Aleesami; Jajalo (6'st Sunjic), Bruno Henrique, Chochev; Sallai (26'st Embalo) , Nestorovski, Balogh (37'st Diamanti). A disp.: Marson, Breza, Vitiello, Trajkovski, Gonzalez, Gazzi, Cionek, Morganella. All. Diego Lopez
ARBITRO: Di Bello di Brindisi
MARCATORI: 13' pt Marchisio, 40' pt Dybala, 18' st Higuain, 44' st Dybala, 48' st Chochev
AMMONITI: Goldaniga, Marchisio
17 febbraio 2017

fontefoto: juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it