I bianconeri battono il Porto 2-0. Decidono le sostituzioni di Allegri, a segno nel secondo tempo Pjaca e Dani Alves

Antonello Vischeri    

La Juventus forza cinque, con i cinque tenori in campo e con la sola eccezione di Bonucci, spedito a sorpresa di Allegri in tribuna per motivi disciplinari, si presenta allo stadio Do Dragao di Porto senza patire il trambusto mediatico che la decisione ha provocato e ne esce vittoriosa per 2-0, un risultato rassicurante che altpraticamente lancia la squadra di Allegri nei quarti di finale. Ci sono voluti però i cambi ancora una volta azzeccati da Allegri per risolvere la partita, il Porto pur ridotto in inferiorità numerica dal 27’ del primo tempo ha dimostrato di saper imbrigliare a lungo le manovre bianconere. Quarta vittoria consecutiva in Champions per la squadra di Allegri che continua così la sua marcia verso il Paradiso. Il Do Dragao ribolle ed il Porto ne approfitta per iniziare con molta determinazione, ma senza creare pericoli per la porta di Buffon. I bianconeri iniziano però ben presto a carburare, Higuain al 18’ su assist di Dybala viene stoppato al momento del tiro, poi è Dybala al 22’ a tirare alto. Al 25’ Telles si prende il primo giallo per un fallo su Cuadrado ed un minuto dopo commette un altro fallo questa volta su Lichtsteiner guadagnandosi il secondo cartellino giallo e di conseguenza il rosso. Porto in inferiorità numerica e la Juventus cerca di approfittarne, 28’ Cuadrado calcia di prima intenzione, ma la palla finisce fuori di pochissimo. Il tecnico degli spagnoli Espirito Santo si copre togliendo il gioiellino Andrè Silva ed inserendo Miguel Layún, ma la Juve preme , 39’ cross dalla sinistra per Higuain, ma Casillas ci arriva e proprio al 45’ Dybala con un tiro a mezz’altezza manda la palla sul palo con Casillas battuto. Si va quindi al riposo sullo 0-0, tra i fischi dei tifosi del Porto contro l’arbitro Brych per l’espulsione di Telles. Primo tempo chiuso con un netto possesso palla a favore dei bianconeri, che anche nella ripresa cercano il gol, al 15’  un tiro di Khedira finisce fuori di poco e al 21’ è la volta di Higuain a mancare il bersaglio di un soffio. Il tecnico portoghese cerca la vittoria inserendo Corona al posto di Neves, ci pensa allora Allegri dalla panchina a indirizzare il match, inserendo Pjaca al posto di Cuadrado ed il talentino bianconero lo ripaga al 27’ andando in gol su una palla messa in mezzo da Dybala. Allegri manda in campo anche Dani Alves al posto di Lichtsteiner e il brasiliano appena entrato segna il 2-0, 29’ cross dalla sinistra di Alex Sandro, stop in area e tiro vincente di Dani Alves. Ora la Juve domina ed il Porto è stordito dall’1-2 bianconero. La Juve va ancora vicina al terzo gol al 42’ con un tiro ad incrociare di Khedira, ma ormai la partita è finita e la Vecchia Signora vista stasera può già fare un pensierino a Cardiff.
PORTO – JUVENTUS 0-2
PORTO: Casillas, Maxi Pereira, Marcano, Brahimi (28’ st Diogo Jota), Telles, Herrera, Danilo Pereira, Felipe, Soares, Neves (16’ st Corona), Andrè Silva (29’ pt Miguel Layún). A disp.: José Sá, Boly, André André, Óliver Torres. All.: Espirito Santo
JUVENTUS: Buffon; Lichtsteiner (28’ st Dani Alves), Barzagli, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado (21’ st Pjaca), Dybala (41’ st Marchisio), Mandzukic; Higuain. A disp.:  Neto, Asamoah, Benatia, Rugani. All.: Allegri
ARBITRO: Brych (Germ.)
MARCATORI: 27’ st Pjaca, 29’ st Dani Alves
AMMONITI: Telles, Lichtsteiner, Herrera, Marcano

22 febbraio 2017
fontefoto juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it