Finisce 1-1, al gol di Khedira nel primo tempo, risponde Hamsik nella ripresa

Antonello Vischeri

Il Napoli fa la partita, ma la Juve è cinica e abile nello sfruttare l’unica occasione gol che le si presenta, portandosi così a casa un punto che le consente di tenere a sei lunghezze la Roma. Sarri e Allegri si scambiano baci e abbracci prima della gara, ma il clima non è proprio idilliaco per Higuain che viene sommerso letteralmente dai fischi non appena tocca palla. I due allenatori danno la sensazione di aver voluto mescolare le carte in attesa della partita di mercoledì ritorno di Coppa Italia, che deciderà una delle due finaliste di Coppa, gara a nostro avviso sarà ben più importante della partita di stasera: ormai il campionato ha un solo padrone che risponde al nome di Juventus. Al 7’ il gol juventino che gela il San Paolo l’1-2 tra Pjanic e Khedira è devastante, il tiro del tedesco è bellissimo e per il povero Rafael, che sostituisce Reina, non c’è nulla da fare. Il gioco dei partenopei è il solito, fatto di passaggi rapidi nello stretto alla ricerca dell’imbucata vincente, da parte di uno dei tre folletti d’attacco, ma la tattica almeno nel primo tempo non paga, la difesa della Juventus è granitica e si chiude a riccio impedendo qualsiasi tiro verso la porta di Buffon. I tiri degli attaccanti napoletani nascono da errori dei bianconeri, come quello di Hamsik al 20’ su errore di Chiellini oppure su azione manovrata, sempre Hamsik al 31’. Ci prova anche Mertens al 34, tiro fiacco nelle braccia di Buffon e Insigne al 40’ con tiro a lato. Il primo tempo termina così con la Juventus in vantaggio con l’unico tiro in porta effettuato. Nella ripresa Allegri non cambia interpretazione della partita e quindi il Napoli ha buon gioco a cercare con pazienza la via del gol: gol che arriva all’11’ sugli sviluppi di un corner conclude a rete Mertens, Buffon para ma non trattiene e Callejon la butta dentro, ma Orsato vanifica il tutto avendo fischiato il fuorigioco dell’attaccante spagnolo.Il gol buono arriva però al 15’ ed è anche questo molto bello, scambio in velocità tra Mertens e Hamsik che tiro di quest’ultimo che non lascia scampo a Buffon. La Juve punta sul vivo alza il baricentro, ma è sempre il Napoli ad avere il pallino del gioco: al 19’ errore di Asamoah che effettua un rischioso retropassaggio verso Buffon, si inserisce Mertens che supera il portiere bianconero, poi dal fondo cerca il tiro-cross che incoccia nel palo. Allegri corre ai ripari e inserisce prima Cuadrado e poi Dybala per cercare di far salire la squadra, ma la mossa non ha effetti pratici, il Napoli continua a stringere nella sua metà campo la Juventus ma non riuscendo però a trovare la stoccata vincente. La Juve esce quindi imbattuta dal San Paolo con un punto, avendo fatto il minimo sindacale: un tiro in porta, un gol. Arrivederci a mercoledì, per il match di ritorno che vale la finale di Coppa Italia.  
NAPOLI-JUVENTUS 1-1
NAPOLI: Rafael; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Strinic (34' st Ghoulam); Allan (23' st Zielinski), Jorginho, Hamsik (31' st Rog); Callejon, Mertens, Insigne. A disp.: Reina, Sepe, Chiriches, Maggio, Maksimovic, Giaccherini, Diawara, Milik, Pavoletti. All.: Sarri
JUVENTUS: Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Asamoah; Marchisio (35' st Dybala), Khedira; Lemina (16' st Cuadrado), Pjanic (42' st Rincon), Mandzukic; Higuain. A disp.: Neto, Audero, Dani Alves, Rugani, Benatia, Barzagli, Alex Sandro, Sturaro, Mandragora. All.: Allegri
ARBITRO: Orsato
MARCATORI: 7’ pt Khedira, 15’ st Hamsik
AMMONITI: Insigne
2 aprile 2017  

Fonte foto: Juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it