Bianconeri in vantaggio con i gol di Bernardeschi e Higuain, poi la rete di Caldara e nel secondo tempo di Cristante. La VAR toglie un gol a Mandzukic per un fallo di Lichtsteiner su Gomez e assegna un rigore alla Juventus che Dybala si fa parare

Antonello Vischeri

La Juventus si ferma a Bergamo contro l’Atalanta, in una partita dove è successo di tutto: gol alla prima di titolare di Bernardeschi, due interventi della VAR, uno a favore e uno contro la Juve, un rigore sbagliato da Dybala, ma alla fine il risultato di 2-2 è giusto, premia la squadra di Gasperini e fa perdere la vetta ai bianconeri. Un primo tempo molto tattico all’inizio, dove la Juve  preme e costringe l’Atalanta nella propria metà campo senza però sfondare, poi la partita si apre e diventa molto bella. La pressione bianconera si concretizza al 21’ Asamoah scende sulla sinistra, appoggia al centro per Matuidi che calcia a rete, Berisha para ma non trattiene, si avventa Bernardeschi e segna il suo primo gol in bianconero. Higuain raddoppia dopo appena tre minuti su assist di Bernardeschi, il Pipita in area resiste alla marcatura di Spinazzola e al 24’ fulmina Berisha. Fin qui solo Juve, ma l’Atalanta non perde la testa e riapre la gara alla mezz’ora, 31’ punizione di Gomez, Buffon para ma non trattiene e Caldara mette in rete la respinta del portiere. Gasperini toglie Cornelius e mette Ilicic, che al 34’ mette sulla testa di Kurtic un invitante pallone, che però lo sloveno spreca. Ripresa per cuori forti: al 12’ la Juve segna con Mandzukic, l’azione inizia con una gomitata di Lichtsteiner sul Papu Gomez, palla a Dybala che pennella per la testa del croato che non sbaglia. Interviene la VAR che fa cambiare decisione all’arbitro, gol annullato, Lichtsteiner ammonito. Al 22’ l’Atalanta pareggia, cross preciso di Gomez per la testa di Cristante, nulla da fare per Buffon. Allegri manda inn campo prima Cuadrado al posto di Bernardeschi e poi Douglas Costa al posto di Mandzukic, poi al 37’ altro intervento del VAR; la Juve batte una punizione con Dybala, Petagna in barriera, salta e colpisce la palla con spalla-braccio. L’arbitro e la VAR decidono per il rigore che batte Dybala, ma Berisha si riscatta parandoglielo. Sfuma così la settima vittoria consecutiva e la testa della classifica.
ATALANTA-JUVENTUS 2-2
ATALANTA (3-4-1-2): Berisha; Masiello, Caldara, Palomino; Hateboer, Cristante (43'st De Roon), Freuler, Spinazzola; Kurtic (11'st Petagna); Cornelius (32'pt Ilicic), Gomez. A disp.: Gollini, Castagne, Haas, Rossi, Vido, Gosens, Orsolini, Bastoni, Mancini. All. Gasperini.
JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner (21'st Barzagli), Chiellini, Benatia, Asamoah; Bentancur, Matuidi; Bernardeschi (24'st Cuadrado), Dybala, Mandzukic (33'st Douglas Costa); Higuain. A disp.: Szczesny, Pinsoglio, Rugani, Alex Sandro, Sturaro, Caligara. All. Allegri.
ARBITRO: Damato di Barletta
MARCATORI: 21' pt Bernardeschi, 24' pt Higuain, 31' pt Caldara,  22' st Cristante
AMMONITI: Lichtsteiner, Gomez, Palomino, Petagna
NOTE: 38’ st Berisha para un rigore a Dybala.
1 ottobre 2017


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it