I blucerchiati segnano tre gol, con Zapata, Torreira e Ferrari nei primi 33 minuti della ripresa, poi la Juventus accorcia nei minuti di recupero con il rigore di Higuain e la rete di Dybala.

Antonello Vischeri

Seconda sconfitta in campionato per la Juventus che perde contro la Sampdoria 3-2, ma i due gol bianconeri arrivano nei minuti di recupero quando ormai i altblucerchiati avevano mentalmente chiuso il match. Brutta caduta quindi che allontana la Juventus dal Napoli e getta qualche preoccupazione in vista dell’incontro di Champions League contro il Barcellona. E’ pur vero che Allegri stravolge la formazione facendo rifiatare Buffon, Dybala, Matuidi, Barzagli, Alex Sandro e Marchisio, ma i sostituti in grande squadra dovrebbero essere all’altezza dei top player. Il primo tempo è vivace e giocato a viso aperto dalle due squadre, ci prova Higuain, ci prova Quagliarella, ci riprova Higuain al 27’ su invito di Cuadrado ma il suo gol è annullato per fuori gioco. La Samp barcolla al 32’, Higuain inventa per l'inserimento di Cuadrado che si presenta solo contro Viviano ma il portiere sampdoriano si salva in qualche modo. Succede tutto nella ripresa al 7’ Quagliarella crossa dalla destra dell'area di rigore, Bernardeschi devia male il pallone che termina sul secondo palo nell'area piccola dove c’è Zapata che sovrasta Lichtsteiner e, di testa, batte Szczesny. La Samp prende coraggio da questo gol e Zapata cerca il bis all’11’ in contropiede scatta Quagliarella che serve bene il taglio di Zapata, l’ ex Udinese tenta uno scavetto nel tentativo di saltare Szczesny che però è bravo e respinge la sfera. Allegri si gioca la carta Dybala al 17’ e la Juve incomincia a premere, ma è la Sampdoria a raddoppiare al 26’ Ramirez appoggia per Torreira al limite dell'area, il suo destro s’infila nell’angolino dove Szczesny non può arrivare. Sulle ali dell’entusiasmo arriva il terzo gol dei liguri al 33’ , dagli sviluppi di un calcio di punizione dalla destra battuto da Torreira, la palla arriva  a Quagliarella appostato sul secondo palo, che controlla e crossa rasoterra nell’area piccola dove Ferrari anticipa Khedira e, da due passi, mette in rete con il sinistro. La reazione della Juventus è rabbiosa al 37’ Douglas Costa conclude con il sinistro da posizione ravvicinata, Viviano si supera compiendo un grande intervento. I bianconeri cercano di rientrare in partita e l’occasione gliela fornisce il penalty che Higuain realizza al 46, il fallo era stato di Strinic ai danni di Douglas Costa. Al 49’ arriva il gol di Dybala, che si accentra e fa partire un sinistro potente sul quale Viviano non può nulla. Si riapre la partita, ma la reazione è stata tardiva e la Sampdoria non corre pericoli nei restanti due minuti di gara.
SAMPDORIA-JUVENTUS 3-2
SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; Bereszynski, Silvestre, Ferrari, Strinic; Barreto (29' st Verre), Torreira, Praet (28' pt Linetty); Ramirez; Quagliarella (39' st Caprari), D. Zapata. A disp.: Puggioni, Tozzo, Sala, Alvarez, Regini, Capezzi, Murru, Kownacki. All. Giampaolo
JUVENTUS (4-2-3-1): Szczesny; Lichtsteiner, Rugani, Chiellini, Asamoah; Pjanic (35' st Matuidi), Khedira; Cuadrado (27' st Douglas Costa), Bernardeschi (17' st Dybala), Mandzukic; Higuain. A disp.: Buffon, Pinsoglio, De Sciglio, Benatia, Alex Sandro, Barzagli, Howedes, Sturaro, Marchisio. All. Allegri
ARBITRO: Guida
MARCATORI: 7’ st D. Zapata, 26’ st Torreira, 33’ st Ferrari, 46’ st Higuain (rig.), 49’ st Dybala
AMMONITI:  Bernardeschi, Quagliarella, Rugani, Khedira, Linetty
19 novembre 2017

fontefoto: juventus.com


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it