“Gli attestati di stima del direttore, mi riempiono di orgoglio”

Antonello Vischeri

Neanche il tempo di assaporare la vittoria contro il Novara e gustare nuovamente il primato in classifica,  che la Juventus è chiamata ad affrontare la difficile partita contro l’Udinese allo stadio Friuli, ricupero della prima giornata di campionato non giocata per lo sciopero dei calciatori, prima della sosta natalizia.
Antonio Conte, in sala stampa, presenta così la sfida contro i bianconeri friulani.
L’Udinese ha vinto fin ora sette partite su sette in casa, quali sono le insidie di questa trasferta?
“L’Udinese sarà per noi un ulteriore esame, perché è una squadra che ambisce a posizioni di prestigio in classifica e andare a giocare sul loro campoAntonio Conte per noi rappresenterà un ulteriore stimolo. Sappiamo le difficoltà che potremo incontrare domani e siamo preparati ad affrontarle, però come dico sempre noi dobbiamo rispettare tutti ma non avere paura di nessuno. Bisogna fare i complimenti all’Udinese per quello che sta facendo anche se non è più una rivelazione, dopo il campionato dello scorso anno, dove verso la fine del campionato si è trovata a contendere, assieme al Napoli,  lo scudetto al Milan. L’Udinese è una società seria, con un progetto serio, con un bravo allenatore, con degli ottimi giocatori come Asamoah, Isla, Di Natale ambiti da altre società italiane e straniere, quindi grande rispetto e onore per il lavoro fatto in questi anni”.
Nella partita contro il Novara, i giocatori meno utilizzati fin ora, hanno dato delle risposte positive. Questo per un allenatore è sicuramente gratificante, ma è anche motivo di imbarazzo quando deve fare le scelte?
“Ero certo di avere risposte positive perché vedo in settimana come si allena il gruppo. In una grande squadra come la Juventus devi cercare di avere una rosa ampia a cui attingere in caso di squalifiche o infortuni senza che il risultato finale cambi e contro il Novara è successo proprio questo, sia a livello di prestazione dei singoli che a livello di espressione di gioco della squadra”.
L’Udinese pratica un gioco simile a quello del Napoli, dove lei ha cambiato assetto tattico. A Udine succederà la stessa cosa?
“Può essere”.
Guardando la classifica, alla Juventus può andare bene qualsiasi risultato a Udine per rimanere comunque prima in classifica, vi accontentereste di un pareggio?
“Non voglio sembrare presuntuoso, ma noi lavoriamo per ottenere sempre il massimo da ogni prestazione, quindi noi non andremo a Udine per accontentarci, perché non fa parte della nostra filosofia. Se poi a fine gara la squadra avversaria si sarà dimostrata più forte di noi e avrà vinto saremo i primi a dover dare loro la mano”.
Quagliarella ha giocato molto bene contro il Novara, domani lo vedremo in campo fin dall’inizio?
“Sono contento per la prestazione di Quagliarella e per il fatto che abbia fatto gol perché per un attaccante questo è importante. Vedremo durante l’allenamento che faremo tra poco se questa potrà essere una soluzione, vedendo lo stato di forma e valutando il ricupero dei vari giocatori, in modo da scegliere la soluzione migliore per puntare alla vittoria”.
Quali sono le condizioni di Del Piero, da un punto di vista anche psicologico, visto che non riesce a segnare nel nuovo stadio?
“Sarei stato molto contento se anche Del Piero, oltre a Quagliarella, avesse segnato, avrebbe voluto dire che ambedue si erano sbloccati. Io devo però analizzare la prestazione e di questa sono molto contento, per l’impegno, la dedizione che ci ha messo, il gol arriverà anche per lui, quando meno se lo aspetterà”.
Il modello Udinese, in un momento di fair play finanziario, è esportabile in altre piazze?
“Nelle grandi squadre è più difficile, perché c’è meno pazienza di aspettare. L’Udinese lo scorso anno è arrivata quarta e la Juventus settima e la prima richiesta che mi è stata fatta da voi è stato lo scudetto. Guidolin ha tutto il tempo di costruire, di valutare e di far crescere i giocatori mentre invece noi tutto questo tempo non l’abbiamo”.
Considerando le difficoltà di inizio stagione, si immaginava di ritrovarsi in testa dopo quindici giornate? Qual’é la cosa che l’ha soddisfatta di più e quella che l’ha soddisfatta di meno?
“Noi siamo andati oltre ogni più rosea previsione e ritrovarsi sempre  in testa per tutto questo periodo, ecc3ezion fatta forse per una giornata, vuol dire che i ragazzi stanno facendo qualche cosa di esaltante, anche se i conti finali si fanno a maggio. Fin ora abbiamo fatto cose importanti ed il merito va alla disponibilità dei miei giocatori, domani saremo alla sedicesima di campionato e ne mancheranno altre ventidue di partite, quindi i conti facciamoli alla fine. La soddisfazione maggiore è quello di avere ricuperato credibilità nei confronti dei nostri tifosi e dei nostri avversari”.
Lei ha sempre detto che le sue scelte erano tecniche. Elia si sta allenando male o è tecnicamente inferiore ai compagni?
“Sono scelte tecniche, basate su quello che vedo in settimana e sulla mia voglia di vincere. Io non penso di non sbagliare, cerco di fare le scelte con la massima onestà fidandomi del mio occhio che in questi anni non mi ha mai tradito”.
Ieri Marotta ha eletto Conte come lo ‘Juventino dell’anno’ e ha avuto parole molto belle nei suoi confronti. Un suo commento?
“Ringrazio il direttore per quello che ha detto e avere questi attestati di stima mi riempie di orgoglio. Stiamo lavorando tutti in maniera importante e questi cinque mesi sono stati faticosi. Tutti facciamo parte del progetto, tutti dobbiamo ritenerci utili ma non indispensabili”.
Un suo giudizio sulla nuova bufera di calcio scommesse?
“E’ una situazione molto delicata, preferisco aspettare le sentenze dei giudici, prima di esprimere un mio giudizio. Parlare adesso vorrebbe dire  mancare di rispetto alle persone che purtroppo sono state coinvolte”.

20 dicembre 2011


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it