I granata perdono in casa contro il Sassuolo, decisiva la rete al 43’ della ripresa di Floro Flores. Sanchez Mino sbaglia un rigore nel primo tempo. Contestazione dei tifosi nei confronti del presidente Cairo e dei giocatori

Franco Brunetti

La settimana che deve decidere le sorti ed il cammino del Torino in campionato ed in Europa League inizia nel peggiore dei modi: sconfitta casalinga in Floro Flores ha matato il ToroCampionato contro il Sassuolo per 1-0 e fischi, insulti e contestazione nei confronti di Urbano Cairo colpevole di aver disfatto un giocattolo che era arrivato a conquistare un posto al sole ed ai giocatori ai quali viene rivolto un caldo invito ad andare a lavorare e a tirare fuori gli attributi. Non poteva iniziare peggio la settimana che porta alla gara decisiva di Europa League giovedì contro il  Bruges  e poi domenica al derby, la partita più sentita dell’anno dai tifosi granata.  Giudicare la gara del Torino oggi è davvero imbarazzante, checché ne dica mister Ventura, anche oggi è emersa l’incapacità assoluta di questa squadra di concretizzare le azioni offensive e ahimè anche di concretizzare i rigori a favore che vengono concessi, perché con quello sbagliato oggi siamo arrivati a quota tre su tre. La formazione schierata da Ventura oggi all’inizio lascia perlomeno perplessi, un modulo ad una sola punta, il solito Quagliarella, che però svaria sulle fasce e quindi non può essere il terminale offensivo della manovra, supportato da due trequartisti El Kaddouri e Sanchez Mino che la porta non la vedono neanche con il binocolo. Il meglio che può succedere con questo assetto tattico è strappare uno 0-0 e questo succede fino a quando il tecnico del Sassuolo Di Francesco, appurata l’assoluta inconsistenza dell’attacco granata, decide di vincere la partita alzando nel secondo tempo il baricentro della sua squadra e giocando costantemente all’attacco.  Il primo tempo dei granata dà qualche speranza, il Torino sembra giocare come il gatto col topo, ad aspettare solo il momento per piazzare la zampata vincente, la palla gira abbastanza velocemente con il  Sassuolo che mette anche dieci uomini a difendere e così è difficile trovare un varco e molte volte le azioni offensive dei granata si tramutano in retropassaggi fino ad arrivare a Gillet: il primo tiro verso la porta di Consigli lo effettua El  Kaddouri al 15’ poi Quagliarella al 19’ perde il tempo per il tiro a rete e l’azione sfuma. La zampata vincente la Ventura-band potrebbe piazzarla al 28’ quando Bruno Peres, ancora una volta tra i migliori in campo e pensare che rischiava in estate di essere rispedito al mittente, mette in mezzo, Quagliarella è sulla palla ma subisce fallo, la sfera giunge comunque a Darmian che viene abbattuto da Cannavaro, rigore netto. Al 30’ sul dischetto si presenta, tra lo stupore generale, Sanchez Mino, terreo in volto e logicamente sbaglia il penalty tirando molle sulla destra del portiere: Consigli respinge in tuffo e salva la sua porta. A questo punto il Torino scompare, ma all’intervallo si arriva sullo 0-0. La ripresa è di tutt’altro tenore, Di Francesco ordina ai suoi di osare di più ed i granata vanno in affanno già al 2’ su un tiro di Berardi che è parato con difficoltà da Gillet. Dopo un’occasione per Bruno Peres è l’ex Brighi a impegnare Gillet al 15’, poi Glik spazza via su un attacco di Zaza. La prima vera occasione gol per il Sassuolo arriva al 17’ tiro di Berardi, Maksimovic respinge di tacco poi Zaza spreca. Dalla Maratona si levano i primi cori contro i giocatori e contro il presidente Cairo ed il Toro ha un sussulto al 20’ , El Kaddouri fugge sulla destra e mette in mezzo un cross perfetto, finalmente!, ma Quagliarella devia dritto per dritto e Consigli para con il corpo il tiro centrale. Il Sassuolo risponde con una incursione di Sansone al 22’ ma Gillet e Glik ci mettono una pezza. Ancora Toro al 28’, ripartenza di El Kaddouri che lancia Farnerud, che ad inizio secondo tempo aveva rilevato Sanchez Mino in evidente crisi, che entra in area ma poi pasticcia, non potendo calciare di destro lui che è sinistro,e così l’azione sfuma. Di Francesco gioca la carta dell’azzardo, dentro Floccari e Floro Flores e proprio il nuovo entrato, tutto solo a centro area, batte Gillet al 43’ con un preciso colpo di testa sotto la traversa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Ventura gioca la carta della comicità, dopo aver fatto scaldare a lungo Amauri a 30’’ dalla fine del tempo di recupero fa entrare Martinez, ma la mossa coraggiosa del Conducador granata non viene premiata, finisce 1-0 per il Sassuolo tra i fischi dell’Olimpico.
TORINO – SASSUOLO 0-1
TORINO (3-4-2-1): Gillet; Maksimovic, Glik, Moretti; Peres ( 47' st Martinez), Vives ( 19' st Nocerino), Gazzi, Darmian; El Kaddouri, Sanchez Mino ( 1' st Farnerud); Quagliarella. A disp.: Padelli, Castellazzi, Jansson, Bovo, Silva, Molinaro, Amauri. All.: Ventura
SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Vrsaljko, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Brighi (38' st Taider), Magnanelli, Missiroli; Berardi, Zaza (29' st Floro Flores), Sansone (29' st Floccari). A disp.: Pomini, Polito, Gazzola, Antei, Terranova, Ariaudo, Biondini, Chibsah, Pavoletti. All.: Di Francesco
ARBITRO: Rizzoli di Bologna
MARCATORI: 43' st  Floro Flores
AMMONITI: Cannavaro, Peres, Zaza, Gazzi, Peluso
22 novembre 2014


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it