Contro il Milan finisce 1-1, dopo il vantaggio dei rossoneri di Menez al 3’ su rigori, i granata prendono in pugno la partita e pareggiano al 36’ del secondo tempo con capitan Glik

Franco Brunetti

E’ un Torino completamento diverso da quello visto una settimana fa a Verona contro il Chievo, quello che si presenta sul prato dell’Olimpico di Torino per L'esultanza di Glik dopo il golaffrontare il Milan dell’ex Alessio Cerci. Un Torino perfettamente disegnato e messo in campo dal tecnico Ventura, ma diverso soprattutto mentalmente e nello spirito. Sarà stato il rientro di Moretti in difesa ad aver dato nuova compattezza alla tribù granata, fatto sta che il Toro visto stasera non è stato nemmeno parente prossimo di quello visto a Verona ed è lecito chiedersi a questo punto dove sarebbe la squadra granata se in attacco avesse un attaccante centrale capace di aggredire gli spazi. E dire che la partita per i granata era iniziata nel peggiore dei modi, neanche il tempo di prendere confidenza con gli avversari e il Torino si ritrova sotto di un gol. Al 2’ Menez si inventa un numero in area superando nello stretto due difensori e viene trattenuto per la maglia da Glik,  l’arbitro Rocchi fischia il rigore e dal dischetto Menez al 3’ porta in vantaggio il Milan. Un ko a freddo che avrebbe stroncato un Torello, ma non il Toro di questa sera. Ventura aveva confermato la coppia di attaccanti Quagliarella e Martinez supportati da un centrocampo che prevedeva larghi sulle fasce Darmian a sinistra e Bruno Peres a destra con Gazzi, Farnerud e Vives a reggere l’urto e impostare al centro. Difesa immutata con il rientrante Moretti a ancora Padelli in porta. Inzaghi sull’altro versante presentava in attacco Bonaventura- Menez- Niang lasciando in panca El Shaarawy, Pazzini e soprattutto Cerci e preferendo De Sciglio ad Abate. Il Torino subito il gol riordina le idee e si alza il suo baricentro, costringendo il Milan nella sua metà campo sulla difensiva ed il primo campanello d’allarme lo suona Farnerud all’8’ dopo aver trovato un varco tra i centrocampisti rossoneri con una botta dalla distanza, respinta con i pugni da Diego Lopez  dopo una buona azione d’attacco dei granata. Due minuti dopo altra occasione gol per il Torino, triangolazione Martinez –Farnerus- Quagliarella , ma anche questa volta Diego Lopez è reattivo sul tiro dell’attaccante di Castellamare.Gazzi al 24’ manca di un soffio la deviazione di testa dopo che Moretti aveva prolungato di testa un angolo battuto dalla sinistra. E’ il Toro che fa la partita ed il Milan si limita a difendersi senza più impensierire la retroguardia granata. La sfortuna impedisce a Darmian di raggiungere il meritato pareggio al 31’: punizione di Vives , s’inserisce sulla sinistra Darmian che con Diego Lopez battuto, ma il suo colpo di testa incoccia clamorosamente il palo ed il successivo tiro di Moretti è alle stelle. Il Toro non demorde e continua a giocare bene, al 32’ Quagliarella lancia in profondità Martinez che non riesce ad agganciare per un soffio e solo al 35’ il Milan si riaffaccia in area dei granata, grazie ancora al tasso tecnico superiore dei suoi giocatori: numero eccezionale di Niang che cerca il palo lontano di sinistro ma il tiro termina alto. Al 47’ l’episodio che cambia volto alla gra, De Sciglio, già ammonito in precedenza atterra Darmian che lo stava superando in velocità e si becca il secondo giallo ed il cartellino rosso, Milan in inferiorità numerica. Sulla punizione battuta da Farnerud svetta Glik ma il suo colpo di testa finisce fuori, intanto Inzachi è costretto a rivoluzionare la squadra facendo entrare Abate al posto di Niang. Dopo sei minuti di recupero l’arbitro Rocchi manda tutti negli spogliatoi per l’intervallo.In questo primo tempo il Milan, tolto l’azione che ha portato al rigore realizzato da Menez ed al tiro di Niang non ha costruito altro, mentre il Torino ha costruito almeno cinque palle colpendo un palo con Darmian. La ripresa è un monologo granata con il Milan in chiara difficoltà costretto a difendersi, al 4’ va al tiro Quagliarella su suggerimento di Martinez, ma il tiro è alto. Bruno Peres, rimasto molto sulla difensiva nel primo tempo, nel frattempo accende i motori ed incomincia a creare pericoli sulla destra. La spinta offensiva dei granata con il passare dei minuti non si affievolisce, prestando però il fianco al contropiede milanista: 14’ erroraccio di Maksimovic su Poli che innesca Bonaventura, ma il suo tiro termina a lato. Altra occasione per il Torino al 16’, ancora Bruno Peres sulla destra innesca Farnerud che lancia Martnez, palla deviata in angolo, ma altra ghiotta occasione per i granata. Ora è assedio costante. El Kaddouri che aveva rilevato Vives cerca di incrociare sul secondo palo al 19’ ma il tiro si spegne a lato, al 21’ su calcio d’angolo tenta Glik poi tenta Gazzi, niente da fare; 26’ Quagliarella stretto tra quattro avversari non riesce a tirare a un minuto dopo ancora Quagliarella innescato da Martinez va al tiro, ma Diego Lopez alza sopra la traversa. Il Torino cerca di stringere i tempi, al 30’ va a l tiro Benassi su cross di Maksimovic, fuori, poi un colpo di testa di Quagliarella è preda di Diego Lopez e finalmente al 36’ i granata colgono il premio al loro predominio, angolo di Bruno Peres e ancora una volta capitan Glik di testa centra il bersaglio. Il Toro ora è sbilanciato in avanti perché Ventura qualche istante prima del gol aveva richiamato in panchina Darmian per mettere in campo il Primavera Facundo Lescano all’esordio nel massimo campionato e pertanto continua a stringere d’assedio l’area del Milan, ma il secondo gol non arriva. Finisce quindi 1-1, ancora una volta i granata non sono riusciti a battere una cosiddetta grande, ma mai come questa sera il pareggio sta stretto alla Ventura band.
TORINO – MILAN 1-1
TORINO (3-5-2): Padelli, Maksimovic, Glik, Moretti; Bruno Peres, Vives (12' st El Kaddouri), Gazzi, Farnerud (23' st Benassi), Darmian (36' st Lescano); Martinez, Quagliarella. A disp.: Gillet, Castellazzi, Jansson, Bovo, Molinaro, Gaston Silva. All. Ventura
MILAN (4-3-3): Diego Lopez; De Sciglio, Mexes, Rami, Armero; Montolivo, De Jong, Muntari (10' st Poli); Niang ( 50' pt Abate), Menez (34' st Alex), Bonaventura. A disp.:Abbiati, Agazzi, Alex, Zaccardo, Zapata, Essien, Saponara, Cerci, El Shaarawy, Pazzini. All. Inzaghi
ARBITRO: Rocchi di Firenze
MARCATORI: 3’ pt Menez (rig.), 36’ st Glik.
AMMONITI:  Glik, Niang,Muntari, Bonaventura
ESPULSO: 48’ st De Sciglio
10gennaio 2015

fontefoto: TorinoFC


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it