L’argentino stende il Chievo con una doppietta. L'Europa League resta un miraggio, ma nel calcio può succedere di tutto

Franco Brunetti

Il Torino affronta la prima delle tre gare della speranza, in chiave Europa League, contro il Chievo con una formazione rimaneggiata, Ventura concede riposo a Glik e Molinaro e al loro posto manda in campo Jansson e Gaston Silva, inoltre deve fare a meno degli infortunati Quagliarella, Farnerud e Bovo e dello squalificato Bruno Peres. Davanti quindi le speranze del gol sono affidate a Maxi Lopez e a Martinez, per la prima volta coppia d’attacco titolare. A centrocampo giostrano El Maxi Lopez risolutivo contro il ChievoKaddouri, Gazzi e Vives preferito a Benassi. Maran dal canto suo si affida a Paloschi e Meggiorini per continuare la striscia positiva che dura da sei giornate. Fa caldo, ma il Torino è vivo fin dall’inizio e mette subito pressione all’avversario con Martinez che di testa al 2’ su cross di El Kaddouri non riesce però ad inquadrare lo specchio della porta. E’ il Toro a fare la gara, ma le due punti non hanno i meccanismi sincronizzati e spesso fanno lo stesso movimento, con Ventura che spesso è costretto a richiamare ora Martinez ora Maxi per cercare di rendere pericolosa la coppia d’attacco granata. La spinta sulla destra è buona, così come le giocate di El Kaddouri, ma ora Maxi, ora Vives, ora Martinez, ora El Kaddouri non riescono a bucare la difesa clivense con i loro tiri. La retroguardia granata non è mai impegnata a fondo e riesce quindi a far girare bene la palla appoggiandola spesso su Padelli, che al 20’ regalo un brivido (incubo?) al pubblico granata, non controllando benissimo un retropassaggio di un compagno, ma riuscendo comunque a metterci una pezza spedendo il pallone in fallo laterale sull’attacco di un giocatore del Chievo. Meggiorini cerca al 25’ di dare un dispiacere ai suoi ex compagni con una girata da posizione defilata, ma la palla si perde lontana dai pali della porta difesa da Padelli. Martinez cerca di sfruttare ogni occasione per tentare il tiro anche dalla distanza come al 31’ trovando però la deviazione di un difensore che mette in angolo o al 40’ quando la palla esce di pochissimo a lato. Nell’intervallo Ventura catechizza evidentemente la sua truppa sui movimenti da fare e4 sugli spazi da coprire perché nel secondo tempo la manovra dei granata appare subito più fluida, El kaddouri va al tiro al 2’, fuori; Martinez al 5’ ma Bardi devia in angolo e al 6’ raccoglie i frutti della sua pressione perché dall’angolo nasce il gol. Dal corner calcia El Kaddouri, Bardi respinge, area affollata a pochi metri dalla porta, Maksimovic in rovesciata la rimette in mezzo dove Maxi Lopez con uno stacco imperioso realizza l’1-0. Il Torino ora può amministrare la partita, al 17’ ci pensa Gaston Silva e suscitare sugli spalti un oooh! misto di delusione e ammirazione, rilancio da centrocampo dell’uruguagio, con un tiro che sembra più a una svirgolata che ad un tiro intenzionale, ma la palla incredibilmente si avvia verso il sette, con Bardi fuori dai pali, il portiere riesce però a recuperare la posizione e ad intercettarla quando questa sta entrando in porta. Maran cerca di rinforzare il suo attacco e Ventura manda in campo Glik al posto di Jansson per blindare la difesa e al 24’ arriva la seconda gemma di Maxi Lopez che scatta a centrocampo su un rinvio della difesa granata, fa a sportellate con Cesar, lo supera in velocità, controlla l’uscita di Bardi e lo batte con un tocco felpato che manda la palla ad insaccarsi sul secondo palo. Giocata da campione vero. Maxi cerca la tripletta al 37' ma stavolta il suo destro viene deviato in angolo. Si potrebbe ancora esultare er il gol di Mazimovic al 38’ ma Maxi Lopez autore dell’assist era in fuorigioco e l’arbitro Rocchi giustamente annulla. La partita finisce comunque con il Toro in attacco e questo è un buon segno, la bambola di genova è dimenticata e ora sotto con il Milan per continuare a sperare ancora
TORINO - CHIEVO VERONA 2-0
TORINO (5-3-2): Padelli: Darmian, Maksimovic, Jansson (23' st Glik), Moretti, Silva (27' st Molinaro); Vives, Gazzi, El Kaddouri (40' st Benassi); Maxi Lopez, Martinez. A disp.: Ichazo, Castellazzi,  Gonzalez,  Basha, Rosso. All.: Ventura
CHIEVO VERONA (4-4-2): Bardi; Frey, Gamberini, Cesar, Biraghi; Izco, Radovanovic, Christiansen (30' st Pellissier), Birsa (11' st Botta); Paloschi, Meggiorini (19' st Fetfatzidis) . A disp.: Bizzarri, Seculin, Dainelli, Sardo, Zukanovic, Cofie, Anderson, Vajushi, Pozzi. All.: Maran
ARBITRO: Rocchi di Firenze
MARCATORI:  6' st Maxi Lopez, 24' st Maxi Lopez
AMMONITI: Maksimovic, Moretti
17 maggio 2015

fontefoto: TorinoFc


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it