I rossoneri liquidano i granata con un secco 3-0, a segno El Shaarawy con una doppietta e Pazzini su rigore

Franco Brunetti

Le residue speranze del Torino di agganciare la zona Europa League finiscono alle ore 14.15 quando Eto’o mette la palla alle spalle di Sepe firmando il pareggio della Sampdoria sul campo dell’Empoli e di conseguenza si azzerano le motivazioni dei granata nell’affrontare il Milan nella partita che, se vinta,  avrebbe dovuto significare il sorpasso dell’Inter e l’aggancio alla Sampdoria, vale a dire quel settimo posto che avrebbe consentito di coltivare ancora qualche speranziella. Ventura Giampiero Ventura è perplessoper poter portare a S. Siro una rosa numericamente valida aveva dovuto attingere alla squadra Primavera chiamando tre baby, Zaccagno, Morra e Rosso, troppe le assenze soprattutto nel reparto offensivo, essendo fuori per infortunio Quagliarella e Maxi Lopez, vale a dire i due giocatori più rappresentativi dell’attacco granata. Dentro quindi Amauri e Martinez; ma anche dietro la coperta era corta per l’indisponibilità di Maksimovic e Bovo, quindi Darmian accentrato sulla linea difensiva a tre con Bruno Peres e Molinaro sulle fasce. Inzaghi manda in campo Abbiati al posto di Diego Lopez e relega in panchina Destro e Cerci, quindi attacco con El Shaarawy, titolare dopo oltre quattro mesi, Pazzini e Honda. Il Milan prende subito il pallino del gioco in mano e al 18’ passa in vantaggio, cross di Zaccardo, controllo e destro vincente da dentro l'area di rigore di El Shaarawy, perso da Darmian, Padelli proteso in tuffo non ci arriva. Il Torino non punge in attacco, dove Martinez e Amauri proprio non si intendono, così è Bruno Peres a cercare il gol con un’accelerata micidiale al 28’, il suo cross è respinto in tuffo da Abbiati. Il Torino costruisce una buona triangolazione al 42’, ma Molinaro è abbattuto da Zaccardo appena fuori dell’area di rigore. Rosso diretto per il milanista essendo una chiara occasione da gol e punizione affidata a El Kaddouri, il tiro è respinto dalla barriera. Nell’intervallo l’arbitro Valeri espelle anche Inzaghi per proteste e così i rossoneri si ripresentano in campo in inferiorità numerica e con tassotti a dirigere le operazioni dalla panchina. Chi si aspettava una reazione dei granata rimane deluso, la reazione non c’è, anzi il Milan raddoppia all’ 11’. Molinaro abbatte Van Ginkel, rosso per il difensore granata e rigore per i rossoneri. Dal dischetto Pazzini non sbaglia e festeggia il 100° gol. Il Toro nora che la situazione numerica in campo è ristabilita, gradatamente scompare ed il Milan ha buon gioco a siglare al 20’ la terza rete ancora con El Shaarawy, che riceve in area da Van Ginkel e infila Padelli. Il Milan ha ora il pieno controllo del gioco, il Toro ormai si è spento del tutto. Sull’ultima fiammata dei granata al 41’ è bravo Abbiati in uscita a chiudere lo specchio della porta a El Kaddouri deviando con un piedi il tiro che avrebbe reso meno amara questa serata a S. Siro.
MILAN-TORINO 3-0
MILAN (4-3-3): Abbiati; Zaccardo, Alex (1' st Mexes), Paletta, Bocchetti; Poli (31' st Mastalli), De Jong, Van Ginkel; Honda, Pazzini, El Shaarawy (23' st Zapata). A disp.:Diego Lopez, Donnarumma, Felicioli, Piccinocchi, Cerci, Destro, Di Molfetta, Mastour. All. Inzaghi.
TORINO (3-5-2): Padelli; Darmian, Glik, Moretti; Bruno Peres, Vives (10' st Benassi), Gazzi (20' st Basha), El Kaddouri, Molinaro; Amauri, Martinez (26' st Rosso). A disp.: Ichazo, Zaccagno, Jansson, Gaston Silva, A. Gonzalez, Morra. All. Ventura.
ARBITRO: Valeri di Roma
MARCATORI: 18’ pt El Shaarawy, 12’ st  Pazzini (rig.), 20’ st El Shaarawy
AMMONITI: Honda, Gazzi , Moretti, Van Gingel, Poli
ESPULSI: 42’ pt  Zaccardo, Inzaghi (all. Milan) all'intervallo per proteste,11’ st  Molinaro
24 maggio 2015


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it