Grande partita dei granata che con Quagliarella, autore dei due gol, affondano la Sampdoria. Devastante la prestazione di Bruno Peres sulla fascia, ma tutto il collettivo ha disputato un primo tempo entusiasmante contenendo poi nel secondo la sterile reazione dei blucerchiati

Franco Brunetti

Un gran primo tempo del Torino trascinato da un Bruno Peres sontuoso e devastante e da un Quagliarella killer implacabile, è sufficiente per stroncare le velleità della Sampdoria: finisce così 2-0 in favore dei granata, con trenta minuti di gran calcio da parte del Torino assoluto dominatore in campo. Già al primo minuto la squadra di Ventura fa capire di aver cambiato registro rispetto alle precedenti partite, dove dopo un primo tempo opaco dove subiva gol sfoderava una grande I granata festeggiano Quagliarellaripresa, perché Molinaro si presenta con un’ottima percussione sulla fascia conclusa con un tiro messo in angolo dalla difesa ligure. Il successivo corner portava Moretti al colpo di testa, parato anch’esso da Viviano. Non c’è pausa nelle manovre granata, ritmo altissimo con frequenti cambi campo sempre precisi al millimetro che mettevano in grande imbarazzo i sampdoriani soprattutto sul loro lato sinistro dove Bruno Peres imperversava indisturbato. Il primo gol al 17’ cross di Bruno Peres e colpo di testa vincente di Quagliarella che si era sottratto abilmente alla marcatura di Silvestre. Tutto molto semplice e lineare, tutto molto bello. Quagliarella ancora protagonista due minuti dopo ma con minore fortuna. Al 24’ ancora un cross dalla sinistra, Belotti recupera palla, dopo un colpo di testa di un compagno, la mette in mezzo con un tiro-cross e Quagliarella ci mette lo zampino per il 2-0. Alla mezz’ora i granata incominciano a rifiatare, abbassano il baricentro e al 36’ la Sampdoria ha la prima palla giocabile in attacco, cross dalla destra, aggancia Eder ma Bruno Peres chiude provvidenzialmente in scivolata mettendo in angolo. Il Toro non disdegna però le ripartenze e in una di queste Acquah scende sulla destra, cross preciso al centro dove c’è Quagliarella che però impegna Viviano in una facile parata. Il primo tempo si chiude con i granata in avanti, 43’ azione devastante di Bruno Peres sulla destra, ma dopo aver dribblato due giocatori blucerchiati, il brasiliano tira cercando l’incrocio dei pali, ma la palla finisce fuori. Un minuto dopo è Belotti, su cross sempre di Bruno Peres a vedersi rimpallato il tiro e al 44’ è Soriano con un tiro al volo a cercare lo specchio della porta di Padelli, ma il portiere granata fa buona guardia. Nella ripresa il Torino continua con la sua tattica attendista e la Sampdoria che già nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo aveva incominciato a crescere, si presenta in campo più agguerrita e intraprendente. Il Torino non riesce più a guadagnare campo e a tenere palla messo sotto dal pressing avversario che però non produce grossi pericoli per la porta difesa da Padelli: il muro eretto da Glik, Moretti, Bovo e soci è invalicabile. Nelle rare ripartenze i granata rischiano di fare nuovamente sfracelli, come al 22’ quando Acquah di forza va via a Pereira sulla destra, attende il movimento di Maxi Lopez che aveva rilevato Belotti, tira ma Silvestre riesce a mettere in angolo. Tre minuti dopo è Vives a guadagnare campo e a mettere in azione Maxi Lopez, ma ancora Silvestre ci mette il piede sul tiro dell’argentino e devia in corner. Si scatena nuovamente Bruno Peres al 26’ mettendo una bella palla per Maxi Lopez, ma il tiro di quest’ultimo è da dimenticare. La partita è avvincente e ricca di rovesciamenti di fronte: al 27’ Soriano conquista un angolo, al 27’ scatta in contropiede Acquah che mette in azione Quagliarella che in verticale lancia Maxi Lopez, palla appena troppo lunga, al 33’ Correa va al tiro, ma Padelli alza la palla sopra la traversa mettendola in angolo. Un minuto dopo è Zappacosta, che aveva rilevato Bruno Peres, con una progressione sulla destra a dare palla a Maxi Lopez che fa velo in favore di Quagliarella che però al momento del tiro scivola, al 34’ un destro di Eder è respinto da Padelli. La partita si avvia ai titoli di coda ma la Sampdoria cerca di riaprirla a tutti i costi, mentre il Torino fa appello alle ultime energie rimaste, 38’ Molinaro inesauribile scende sulla sinistra e mette in azione Maxi Lopez, tiro sull’esterno della rete, 45’ passaggio in orizzontale di Maxi Lopez per Quagliarella che smista a Benassi tiro parato, 48’ Baselli altruista anziché andare al tiro serve Quagliarella che incespica, ormai a corto di fiato, perdendo la facile occasione.  Basta così, partita veramente ottima dei granata che stasera si ritrovano solitari al secondo posto in classifica.
TORINO – SAMPDORIA 2-0
TORINO (3-5-2): Padelli; Bovo, Glik, Moretti; Bruno Peres (31' st Zappacosta), Acquah (38' st Benassi), Vives, Baselli, Molinaro; Quagliarella, Belotti (10' st Maxi Lopez). A disp.: Ichazo, Castellazzi, Jansson, Silva, Prcic, Obi, Amauri, Martinez. All.: Ventura
SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; Pedro Pereira, Silvestre, Moisander, Regini (1'st  Christodoulopoulos); Ivan (17'st  Correa), Fernando, Barreto; Soriano (37' st Rodriguez); Eder, Muriel. A disp.: Puggioni, Brignoli, Zukanovic, Rocca, Mesbah, Carbonero, Krsticic, Cassano. All.: Zenga
ARBITRO: Giacomelli di Trieste
MARCATORI: 17' pt Quagliarella, 24' pt Quagliarella
AMMONITI: Regini, Acquah, Vives, Fernando, Christodoulopoulos
20 settembre 2015

Fontefoto: Torino FC


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it