Granata sconfitti 3-1 dal Sassuolo, nel giorno dell’intitolazione dello stadio al “Grande Torino”. Dopo un buon primo tempo, la squadra di Ventura subisce nella ripresa la maggior organizzazione e voglia della squadra di Di Francesco

Franco Brunetti

Sconfitta che brucia e che da fastidio quella subita oggi dal Torino da parte del Sassuolo, nel giorno dell’intitolazione dello stadio in onore del “Grande Torino”. Tutto era pronto per la festa, anche Cairo indossava la maglietta celebrativa, ma i ragazzi di Ventura dopo un primo tempo decente, che avrebbero anche potuto chiudere in vantaggio se il solito Martinez non avesse sbagliato un gol al 42’ calciando sulla traversa, hanno disputato una ripresa molle e senza tono e sono stati infilzati altcome polli dal Sassuolo che ha realizzato altri due gol e chiuso il match sul 3-1. Ventura continua a dar fiducia a Gaston Silva e a Martinez , per il resto formazione solita con Acquah che prende il posto di Obi fermato da un fastidio muscolare nel riscaldamento pre partita. Di Francesco ha una lunga serie di assenti, ma la formazione che mette in campo gioca sempre un buon calcio, fatto di pressing feroce e alto e prende subito in mano il centrocampo. Passano appena due minuti ed i granata devono già recuperare un gol: scende sulla sinistra Duncan che mette al centro un traversone preciso che Sansone di testa mette alle spalle di Padelli. L’atteggiamento aggressivo degli ospiti mette in crisi i granata che stentano a riorganizzarsi e a creare gioco, ma paradossalmente li favorisce: da una battuta di un calcio d’angolo in favore del Sassuolo infatti la palla arriva a Baselli che riparte affiancato da Bruno Peres e Belotti, giunto ai trenta metri Baselli preferisce allargare a Bruno Peres che si libera del marcatore e infila Consigli sul secondo palo. Raggiunto il pareggio i granata si adeguano al ritmo imposto dal Sassuolo, che continua ad essere aggressivo anche se non riesce più a sfruttare le occasioni che crea, al 19’ Falcinelli mette in mezzo una palla interessante che scavalca Berardi e che Pellegrini non riesce a coordinarsi e a battere a rete, al 36’ azione Falcinelli-Sansone-Duncan contrastato all’ultimo da Bruno Peres, 37’ tiro secco di Sansone parato da Padelli. L’occasione d’oro, per i granata per passare in vantaggio, dopo che Belotti aveva visto sfilare a fil palo un suo tiro ad incrociare, capita sui piedi di Martinez al 42’ dopo un’altra magia di Bruno Peres: il “vinhotinto” calcia forte, ma incredibilmente sulla traversa con Consigli battuto. Si aspetta una ripresa da Toro da parte dei granata che cercano al 3’ si sfondare, Moretti lancia Martinez che giunto sul fondo passa indietro per Belotti che disturbato da Cannavaro manda fuori. Dopo questa azione i granata accettano il ritmo degli avversari, il Sassuolo riprende il suo dominio incontrastato a centrocampo con i granata che cercano con azioni personali, rinunciando al gioco costruttivo, di andare in gol; al 6’ Sansone scodella in area per Falcinelli che non riesce ad agganciare davanti a Padelli, al 10’ Gazzi perde palla a centrocampo, Magnanelli lancia in profondità per Falcinelli e Moretti in scivolata, rischiando il rigore, libera anticipando anche Padelli in uscita bassa. Per Belotti non è giornata, al 21’ Gaston Silva riesce a mettere in area un cross che il Gallo liscia. Il ritmo diminuisce ancora e le due squadre sembrano accontentarsi del pareggio, ma al 29’ gli emiliani fruiscono di un calcio d’angolo dalla destra che Padelli alza sopra la traversa; dal lato opposto altro calcio d’angolo battuto da Berardi, Glik ingaggia un corpo a corpo con Acerbi e non s’avvede, se non in ritardo, dell’arrivo di Peluso che di testa mette la palla, che passa tra le mani di Padelli, in rete al 31’. Ci si aspetta un reazione veemente dei granata, entra in campo anche Maxi Lopez per un 4-3-3 che non produce nulla ed invece arriva anche il terzo gol degli ospiti, in pieno recupero al 49’ e a segnarlo è Trotta in piena solitudine. E’ il primo gol in serie A dell’attaccante napoletano arrivato a gennaio al Sassuolo dall’Avellino ed è il 3-1 che chiude la partita.
TORINO-SASSUOLO 1-3
TORINO (3-5-2): Padelli; Bovo, Glik, Moretti; Peres, Acquah (27' st Farnerud), Gazzi, Baselli (26' st Benassi), Silva (36' st Maxi Lopez); Martinez, Belotti. A disp.: Ichazo, Castellazzi, Molinaro, Obi, Zappacosta, Jansson, Vives, Edera. All.: Ventura
SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Vrsaljko, Acerbi, Cannavaro, Peluso; Duncan, Pellegrini, Magnanelli; Sansone (26' st Politano), Falcinelli (40' st Trotta), Berardi (45' st Longhi). A disp.: Pomini, Pegolo, Pierini, Abelli, Ferrini, Broh, Adjapong. All.: Di Francesco.
ARBITRO: Fabbri di Ravenna
MARCATORI: 2' pt Sansone, 7' pt Peres, 31' st Peluso, 49' st Trotta
AMMONITI: Peluso, Gazzi, Moretti
24 aprile 2016
fontefoto: TorinoFC


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it