Partita super dei granata che battono l’Udinese 5-1, gol di Jansson, il primo in serie A, gol di Acquah, gol di Belotti e doppietta di Martinez. Di Felipe il gol dell’Udinese

Franco Brunetti

Quale è il vero volto del Torino? Quello visto troppe volte in questo campionato sconfitto senza attenuanti o quello bello visto contro la Roma o quello bellissimo visto stasera a Udine contro l’Udinese? Partita senza storia alla Dacia Arena, la squadra di Ventura ha maramaldeggiato sulle ceneri di un’Udinese che ad un certo punto  (3’ della ripresa) aveva anche riaperto i giochi, ma che i granata sono stati bravi a chiudere immediatamente e a seppellire i friulani con cinque gol, che avrebbero altpotuti essere sette, se l’arbitro non avesse annullato due gol a Belotti di cui uno regolarissimo. Ventura inaugura la linea green e butta nella mischia Jansson, Gaston Silva (finalmente nel suo ruolo) e Bovo in difesa, rilanciando Acquah e Benassi a centrocampo accanto a Vives con esterno di sinistra Bruno Peres e di destra Zappacosta e ridando fiducia a Martinez accanto a Belotti ed i granata prendono subito il comando delle operazioni non prima di aver tremato al 7’ per un lancio di Edenilson per Matos il cui tiro è parato da Padelli in versione superman. Al 10’ inizio lo show, Belotti va in gol con un gran gol di rapina, ma l’arbitro ingiustamente annulla perché il “Gallo” era tenuto in gioco da Adnan. Non c’è problema comunque perché due minuti dopo al 12’ ci pensa Jansson con un perentorio colpo di testa, anticipando Danilo su angolo battuto da Gaston Silva a battere Karnezis. L’Udinese è poca cosa e la squadra di Ventura gioca ma non affonda il colpo: ci pensa Acquah al 45’ a firmare il 2-0, liberandosi di Badu e Adnan con una azione tutta potenza, compreso il tiro. La ripresa inizia con il gol di Felipe al 2’ con una incornata che non lascia scampo a Padelli. L’Udinese pootrebbe riaprire la gara, ma non fa neanche il tempo di realizzare questo pensiero che Acquaz lancia Martinez al 5’, il “Vinhotinto” con una finta mette a sedere Danilo e batte Karnezis: grande azione e gran tiro del venezuelano. L’Udinese si squaglia ed il Toro la affonda: 11’ Padelli rilancia l’azione dalla sua porta, Martinez fa sponda per Belotti che copre i 70 metri che lo separano da Karnezis rincorso vanamente da Adnan come se fosse un centometrista e giunto in area fredda Karnezis sul secondo palo. Pasticcio difensivo al 19’ la palla rimane in area dopo un rimpallo e Felipe si divora il possibile gol. E’ l’ultimo sussulto dei bianconeri che scompaiono dalla gara, al 26’ nuovo gol di Belotti che raccoglie un traversone di Bruno Peres, annullato questa volta giustamente per fuorigioco, poi al 38’ Martinez chiude le segnature dopo uno spunto ancora di Acquah. Il Toro sale a quota 46 in classifica e pensa a progettare il futuro con quei giocatori che stasera hanno dato a Ventura risposte positive. In campo nel finale si è visto per la seconda volta anche Edera, attaccante della Primavera granata.
UDINESE-TORINO 1-5
UDINESE (3-5-2): Karnezis; Heurtaux, Danilo, Felipe; Edenilson (dal 17’ s.t Perica), Badu, Kuzmanovic, Fernandes (dal 30’ s.t. Piris), Adnan; Matos (da 17’ s.t. Hallfredsson), Thereau. A disp.: Meret, Wague, Domizzi, Armero, Guilherme, Lodi, Pasquale, Iniguez, Balic. All. De Canio.
TORINO (3-5-2): Padelli; Bovo, Jansson, Silva; Zappacosta (dal 31’ s.t. Molinaro), Acquah, Vives, Benassi (dal 25’ s.t. Baselli), Peres; Belotti, Martinez (dal 40’ s.t. Edera). A disp.: Ichazo, Castellazzi, Maksimovic, Glik, Moretti, Gazzi, Farnerud, Maxi Lopez. All. Ventura.
ARBITRO: Mariani di Aprilia
MARCATORI: 12’ pt Jansson, 45’ pt Acquah, 2’ st Felipe, 5’ st Martinez, 11’ st Belotti, 38’ st Martinez
AMMONITI: Bovo, Slva, Felipe, Hertaux
30 aprile 2016
fontefoto Torino FC

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4

Manita di un superToro a Udine

Partita super dei granata che battono l’Udinese 5-1, gol di Jansson, il primo in serie A, gol di Acquah, gol di Belotti e doppietta di Martinez. Di Felipe il gol dell’Udinese

Franco Brunetti

Quale è il vero volto del Torino? Quello visto troppe volte in questo campionato sconfitto senza attenuanti o quello bello visto contro la Roma o quello bellissimo visto stasera a Udine contro l’Udinese? Partita senza storia alla Dacia Arena, la squadra di Ventura ha maramaldeggiato sulle ceneri di un’Udinese che ad un certo punto  (3’ della ripresa) aveva anche riaperto i giochi, ma che i granata sono stati bravi a chiudere immediatamente e a seppellire i friulani con cinque gol, che avrebbero potuti essere sette, se l’arbitro non avesse annullato due gol a Belotti di cui uno regolarissimo. Ventura inaugura la linea green e butta nella mischia Jansson, Gaston Silva (finalmente nel suo ruolo) e Bovo in difesa, rilanciando Acquah e Benassi a centrocampo accanto a Vives con esterno di sinistra Bruno Peres e di destra Zappacosta e ridando fiducia a Martinez accanto a Belotti ed i granata prendono subito il comando delle operazioni non prima di aver tremato al 7’ per un lancio di Edenilson per Matos il cui tiro è parato da Padelli in versione superman. Al 10’ inizio lo show, Belotti va in gol con un gran gol di rapina, ma l’arbitro ingiustamente annulla perché il “Gallo” era tenuto in gioco da Adnan. Non c’è problema comunque perché due minuti dopo al 12’ ci pensa Jansson con un perentorio colpo di testa, anticipando Danilo su angolo battuto da Gaston Silva a battere Karnezis. L’Udinese è poca cosa e la squadra di Ventura gioca ma non affonda il colpo: ci pensa Acquah al 45’ a firmare il 2-0, liberandosi di Badu e Adnan con una azione tutta potenza, compreso il tiro. La ripresa inizia con il gol di Felipe al 2’ con una incornata che non lascia scampo a Padelli. L’Udinese pootrebbe riaprire la gara, ma non fa neanche il tempo di realizzare questo pensiero che Acquaz lancia Martinez al 5’, il “Vinhotinto” con una finta mette a sedere Danilo e batte Karnezis: grande azione e gran tiro del venezuelano. L’Udinese si squaglia ed il Toro la affonda: 11’ Padelli rilancia l’azione dalla sua porta, Martinez fa sponda per Belotti che copre i 70 metri che lo separano da Karnezis rincorso vanamente da Adnan come se fosse un centometrista e giunto in area fredda Karnezis sul secondo palo. Pasticcio difensivo al 19’ la palla rimane in area dopo un rimpallo e Felipe si divora il possibile gol. E’ l’ultimo sussulto dei bianconeri che scompaiono dalla gara, al 26’ nuovo gol di Belotti che raccoglie un traversone di Bruno Peres, annullato questa volta giustamente per fuorigioco, poi al 38’ Martinez chiude le segnature dopo uno spunto ancora di Acquah. Il Toro sale a quota 46 in classifica e pensa a progettare il futuro con quei giocatori che stasera hanno dato a Ventura risposte positive. In campo nel finale si è visto per la seconda volta anche Edera, attaccante della Primavera granata.

UDINESE-TORINO 1-5

UDINESE (3-5-2): Karnezis; Heurtaux, Danilo, Felipe; Edenilson (dal 17’ s.t Perica), Badu, Kuzmanovic, Fernandes (dal 30’ s.t. Piris), Adnan; Matos (da 17’ s.t. Hallfredsson), Thereau. A disp.: Meret, Wague, Domizzi, Armero, Guilherme, Lodi, Pasquale, Iniguez, Balic. All. De Canio.

TORINO (3-5-2): Padelli; Bovo, Jansson, Silva; Zappacosta (dal 31’ s.t. Molinaro), Acquah, Vives, Benassi (dal 25’ s.t. Baselli), Peres; Belotti, Martinez (dal 40’ s.t. Edera). A disp.: Ichazo, Castellazzi, Maksimovic, Glik, Moretti, Gazzi, Farnerud, Maxi Lopez. All. Ventura.

ARBITRO: Mariani di Aprilia

MARCATORI: 12’ pt Jansson, 45’ pt Acquah, 2’ st Felipe, 5’ st Martinez, 11’ st Belotti, 38’ st Martinez

AMMONITI: Bovo, Slva, Felipe, Hertaux

30 aprile 2016

fontefoto Torino FC


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it