I granata pareggiano col Milan 2-2, a segno Belotti e Benassi, poi Ljaljic sbaglia un rigore; nel secondo tempo i rossoneri a segno con Bertolacci e Bacca su rigore

Franco Brunetti

Neanche al terzo tentativo riesce l’impresa a Sinisa Mihajlovic, ancora una volta il suo Toro non riesce a battere il Milan; i granata incantano nel primo tempo, vanno  in vantaggio di due gol, sbagliano un rigore che probabilmente avrebbe chiuso la partita, poi nella ripresa subiscono la reazione del Milan che riesce a recuperare lo altsvantaggio e a strappare sul prato del Grande Torino un pareggio rocambolesco.  Il Torino scende in campo nella sua formazione migliore, con il solo Obi al posto di Baselli; il Milan risponde a specchio schierando Calabria e non De Sciglio in difesa, Pasalic e non Kucka in mediana e Bacca e non Lapadula in attacco.  In avvio di partita il Toro potrebbe sfruttare due casuali assist dei rossoneri per andare in vantaggio, Paletta che rinvia addosso a Obi con palla che termina fuori e Donnarumma che esce fuori dalla sua area scavalcato però dal pallone di Belotti, ma ci pensa Romagnoli a liberare.  Il Toro sembra meno arrembante rispetto alla gara di Coppa Italia al Meazza, ma mette comunque in crisi la difesa rossonera e al 6’ Donnarumma deve già intervenire salvando la sua porta su una incursione di Belotti, messo in azione da un passaggio filtrante di Benassi. I granata comandano il gioco e al 21’ Iago Falque lavora bene una palla sulla destra, salta due uomini e serve Ljaljic, il tiro del serbo diventa un assist per Belotti che non ci pensa su due volte e scaraventa alle spalle di Donnarumma la palla dell’1-0. La fase difensiva del Toro sembra funzionare grazie al gran lavoro in copertura degli attaccanti e al 26’ i granata raddoppiano, percussione di Obi che cerca di superare il portiere milanista, la sfera arriva a Belotti che serve Iago Falque, tiro cross deviato di tacco da Benassi: granata sempre primi sulla palla. La squadra di Mihajlovic che sembra in serata di grazia, per concentrazione e applicazione tattica e si costruisce un’altra palla gol al 30’ con Barreca che supera Abate  penetra in area ma viene atterrato dal terzino milanista: rigore ineccepibile che Ljaljic calcia malissimo e centralmente permettendo a Donnarumma di respingere: si era al 31’ e sarebbe stato il colpo del ko. Come scioccati i granata abbassano il baricentro permettendo al Milan di chiudere il primo tempo in attacco; è Suso a suonare la carica prima spara fuori al 33’, poi al 38’ è Hart a negargli il gol, al 41’ una sua punizione termina a lato. La prima frazione di gara si chiude con un tiro di Bertolacci parato ma non trattenuto da Hart, provvidenziale Zappacosta nel mettere in angolo. Si attende la ripresa per giudicare compiutamente la partita del Toro che nella prima frazione di gara è stato sontuoso, ma che troppe volte nella ripresa si dimostra fragile e senza personalità. E anche questo secondo tempo non si smentisce, granata rinunciatari ed in soggezione di fronte all’aggressività del Milan. Rossoneri che impiegano dieci minuti per dimezzare lo svantaggio, cross  di Abate dalla destra, Bonaventura rimette in mezzo, Bertolacci tira, Hart para riprende Bertolacci e questa volta la palla supera la linea bianca malgrado estremo tentativo di Hart di respingere, così dice la line technology. Un minuto dopo il Toro va in gol con Benassi dopo che Donnarumma aveva respinto un tiro di Iago Falque, ma il centrocampista era in offside e l’arbitro annulla.  Il Milan è sempre più aggressivo e al 13’ ci vuole una paratona di Hart per negare il gol a Paletta; il centrale però si procura subito dopo ilo rigore che permette al Milan di pareggiare i conti: 14’ Rossettini cintura il centrale milanista mentre Hart esce in presa alta a bloccare la sfera. Tutto da rifare con il Toro annichilito; ci pensa Mihajlovic a scuotere i suoi facendo entrare Iturbe al posto di Obi. La mossa sembra dare i suoi effetti ed i granata tornano in partita, ma non riescono più a battere Donnarumma, malgrado i tentativi di Ljaljic al 23’ ad una stupenda girata di Belotti al 29’. L’espulsione di Romagnoli al 43’ non modifica la situazione in campo, dove si fa notare però Iturbe per i palloni persi. E con questo sono dodici i punti che il Torino butta alle ortiche da una situazione di vantaggio nel primo tempo: ed anche stavolta c’è da recriminare
TORINO-MILAN 2-2
TORINO (4-3-3): Hart; Zappacosta, Rossettini, Moretti, Barreca; Benassi (36' st Baselli), Valdifiori (22' st Lukic), Obi (16' st Iturbe); Iago Falque, Belotti, Ljajic. A disp.: Padelli, Cucchietti, Ajeti, De Silvestri, Carlao, Gustafson, Maxi Lopez, Boyè. All. Mihajlovic.
MILAN (4-3-3): Donnarumma; Abate, Paletta, Romagnoli, Calabria (42' st Vangioni); Pasalic, Locatelli, Bertolacci (28' st Kucka); Suso, Bacca, Bonaventura (39' st Niang). A disp.: Plizzari, Storari, Ely, Gomez, Zapata, Honda, Sosa, Cutrone, Lapadula, Niang. All. Montella.
ARBITRO: Tagliavento di Terni
MARCATORI: 21’ pt Belotti, 26’ pt Benassi, 10’ st Bertolacci, 14’ st Bacca (rig.)
AMMONITI:  Locatelli, Moretti, Belotti, Obi, Rossettini, Iago Falque
ESPULSO: 43’ st  Romagnoli per doppia ammonizione
16 gennaio 2017

fontefoto>: Torino FC


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it