Granata sconfitti all’Olimpico 3-1: va a segno nel secondo tempo Immobile, pareggia Maxi Lopez poi un gran gol di Keita ed un contropiede di Felipe Anderson chiudono la gara

Franco Brunetti

Non è sufficiente al Torino giocare quindici minuti nella ripresa per uscire indenne dall’Olimpico di Roma, sponda Lazio e così il record negativo per i granata, che non vincono a Roma contro i biancoazzurri dal 1993 si allunga di un altro anno. Mihajlovic come ampiamente anticipato in settimana schiera Iturbe titolare e un po’ aalt sorpresa ripresenta De Silvestri sull’out destro, mentre Inzaghi conferma in blocco la squadra di Bologna, ma la vera sfida di stasera è tra Belotti e Immobile, coppia di attaccanti che tanti rimpianti suscita nei tifosi granata. La Lazio stasera è stata superiore ai granata in tutto: caparbietà, forma fisica, abilità tecnica, geometrie di gioco, acume tattico; il primo tempo è stato un monologo biancoazzurro, la squadra di Inzaghi ha imperversato in lungo ed in largo, costringendo la difesa granata brava ad alzare un muro davanti ad Hart, a difendersi con tutti i mezzi, ma incapace comunque ad arginare le offensive laziali che soprattutto sulle fasce creavano pericoli continui. I granata, sempre in affanno, non sono riusciti a portare un solo pericolo alla porta di Strakosha, l’unica volta che il Torino ha cercato di impensierire il portiere albanese è stato al 28’ quando su calcio di punizione di Iturbe, prova assolutamente incolore la sua nel primo tempo, Belotti sul secondo palo non è riuscito a piazzare il piattone decisivo. Sul fronte laziale invece un gran numero di occasioni fallite, con Immobile al 7’, poi al 29’ ed infine al 42’ed un gran lavoro di Felipe Anderson, Parolo e Milinkovic Savic. Nell’intervallo Mihajlovic sostituisce Baselli, sottotono, con Molinaro nel tentativo di bloccare maggiormente la fascia destra laziale, la difesa in alcuni momenti diventa così a 5. La Lazio continua il suo assedio al fortino granata e al 9’ va vicina a sbloccare il risultato: Lukaku punta De Silvestri e lo salta, il suo assist è per Parolo, che prova a fintare Lukic che non abbocca e manda la palla fuori di un nulla. Sono le avvisaglie del gol che arriva all’11’ cross di Basta dalla destra, interviene Moretti in spaccata togliendo la palla a Hart e consegnandola a Immobile appostato sul secondo palo. Il Torino cerca di svegliarsi e a provare qualche sortita, al 14’ Iturbe, migliorato rispetto al primo tempo, inizia il contropiede, giunto al limite scarica su Ljaljic, ma il serbo si fa soffiare la palla. Dopo il gol la Lazio gioca in scioltezza, Mihajlovic allora tenta la carta Maxi Lopez al posto di un deludente Ljaljic e dopo una parata di Hart su Milinkovic Savic è proprio l’argentino a ridare il sorriso ai tifosi granata. Ancora una volta è un calcio di punizione a favorire la spizzata di Maxi che mette a segno al 27’ il gol del pareggio. La Lazio riprende a macinare gioco, Mihajlovic fa entrare Iago Falque per Iturbe e Inzaghi risponde con Keita al posto del malconcio Biglia. Al 29’ cross di Basta per la testa di Immobile, para Hart, al 30’ su azione di calcio d’angolo svetta Parolo di testa mandando il pallone alto di poco sopra la traversa, al 36’ altra grossa occasione per Immobile che cerca il secondo palo con un tiro-cross, non ci arriva Hoedt che si divora un gol a porta vuota. Al 41’ Belotti cerca il colpaccio, ripartendo e impegnando la difesa laziale da solo, il suo tiro però è sull’esterno della rete. Meglio del Gallo fa Keita che un minuto dopo, al 42’ sfrutta al meglio una discesa sulla sinistra di Lukaku riceve palla e con un tiro a giro infilza Hart. La Lazio chiude in bellezza segnando il terzo gol al 45’ su un contropiede micidiale di Felipe Anderson che non sbaglia e trafigge Hart per il 3-1 finale. La Lazio torna in quarta posizione e può continuare a sognare l'Europa che conta, mentre il Torino ritorna a galleggiare in un’anonima posizione di centro classifica.
LAZIO-TORINO 3-1
LAZIO (4-2-3-1): Strakosha; Basta, De Vrij (1' st Wallace), Hoedt, Radu (27' pt Lukaku); Parolo, Biglia (31' st Keita);  F. Anderson, Milinkovic-Savic, Lulic; Immobile. A disp.: Vargic, Adamonis, Patric, Djordjevic, Crecco, Bastos, L. Alberto, Lombardi, Murgia. All.: Inzaghi.
TORINO (4-3-3): Hart; De Silvestri, Rossettini, Moretti, Barreca; Benassi, Lukic, Baselli (1' st Molinaro); Iturbe (29' st Iago Falque), Belotti, Ljajic (18' st Maxi Lopez). A disp.: Padelli, Cucchietti, Castan, Acquah, Zappacosta, Gustafson, Valdifiori, Boyè, Ajeti. All.: Mihajlovic.
ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo
MARCATORI: 11' st Immobile, 27' st Maxi Lopez, 42' st Keita, 45' st F. Anderson
AMMONITI: Ljajic, Lukaku, Milinkovic-Savic  
13 marzo 2017

fontefoto: TorinoFC


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it