Il gol dell’attaccante sblocca la gara nel primo tempo. Buona prova di Montipò

Anselmo Mazzateo

Buona partita del Novara che sul campo del Cesena strappa la vittoria, anche se il risultato si rivela inutile in chiave play off. La squadra di Boscaglia parte con il piede giusto e al 18’ Agliardi deve compiere la prima parata importante su un colpo di testa di Calderoni, sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Sansone. altLe incursioni dei romagnoli non impensieriscono ad impensierire il portiere Montipò, oggi sostituto di Da Costa. Al 37’ il Novara passa in vantaggio, Orlandi serve in area Macheda che non sbaglia e sigla l'1-0. La reazione dei cesenati non si fa attendere e al 42’ è Montipò a salvare il Novara con una grande parata sul colpo di testa di Rodriguez. Ancora Montipò sugli scudi al 5’ su una conclusione di Renzetti. Nel finale il Novara rimane in inferiorità numerica per l’espulsione di Bolzoni, per somma di ammonizione, ma pur in dieci la squadra di Boscaglia porta a casa la vittoria, con Montipò che chiude la saracinesca della sua porta sui tentativi di Kone, Garritano e, in pieno recupero, di Rodriguez.
CESENA – NOVARA 0-1
CESENA (3-5-2): Agliardi,  Perticone, Capelli (Cap), Ligi (47' st Vitale), Di Roberto (25' st Kone), Crimi,  Laribi, Garritano, Renzetti (V.Cap), Cocco (33' pt Panico), A. Roseriguez. A disp.: Bardini, Schiavone, Rigione, Donkor, Setola, Cavallari. All.:Camplone
NOVARA (3-5-2): Montipò, Lancini, Mantovani, Chiosa, Kupisz, Bolzoni, Selasi, Orlandi (28' st Troest), Calderoni, Macheda (30' st Nardi), Sansone (38' st Lukanovic). A disp.: Benedettini, Di Mariano, Galabinov, Adorjan, Chajia, Koch. All.: Boscaglia
MARCATORE: 37' pt Macheda
AMMONITI: Ligi, Montipò, Bolzoni, Orlandi, Bolzoni, Calderoni, Lukanovic
ESPULSI: 28' st Bolzoni
6 maggio 2017

 

Periodo nero per la squadra di boscaglia che cadono in casa perdendo contro il Brescia 2-3

Franco Brunetti

Ancora una sconfitta per il Novara, è la terza consecutiva, contro il Brescia. Si affievoliscono le speranze della squadra di Boscaglia di riacciuffare i play off, mentre crescono le speranze della squadra di Cagni di evitare la retrocessione. Per il Novara è decisamente un momento no, la squadra è riuscita nelle ultime dieci partite aalt vincere solo una volta, raccogliendo la miseria di sette punti su trenta disponibili. Partita equilibrata nel primo tempo con il Novara che all’8’ potrebbe già passare in vantaggio con Galabinov, su un bel lancio filtrante di Macheda, ma il bulgaro inciampa e cade al momento di entrare in area. A segnare sono invece gli ospiti, 13’ Troest è sorpreso dal lancio di Blanchard e Ferrante è pronto a girare di testa alle spalle di Da Costa, poco reattivo nell’occasione. Il pareggio del Novara arriva al 18’ al primo vero affondo, punizione di Calderoni da sinistra e Galabinov, anticipa gli avversari e sigla il gol di testa. Il Novara a questo punto amministra la gara, mentre il Brescia non riesce ad alzarne il ritmo. Decisamente più pimpante la ripresa, Da Costa con un intervento goffo regala 9’ un corner al Brescia e Coly, perso da Cinelli, anticipando tutti segna di testa l’1-­2. Boscaglia manda in campo prima Sansone e poi anche Di Mariano, avanzando il baricentro della squadra, senza però creare problemi a Minelli. Il pareggio degli Azzurri arriva al 33’, papera questa volta di Minelli sul tiro dalla distanza di Di Mariano e corner per il Novara: dalla bandierina cross di Cinelli e incornata di Chiosa per il 2­2. La gioia del Novara dura una manciata di minuti, al 34’  Coly dal limite dell’area, dopo aver beffato Dickmann e Troest, scarica un gran tiro sul secondo palo per il 2­3 con la complicità di Da Costa, tuffatosi in ritardo. In pieno recupero il Novara avrebbe la possibilità di riacciuffare il pareggio, ma sul tiro di Adorjan respinto da Minelli è stato lo stesso portiere ospite a negare, con un colpo di reni, il tap­in del 3­3 a Chiosa.
NOVARA – BRESCIA 2-3
NOVARA (3-4-1-2) Da Costa; Troest, Mantovani (15’ st Sansone), Chiosa; Dickmann, Cinelli (40’ st Adorjan), Casarini, Calderoni; Chaija (30’ st Di Mariano); Macheda, Galabinov. A disp.: Montipò, Scognamiglio, E. Lancini, Kupisz, Selasi, Lukanovic. All.: Boscaglia
BRESCIA (3-5-1-1) Minelli; Untersee, Calabresi, Blanchard; Camara (38’ st Sbrissa), Bisoli, Pinzi, Martinelli, Coly; Crociata; Ferrante. A disp.: Arcari, N. Lancini, Ndoj, Mauri, Modic, Mangraviti, Fontanesi, Torregrossa. All.: Cagni
ARBITRO Rapuano di Rimini
MARCATORI: 13’ pt Ferrante, 18’ pt Galabinov, 9’ st Coly, 33’ st Chiosa, 34’ st Coly
AMMONITI: Crociata, Dickmann, Cinelli, Casarini, Calderoni, Untersee
30 aprile 2017

 

Vittoria per 3-1 in rimonta dei vicentini, che replicano al gol di Macheda con Ebagua, Bellomo e Orlando

Franco Brunetti

Il Novara incappa nella seconda sconfitta consecutiva, questa volta è il Vicenza a mettere ko la squadra di Boscaglia rimontando l’iniziale gol di Macheda con tre gol che portano la firma di Ebagua, Bellomo e Orlando. Inizio favorevole al Vicenza che con Giacomelli al 4’ serve Egabua, ma il tiro dell’ex Pro Vercelli è a lato e al 12’ è altPucino a cogliere l’esterno del palo con un tiro cross dalla destra. Alla prima occasione il Novara passa in vantaggio, 28’ cross dalla destra di Troest, Macheda in mezzo a due difensori a centro area controlla e insacca alle spalle di Vigorito. Il Vicenza accusa il colpo, ma al 40’ pareggia: Gucher lancia sulla destra Orlando, che crossa in mezzo per Ebagua, che anticipa l'avversario diretto e batte Da Costa. Al 44’ Orlando sfiora il raddoppio, ma Da Costa para il tiro centrale. Nella ripresa arriva il crollo del Novara. Già al 5’ Da Costa corre un serio pericolo ma Signori alza troppo la mira e la palla sorvola la traversa, poi al 18’ il raddoppio di Bellomo, l’azione nasce sull'asse Orlando-Bellomo , tiro del centrocampista del Vicenza, il portiere del Novara Da Costa ci arriva ma non riesce ad evitare che il pallone finisca in rete. Al 26’ Orlando mette il sigillo alla gara con un gran tiro dalla distanza. Al 38’ l’episodio che causa l’allontanamento dell’allenatore vicentino Torrente, Da Costa sbaglia l'uscita, Vita calcia a porta vuota, il pallone è respinto sulla linea di braccio da Calderoni, ma l’arbitro fa continuare.  Tre punti che consentono al Vicenza di sperare, una sconfitta invece per il Novara che allontana definitivamente la squadra di Boscaglia dalla zona playoff.
VICENZA – NOVARA 3-1
VICENZA (4-3-3): Vigorito; Pucino, Adejo, Esposito, D’Elia; Signori, Gucher (33' st Rizzo), Bellomo (28' st Siega); Orlando (30' st Vita), Ebagua, Giacomelli. A disp.: Costa, Bogdan, Bianchi, Zivkov, Urso, Cernigoi. All.: Torrente
NOVARA (3-5-2): Da Costa; Troest, Scognamiglio (27' st Di Mariano), Lancini; Dickmann, Cinelli, Casarini, Selasi (27' st Chajia), Calderoni; Galabinov (32' st Lukanovic), Macheda. A disp.: Montipò, Chiosa,  Kupisz, Adorjan, Koch, Nardi. All.: Boscaglia
ARBITRO: Di Paolo di Avezzano
MARCATORI: 28' pt Macheda, 40' pt Ebagua, 18' st Bellomo, 26' st Orlando
AMMONITI Lancini, Vita
ESPULSO: 38’ st Torrente (tecnico del Vicenza)  
24 aprile 2017

 

Il Perugia vince a Novara 1-0 con gol di Dezi. Al Novara annullato un gol valido di Lancini e negato in pieno recupero un rigore

Franco Brunetti

La sfida tra Novara e Perugia rappresentava molto per ambedue le squadre in chiave playoff e la vittoria è arrisa alla squadra Bucchi. Vittoria contestata da Boscaglia e dai suoi per alcuni errori arbitrali che hanno condizionato la gara decidendola a favore degli umbri. Il primo tempo si chiude sullo 0-0, il Perugia bada altsolo a difendersi, mentre il Novara combina qualche cosa di più, ma si vede annullare un gol a Macheda al 16’ per fuorigioco e respingere dal portiere umbro  Brignoli una girata di Galabinov al 20’ e un tiro debole di Dickmann al 34’. Nella ripresa al 14’ il Novara si vede annullare un gol regolarissimo di Lancini, il giocatore del Novara era dietro la linea della palla al momento del passaggio di Macheda che aveva ricevuto palla da un rinvio sballato di un difensore umbro, mentre il Perugia va per la prima volta al tiro al 20’, la conclusione da fuori area è di Terrani. Il Perugia però poco alla volta alza il baricentro, Montipò al 26’  in tuffo sui piedi di Mustacchio salva la sua porta, ma quattro minuti dopo al 30’ deve capitolare nell’uno contro uno con Dezi, liberato da un rimpallo sul tiro dal limite di Brighi. Il Novara subito il gol, cerca di riportare in parità la gara, ma non riesce a concretizzare sotto porta, il Perugia sfiora il raddoppio al 44’ su contropiede di Terrani, poi al 49’ in pieno recupero, l’altro episodio contestato, un colpo di testa di Scognamiglio viene deviato con il braccio da Di Chiara: sarebbe rigore, ma Illuzzi considera il contatto casuale e lascia proseguire il gioco; ancora pochi attimi di partita poi il triplice fischio,  con il Novara furibondo nei confronti dell’arbitro per i due torti subiti. La squadra di Boscaglia rimane a quota 50 punti e fuori dalla zona playoff, mentre il Perugia si porta momentaneamente al quarto posto in classifica.
NOVARA – PERUGIA 0-1
NOVARA: Montipò; Lancini, Chiosa, Scognamiglio; Dickmann (43’ st  Lukanovic), Casarini, Cinelli, Selasie (34’ st Chaija), Caldero; Galabinov, Macheda. A disp.: Benedettini, Troest, Di Mariano, Kupisz, Adorjan, Koch, Nardi.  All.: Boscaglia
PERUGIA: Brignoli; Fazzi, Monaco, Mancini, Di Chiara; Brighi, Gnahore, Acampora (11’ st Dezi); Nicastro (11’ st Terrani), Forte, Mustacchio (40’ st Dossena). A disp.: Elezaj, Guberti, Ricci, Di Nolfo. All.: Bucchi
ARBITRO: Illuzzi di Molfetta
MARCATORE: 30’ st Dezi
AMMONITI: Gnahore, Macheda, Lancini, Chiosa
21 aprile 2017

 

Batte il Frosinone 3-2 con una doppietta di uno strepitoso Macheda ed un rigore di Galabinov. La zona play off ora è nuovamente vicina

Franco Brunetti

Finalmente Macheda! L’ex attaccante del Manchester United trascina la squadra di Boscaglia alla vittoria sul Frosinone per 3-2, riaccendendo la lotta per la promozione in serie A, con il Novara tornato prepotentemente nei paraggi della zona play off. L’exploit del Novara si racconta con una doppietta dell’ex bimbo altprodigio che si procura anche un rigore realizzato poi da Galabinov. Macheda non segnava due gol nella stessa partita dal 17 ottobre 2010, quando indossava la maglia della nazionale under 21, contro i pari età turchi e non realizzava un gol in campionato da 18 marzo scorso in Avellino - Novara. Il Novara passa in vantaggio all’11’ sponda di petto di Galabinov verso il centro dell'area di rigore, Macheda  batte Bardi mettendo la palla sotto la traversa. Il vantaggio dura poco, perché al 19’ il Frosinone fruisce di un calcio di rigore per un atterramento di Dionisi in area, batte Ciofani e Da Costa è battuto. I ritmi si abbassano e questa volta sono i novaresi a fruire di un calcio di rigore, Macheda messo giù in area da Krajnc, sul dischetto va Galabinov che riporta la squadra di Boscaglia in vantaggio. La ripresa vede i ciociari attaccare, ma senza sfondare; chi va invece in gol è il Novara al 18’ ancora con Macheda che conclude alle spalle di Bardi su assist di Cinelli. Gli sforzi dei frusinati sono premiati al 44’ dal gol di Mokulu su lancio lungo di Dionisi. Gol ininfluente però ai fini del risultato finale.
FROSINONE – NOVARA 2-3
FROSINONE (3-5-2): Bardi; Ariaudo, Russo (31’st Kragl), Krajnc; Fiamozzi, Sammarco (8’st Gori), Maiello, Soddimo (8’st Mokulu), Mazzotta; Dionisi, D. Ciofani. A disp.: Zappino, Besea, Frara, Errico, Pryyma, Mamic. All.: Marino
NOVARA (3-5-2): Da Costa, Troest, Chiosa, Scognamiglio; Dickmann, Cinelli, Casarini, Selasi (25’st Koch); Calderoni (29’st Lancini); Galabinov, Macheda (34’st Adorjan). A disp.: Montipò, Di Mariano, Malberti, Kupisz, Chajia, Lukanovic. All.: Boscaglia
ARBITRO: Abisso di Palermo
MARCATORI: 11’pt Macheda, 19’ pt Ciofani D. (rig.), 35′ pt Galabinov (rig.), 18’st Macheda, 44’st Mokulu
AMMONITI: Da Costa, Dickmann, Fiamozzi, Ciofani D., Gori, Scognamiglio, Adorjan
17 aprile 2017


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it