Vittoria per 3-1 in rimonta dei vicentini, che replicano al gol di Macheda con Ebagua, Bellomo e Orlando

Franco Brunetti

Il Novara incappa nella seconda sconfitta consecutiva, questa volta è il Vicenza a mettere ko la squadra di Boscaglia rimontando l’iniziale gol di Macheda con tre gol che portano la firma di Ebagua, Bellomo e Orlando. Inizio favorevole al Vicenza che con Giacomelli al 4’ serve Egabua, ma il tiro dell’ex Pro Vercelli è a lato e al 12’ è altPucino a cogliere l’esterno del palo con un tiro cross dalla destra. Alla prima occasione il Novara passa in vantaggio, 28’ cross dalla destra di Troest, Macheda in mezzo a due difensori a centro area controlla e insacca alle spalle di Vigorito. Il Vicenza accusa il colpo, ma al 40’ pareggia: Gucher lancia sulla destra Orlando, che crossa in mezzo per Ebagua, che anticipa l'avversario diretto e batte Da Costa. Al 44’ Orlando sfiora il raddoppio, ma Da Costa para il tiro centrale. Nella ripresa arriva il crollo del Novara. Già al 5’ Da Costa corre un serio pericolo ma Signori alza troppo la mira e la palla sorvola la traversa, poi al 18’ il raddoppio di Bellomo, l’azione nasce sull'asse Orlando-Bellomo , tiro del centrocampista del Vicenza, il portiere del Novara Da Costa ci arriva ma non riesce ad evitare che il pallone finisca in rete. Al 26’ Orlando mette il sigillo alla gara con un gran tiro dalla distanza. Al 38’ l’episodio che causa l’allontanamento dell’allenatore vicentino Torrente, Da Costa sbaglia l'uscita, Vita calcia a porta vuota, il pallone è respinto sulla linea di braccio da Calderoni, ma l’arbitro fa continuare.  Tre punti che consentono al Vicenza di sperare, una sconfitta invece per il Novara che allontana definitivamente la squadra di Boscaglia dalla zona playoff.
VICENZA – NOVARA 3-1
VICENZA (4-3-3): Vigorito; Pucino, Adejo, Esposito, D’Elia; Signori, Gucher (33' st Rizzo), Bellomo (28' st Siega); Orlando (30' st Vita), Ebagua, Giacomelli. A disp.: Costa, Bogdan, Bianchi, Zivkov, Urso, Cernigoi. All.: Torrente
NOVARA (3-5-2): Da Costa; Troest, Scognamiglio (27' st Di Mariano), Lancini; Dickmann, Cinelli, Casarini, Selasi (27' st Chajia), Calderoni; Galabinov (32' st Lukanovic), Macheda. A disp.: Montipò, Chiosa,  Kupisz, Adorjan, Koch, Nardi. All.: Boscaglia
ARBITRO: Di Paolo di Avezzano
MARCATORI: 28' pt Macheda, 40' pt Ebagua, 18' st Bellomo, 26' st Orlando
AMMONITI Lancini, Vita
ESPULSO: 38’ st Torrente (tecnico del Vicenza)  
24 aprile 2017

 

Il Perugia vince a Novara 1-0 con gol di Dezi. Al Novara annullato un gol valido di Lancini e negato in pieno recupero un rigore

Franco Brunetti

La sfida tra Novara e Perugia rappresentava molto per ambedue le squadre in chiave playoff e la vittoria è arrisa alla squadra Bucchi. Vittoria contestata da Boscaglia e dai suoi per alcuni errori arbitrali che hanno condizionato la gara decidendola a favore degli umbri. Il primo tempo si chiude sullo 0-0, il Perugia bada altsolo a difendersi, mentre il Novara combina qualche cosa di più, ma si vede annullare un gol a Macheda al 16’ per fuorigioco e respingere dal portiere umbro  Brignoli una girata di Galabinov al 20’ e un tiro debole di Dickmann al 34’. Nella ripresa al 14’ il Novara si vede annullare un gol regolarissimo di Lancini, il giocatore del Novara era dietro la linea della palla al momento del passaggio di Macheda che aveva ricevuto palla da un rinvio sballato di un difensore umbro, mentre il Perugia va per la prima volta al tiro al 20’, la conclusione da fuori area è di Terrani. Il Perugia però poco alla volta alza il baricentro, Montipò al 26’  in tuffo sui piedi di Mustacchio salva la sua porta, ma quattro minuti dopo al 30’ deve capitolare nell’uno contro uno con Dezi, liberato da un rimpallo sul tiro dal limite di Brighi. Il Novara subito il gol, cerca di riportare in parità la gara, ma non riesce a concretizzare sotto porta, il Perugia sfiora il raddoppio al 44’ su contropiede di Terrani, poi al 49’ in pieno recupero, l’altro episodio contestato, un colpo di testa di Scognamiglio viene deviato con il braccio da Di Chiara: sarebbe rigore, ma Illuzzi considera il contatto casuale e lascia proseguire il gioco; ancora pochi attimi di partita poi il triplice fischio,  con il Novara furibondo nei confronti dell’arbitro per i due torti subiti. La squadra di Boscaglia rimane a quota 50 punti e fuori dalla zona playoff, mentre il Perugia si porta momentaneamente al quarto posto in classifica.
NOVARA – PERUGIA 0-1
NOVARA: Montipò; Lancini, Chiosa, Scognamiglio; Dickmann (43’ st  Lukanovic), Casarini, Cinelli, Selasie (34’ st Chaija), Caldero; Galabinov, Macheda. A disp.: Benedettini, Troest, Di Mariano, Kupisz, Adorjan, Koch, Nardi.  All.: Boscaglia
PERUGIA: Brignoli; Fazzi, Monaco, Mancini, Di Chiara; Brighi, Gnahore, Acampora (11’ st Dezi); Nicastro (11’ st Terrani), Forte, Mustacchio (40’ st Dossena). A disp.: Elezaj, Guberti, Ricci, Di Nolfo. All.: Bucchi
ARBITRO: Illuzzi di Molfetta
MARCATORE: 30’ st Dezi
AMMONITI: Gnahore, Macheda, Lancini, Chiosa
21 aprile 2017

 

Batte il Frosinone 3-2 con una doppietta di uno strepitoso Macheda ed un rigore di Galabinov. La zona play off ora è nuovamente vicina

Franco Brunetti

Finalmente Macheda! L’ex attaccante del Manchester United trascina la squadra di Boscaglia alla vittoria sul Frosinone per 3-2, riaccendendo la lotta per la promozione in serie A, con il Novara tornato prepotentemente nei paraggi della zona play off. L’exploit del Novara si racconta con una doppietta dell’ex bimbo altprodigio che si procura anche un rigore realizzato poi da Galabinov. Macheda non segnava due gol nella stessa partita dal 17 ottobre 2010, quando indossava la maglia della nazionale under 21, contro i pari età turchi e non realizzava un gol in campionato da 18 marzo scorso in Avellino - Novara. Il Novara passa in vantaggio all’11’ sponda di petto di Galabinov verso il centro dell'area di rigore, Macheda  batte Bardi mettendo la palla sotto la traversa. Il vantaggio dura poco, perché al 19’ il Frosinone fruisce di un calcio di rigore per un atterramento di Dionisi in area, batte Ciofani e Da Costa è battuto. I ritmi si abbassano e questa volta sono i novaresi a fruire di un calcio di rigore, Macheda messo giù in area da Krajnc, sul dischetto va Galabinov che riporta la squadra di Boscaglia in vantaggio. La ripresa vede i ciociari attaccare, ma senza sfondare; chi va invece in gol è il Novara al 18’ ancora con Macheda che conclude alle spalle di Bardi su assist di Cinelli. Gli sforzi dei frusinati sono premiati al 44’ dal gol di Mokulu su lancio lungo di Dionisi. Gol ininfluente però ai fini del risultato finale.
FROSINONE – NOVARA 2-3
FROSINONE (3-5-2): Bardi; Ariaudo, Russo (31’st Kragl), Krajnc; Fiamozzi, Sammarco (8’st Gori), Maiello, Soddimo (8’st Mokulu), Mazzotta; Dionisi, D. Ciofani. A disp.: Zappino, Besea, Frara, Errico, Pryyma, Mamic. All.: Marino
NOVARA (3-5-2): Da Costa, Troest, Chiosa, Scognamiglio; Dickmann, Cinelli, Casarini, Selasi (25’st Koch); Calderoni (29’st Lancini); Galabinov, Macheda (34’st Adorjan). A disp.: Montipò, Di Mariano, Malberti, Kupisz, Chajia, Lukanovic. All.: Boscaglia
ARBITRO: Abisso di Palermo
MARCATORI: 11’pt Macheda, 19’ pt Ciofani D. (rig.), 35′ pt Galabinov (rig.), 18’st Macheda, 44’st Mokulu
AMMONITI: Da Costa, Dickmann, Fiamozzi, Ciofani D., Gori, Scognamiglio, Adorjan
17 aprile 2017

 

Finisce 2-2 con la squadra di Boscaglia che recupera il gol iniziale di Pazzini con la rete di Macheda. Poi nel finale rete di Macheda e ancora di Pazzini. Traversa e un palo colpiti da Macheda e Mantovani. Questo pareggio toglie le speranze al Novara di poter entrare nella lotta per i playoff

Franco Brunetti

Partita ricca di emozioni che si è chiusa sul pareggio quella tra Novara e Verona. Un pareggio che lascia l’amaro in bocca a tutte e due le sqyuadre, il Novara con questo pareggio non riesce ad inserirsi nel lotto delle pretendenti ai play off ed il Novara perde ancora terreno da Spal e Frosinone. L’avvio del Verona è travolgentealt e non lascia respiro alla squadra di Boscaglia, il ritmo partita degli scaligeri è alto ed il Novara non riesce ad uscire dalla propria metà campo, perché il centrocampo è in mano alla squadra di Pecchia. Una sassata di Bessa scalda i guantoni di Da Costa al 10’. Il Novara non riesce a reagire se non attorno al 22’ minuto, palla da Bolzoni per Adorjan, Nicolas si salva deviando in corner e poco dopo è Calderoni a tirare dalla distanza, dopo un’azione insistita del Novara, ma Ferrari devia col corpo mandando la palla in calcio d’angolo. Il Verona riprende però ben presto il comando delle operazioni e al 28’ va a segno, un grintoso Luppi porta a spasso Dickmann e Troest fino sulla linea di fondo, poi appoggia indietro per Siligardi che di sinistro scarica sotto l’incrocio al volo: nulla da fare per Da Costa. Nella ripresa la squadra di Boscaglia prende coraggio e si spinge in attacco e al primo tentativo all’11’ pareggia i conti, Bolzoni crossa per Dickmann che fa da sponda per Macheda, entrato al posto di Sansone al 30’ del primo tempo, che da due passi, batte Nicolas. Novara ancora pericoloso al 15’ sempre con Macheda che di testa colpisce la traversa e sulla ribattuta gran parata di Nicolas su Galabinov. Per vedere i fuochi d’artificio bisogna attendere i minuti di recupero, al 47’ dopo che Mantovani aveva colpito il palo, la palla è recuperata da Calderoni che porta in vantaggio i suoi. Finita? Neanche per idea al 49’ Da Costa non è perfetta in una uscita alta, la palla finisce a Pazzini che di destro al volo insacca il definitivo 2-2.
NOVARA -  VERONA 2-2
NOVARA (3-4-1-2): Da Costa; Mantovani, Chiosa, Troest; Dickmann, Bolzoni (28' st Cinelli), Casarini, Calderoni; Adorjan (32' st Chajia); Galabinov, Sansone (30' pt Macheda). A disp.: Montipò, Scognamiglio, Kupisz, Salasi, Koch, Lukanovic. All.: Boscaglia
VERONA (4-3-3): Nicolas; Romulo, Ferrari A., Bianchetti, Souprayen; Zuculini B., Fossati (48' st Valoti), Bessa; Luppi (32' st Cappelluzzo), Pazzini, Siligardi (23' st Caracciolo). A disp.: Coppola, Boldor, Troianiello, Ganz, Fares, Casale. All.: Pecchia
ARBITRO: Ghersini di Genova
MARCATORI: 28' pt Siligardi, 11' st Macheda, 47' st Calderoni, 49' st Pazzini
AMMONITI: Bolzoni, Troest, Mantovani
10 aprile 2017

 

La squadra di Boscaglia battuta 2-0 dalla Spal di Semplici. A segno nel secondo tempo Antenucci su rigore e Schiavon nei minuti di recupero

Franco Brunetti

Seconda sconfitta consecutiva per i Novara; dopo il tonfo casalingo contro la Ternana è arrivata anche la sconfitta in trasferta in casa della Spal. Punteggio rotondo, 2-0 che però punisce oltremisura la squadra di Boscaglia giunta a Ferrara con l’obiettivo minimo di portare a casa un punto in modo da poter continuare ad altalimentare la fiammella della zona play off. Nel primo tempo si sono viste poche azioni degne di quel nome, all’8’ Castagnetti colpisce al volo, mandando la palla di poco alta sopra la traversa, la risposta del Novara arriva al 13’ con Lukanovic che da buona posizione spedisce alto, al 21’ una combinazione Antenucci-Floccari provoca dei brividi a Da Costa, ma si perde a fil di palo, al 29’ un ardito retropassaggio di Chiosa per poco non si trasforma in autogol, ma Da Costa recupera la posizione, al 33’ Floccari manca la deviazione dopo un’azione sviluppatesi sulla sinistra tra Castagnetti e Costa ed infine al 45’ l’unica vera occasione gol per il Novara, ma Meret vola a deviare in angolo il piazzato di Casarini. Musica diversa nella ripresa, al 10’ Spal vicina al gol con Mora, ma Da Costa riesce a deviare. I ragazzi di Semplici aumentano il ritmo e conquistano campo e al 15’ anche un rigore, Schiattarella penetra in area e viene atterrato, per l’arbitro è rigore e al 16’ Antenucci porta in vantaggio i ferraresi. Il Novara cerca di aumentare il  numero dei giri del proprio motore e al 28’ Dickmann sballa completamente il tiro da posizione favorevole. Da Costa con prontezza di riflessi riesce a bloccare al 31’un tiro di Mora deviato da un difensore, poi è Mantovani sugli sviluppi di un calcio di punizione a spedire la palla sull’esterno della rete e nei minuti di recupero al 46’ Schiavon con un ottimo inserimento raccoglie un cross di Costa e raddoppia, vanificando gli ultimi assalti del Novara.La Spal grazie a questa vittoria ritorna al comando della serie B assieme al Frosinone, mentre il Novara dà praticamente l’addio alla possibilità di entrare nella zona playoff.
SPAL-NOVARA 2-0
SPAL: Meret, Gasparetto (35′ st Silvestri), Giani, Antenucci, Floccari, Mora, Castagnetti (45′ st Schiavon), Vicari, Schiattarella (27′ st Arini), Lazzari, Costa. A disp.: Marchegiani, Finotto, Zigoni, Del Grosso, Strefezza, Ghiglione. All.: Semplici
NOVARA: Da Costa, Troest, Mantovani, Casarini, Chiosa, Galabinov, Bolzoni (30′ st Chajia), Dickmann, Calderoni, Orlandi (40′ pt Cinelli), Lukanovic (11′ st Sansone). A disp.: Montipó, Scognamiglio, Di Mariano, Macheda, Kupisz, Koch. All.: Boscaglia
ARBITRO: Pezzuto di Lecce
MARCATORI: 16′ st Antenucci (rig.), 46′ st Schiavon
AMMONITI: Lukanovic, Mantovani, Arini, Giani
4 aprile 2017 


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it