La squadra di Grassadonia battuta dal Venezia 2-0. La serie C è sempre più vicina

Anselmo Mazzateo

Vittoria pesantissima per il Venezia sulla strada che porta alla serie A, col 2-0 in trasferta al Piola contro la Pro Vercelli. La Pro Vercelli perde in casa contro il Venezia e resta sempre più in fondo alla graduatoria: ultima, con 37 punti e con sempre meno speranze di restare in B. La Pro Vercelli si presenta in campo con un inedito 3-4-3 con  in attacco il tridente composto da Rovini, Reginaldo e Bifulco. Il Venezia si affida al solito 3-5-2 con le punte Marsura e Zigoni. Il Venezia lascia sfogare i padroni di casa e va vicino al vantaggio all’ 11’: incomprensione tra Mammarella e Bergamelli, Jidayi salva in extremis su Bruscagin. La Pro reagisce  e al 12’ su angolo battuto da Mammarella, Germano manda di poco fuori, poi al 18’ dopo un gran giocata di Reginaldo, il tiro di Rovini viene deviato dalla difesa avversaria, poi Domizzi salva sul tap-in di Ghiglione. Il Venezia, si porta in vantaggio al primo tiro in porta al 32’: scambio tra Falzerano e Marsura, quest’ultimo colpisce al volo, con la difesa della Pro immobile, la palla colpisce prima il palo alla destra di Pigliacelli poi finisce in rete. Al 42’ gol annullato al Venezia, per fuorigioco di Zigoni. Sul ribaltamento di fronte gol annullato anche alla Pro Vercelli per fuorigioco di Bifulco, su assist di Ghiglione. Nella ripresa il Venezia controlla il risultato, mentre la Pro gira a vuoto. Al 31’ Mammarella perde un pallone a centrocampo e per il Venezia è un gioco sfruttare il contropiede per portarsi sul 2-0 con Stulac. Pro ormai con un piede in serie C.
PRO VERCELLI – VENEZIA 0-2
PRO VERCELLI (3-4-3): Pigliacelli;, Gozzi, Jidayi (33’ st Castiglia), Bergamelli; Ghiglione, Germano, Vives, Mammarella; Rovini (13’ st Morra), Reginaldo, Bifulco (22’ st Alex). A disp.: Marcone, Berra, Alcibiade, Paghera, Konate, Gatto, Ivan, Da Silva, Pugliese. All. Grassadonia.
VENEZIA (3-5-2): Audero; Cernuto (1’ st Andelkovic), Modolo, Domizzi; Bruscagin, Falzerano, Stulac, Suciu, Garofalo; Marsura (18’ st Litteri), Zigoni (43’ st Fabiano). A disp.: Vicario, Russo, Bentivoglio, Soligo, Firenze, Frey, Zampano, Del Grosso. All. Inzaghi.
ARBITRO: Baroni di Firenze
MARCATORI: 32′ pt Marsura, 32’ st  Stulac
AMMONITI: Audero, Litteri
1 maggio 2018

 

Castiglia al 5’ della ripresa regala il gol vittoria

Anselmo Mazzateo

La Pro Vercelli deve assolutamente vincere questa gara, la prima delle due tra le mura del Piola e Grassadonia propone un offensivo 4-3-3 con l’ex Reginaldo a sorpresa dal primo minuto, mentre D’Aversa  schiera i suoi lungo un 4-3-3 con Calaiò di punta e  Siligardi e Baraye ai lati. La Pro si rende subito pericolosa con il Parma colto un po’ di sorpresa da questo atteggiamento aggressivo. Al 18′ gol annullato alla Pro Vercelli: cross di Germano dalla destra, Castiglia è solo al centro dell’area ma arriva sul pallone in modo scoordinato, poi Gatto sulla linea di porta devia in rete, ma in chiara posizione di fuorigioco. Il primo tempo non offre molte emozioni, con un Parma poco brillante, se non con un tiro alto di Siligardi e con la Pro più intraprendente e pericolosa. Al 5′ della ripresa il gol della Pro, cross lungo dalla destra di Bifulco, Gatto rimette al centro di testa per l’accorrente Castiglia che anticipa Dezi e Sierralta e trafigge Frattali. All’11′ ancora Pro Vercelli in avanti: gran numero dell’ex Reginaldo che salta Iacoponi e calcia forte, da fuori area, il pallone scheggia la traversa. Al 13′ proteste dei padroni di casa per un tiro di Gatto finito sul braccio di Gazzola, ma l’arbitro fa proseguire. Si risveglia il Parma al 25’ con Ceravolo, da poco entrato in campo, il suo cross dalla sinistra accarezza la traversa e salva la Pro Vercelli. Al 31′ occasione per il Parma: rovesciata acrobatica di Calaiò che diventa un assist per Dezi, ben appostato sul secondo palo, ma è decisiva l’uscita a valanga di Pigliacelli. Ancora Parma al 34’, cross lungo dalla destra di Gazzola, colpo di testa di Calaiò, bravo a liberarsi della marcatura di un difensore, il pallone sbatte a terra e poi termina sopra la traversa di pochissimo e al 36’ è Pigliacelli a salvare con una paratona su tiro di Ciceretti. Ultimo brivido al 51’ ma Calaiò a due passi dalla porta non inquadra lo specchio.
PRO VERCELLI – PARMA 1-0
PRO VERCELLI (4-3-3): Pigliacelli; Ghiglione, Gozzi, Bergamelli, Mammarella; Germano, Vives, Castiglia; Bifulco (26′ st Alcibiade), Reginaldo (38′ st Raicevic), Gatto (17′ st Rovini). A disp.: Marcone, Ivan, Berra, Konate, Alex, Da Silva, Pugliese, Jidayi, Paghera. All. Grassadonia
PARMA (4-3-3): Frattali; Mazzocchi (17′ pt Dezi), Iacoponi, Sierralta, Gagliolo; Gazzola, Vacca, Barillà; Siligardi (17′ st Ciciretti), Calaiò, Baraye (24′ st Ceravolo). A disp.: Dini, Nardi, Anastasio, Scavone, Di Gaudio, Frediani, Insigne. All. D’Aversa
ARBITRO: Sacchi di Macerata
MARCATORI: 5′ st Castiglia
AMMONITI Castiglia, Raicevic, Ciciretti
28 aprile 2018

 

Incredibile rimonta dell’Entella che sotto di dsue gol vince 3-2, sbagliando anche un rigore

Anselmo Mazzateo

Era una partita importante per ambedue le squadre, era uno scontro diretto per la salvezza e alla fine l’ha spuntata l’Entella che è riuscita a ribaltare il altrisultato quando era sotto di due gol. Un match rocambolesco con la Pro che chiude il primo tempo in vantaggio di un gol, quello realizzato da Mammarella al 13’. Nella ripresa al 9’ arriva anche il raddoppio, Altobelli, tutto solo in area su un cross perfetto dalla destra di Ghiglione, colpisce di testa e insacca alle spalle di . Aglietti subito dopo sostituisce Acampora con Crimi ed il neo entrato finalizza con un mancino angolato una bella azione corale, accorciando le distanze. Il pareggio dell’Entella arriva su rigore al 26’ ed è l’ex La Mantia a realizzarlo. Altro rigore per i padroni di casa concesso dall’arbitro al 28’, ma questa volta La Mantia lo calcia sul palo. Ardizzone completa la rimonta all’ 38’ regalando all’Entella tre punti preziosissimi. La Pro Vercelli invece rimane ultima a quota 34 punti e perde una grande opportunità di avvicinarsi alla zona play-out.
VIRTUIS ENTELLA – PRO VERCELLKI 3-2
VIRTUS ENTELLA (3-5-2): Iacobucci; Belli, Ceccarelli, Cremonesi; Icardi (31’ st Nizzetto), Ardizzone, Troiano, Acampora (12’ st Crimi), Aliji; La Mantia, De Luca (1’ st Aramu). A disp.: Paroni, De Santis, Eramo, Gatto, Llullaku, Di Paola, Petrovic, Currarino, Brivio. All. Aglietti.
PRO VERCELLI (3-5-2): Pigliacell; Gozzi, Jidayi, Bergamelli; Ghiglione, Germano (17’ st Castiglia), Vives, Altobelli (dall’80’ Pugliese), Mammarella; Bifulco, Raicevic (23’ st Reginaldo). A disp.: Marcone; Berra, Alcibiade, Rovini, Paghera, Alex, Gatto, Ivan, Da Silva. All. Grassadonia.
ARBITRO: Di Paolo di Avezzano
MARCATORI: 13′ pt Mammarella, 9’ st Altobelli, 21’ st Crimi, 26’ st La Mantia (rig.), 38’ st Ardizzone
AMMONITI: Raicevic, Troiano, Bifulco, Gozzi, Pigliacelli, Aliji
21 aprile 2018

 

Vives su rigore e una doppietta di Raicevic portano la Pro al successso sul Pescara: 3-1 il risultato finale. Espulso il pescarese Crescenzi nel primo tempo

Impennata d’orgoglio della Pro Vercelli che liquida il Pescara con un netto 3-1. La serata si mette subito in discesa per la squadra di Grassadonia: dopo altappena 12’ il Pescara rimane in inferiorità numerica per l’espulsione, doppio giallo, di Crescenzi. Il vantaggio numerico si concretizza al 19’ quando Balzano atterra Bifulco in area: per Ros è calcio di rigore. Dal dischetto Vives non sbaglia. Il Pescara riesce comunque a riportare la situazione in parità al 35’ con Machin. Il secondo tempo è fatale per gli abruzzesi, al 38’ e al 46’ Raicevic firma la sua personale doppietta che condanna il Pescara alla sconfitta. La Pro con questo successo rimane sempre all’ultimo posto in classifica ma in compagnia della Ternana.
PRO VERCELLI – PESCARA 3-1
PRO VERCELLI (4-3-3): Pigliacelli, Bergamelli, Gozzi, Berra (1’ st Ghiglione), Mammarella, Germano, Castiglia, Vives, Bifulco (18’ st Gatto), Rovini (23’ st Raicevic), Reginaldo. A disp.: Marcone, Alcibiade, Altobelli, Paghera, Goncalves, Ivan, Da Silva, Pugliese, Jidayi. All. Grassadonia
PESCARA (4-3-3): Fiorillo, Crescenzi, Fornasier, Perrotta, Mazzotta (41’ st Cocco), Machin, Brugman, Valzania (32’ st Carraro), Mancuso (13′ pt Balzano), Pettinari, Falco. A disp.: Baiocco, Balzano, Yamga, Bunino, Fiamozzi, Gravillon, Capone, Cappelluzzo, Coulibaly, Baez. All. Pillon
ARBITRO: Ros
MARCATORI: 19′ pt Vives (rig.), 35′ pt Machin, 38’ st Raicevic, 46’ st Raicevic
AMMONITI: Crescenzi, Germano, Gozzi, Pettinari, Balzano, Carraro
ESPULSI: 12’ pt Crescenzi
17 aprile 2018

 

L’Empoli batte la squadra di Grassadonia 3-2, il palo all’ultimo minuto ferma il tiro di Altobelli che avrebbe significato il pareggio

Anselmo Mazzateo

Non era certo sul campo dell’Empoli, lanciatissimo verso la serie A, che la Pro Vercelli doveva fare punti per evitare la retrocessione: la gara è finita 3-2 in altfavore dei toscani, ma la squadra di Grassadonia, deve fare forse un po’ di mea culpa, e magari anche imprecare, perché il pareggio forse era alla sua portata. Bastava forse amministrare con un po’ più di sagacia il vantaggio, bastava …. che il tiro in pieno recupero anziché stamparsi sul palo, finisse in rete, bastava …. Partita divertente quella odierna con una Pro Vercelli mai doma, infatti è’ di marca piemontese la primissima iniziativa del match con una rovesciata spettacolare di Alcibiade che viene bloccata da Gabriel. I piemontesi a sorpresa trovano anche il gol del vantaggio all’8’ con Bifulco che sfruttando alla perfezione un contropiede, si trova da solo davanti a Gabriel e lo batte. Un minuto dopo però l’Empoli pareggia con  Caputo che di testa raccoglie un bel cross di Di Lorenzo.  L’Empoli prende campo, ma la Pro non fa barricate ed al 22’ Vives impegna da lontano. Gabriel. Il secondo gol dell’Empoli arriva al 32’,  Krunic inventa per Zajc che davanti a Pigliacelli non sbaglia.  Potrebbe arrivare anche il terzo gol dei toscani ma Kruni davanti a Pigliacelli non alza la sfera e calcia sul portiere. Occasione anche per la Pro Anche la Pro a cinque dalla fine del primo tempo con Alcibiade che da buona posizione calcia male ed alto. Il secondo tempo dell’Empoli è devastante, in tre minuti, due conclusioni di Caputo ed il gol di Luperto che sfrutta un angolo calciato da Pasqual e porta il risultato sul 3-1. La Pro non molla e accorcia all’11’ con Castiglia che sottomisura brucia il compagno Raicevic e Gabriel, sfruttando un incursione a destra di Ghiglione. Le emozioni finali sono racchiuse negli ultimi minuti, al 45’ Traorè ha due clamorose occasioni per calare il poker: sulla prima prende la traversa, sulla seconda cade dopo aver scartato il portiere con la porta vuota, poi Altobelli nell’ultimo minuto di recupero prende un palo con una mezza girata. Pro poco fortunata!
EMPOLI – PRO VERCELLI 3-2
EMPOLI (4-3-1-2): Gabriel; Di Lorenzo, Veseli, Luperto, Pasqual; Bennacer, Castagnetti, Krunic (36’ st Traorè); Zajc (37’ st Donnarumma); Piu (25’ st Brighi), Caputo. A disp: Terracciano; Giacomel; Polvani; Untersee; Imperiale; Lollo. All.:  Andreazzoli
PRO VERCELLI (3-5-2): Pigliacelli; Berra, Alcibiade, Gozzi; Ghiglione, Germano (9’ st Altobelli), Vives, Castiglia, Mammarella (28’ st Reginaldo); Bifulco (13’ st Rovini), Raicevic. A disp: Gilardi; Marcone; Konate; Jidayi; Paghera; Ivan; Da Silva; Pugliese; Goncalves. All.: Grassadonia
ARBITRO: Pillitteri di Palermo
MARCATORI: 8’ pt Bifulco, 9’ pt Caputo, 32’ pt Zajc, 3’ st Luperto, 11’ st Castiglia
AMMONITI: Ghiglione, Veseli, Castagnetti, Vives
14 aprile 2018


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it