Finisce 1-1 a segno nel primo tempo l’ex La Mantia, rimedia nel secondo tempo Bifulco

Anselmo Mazzateo

Pro Vercelli e Virtus Entella, due squadre che non godono di ottima salute, si dividono la posta al Silvio Piola di Vercelli. La partita fatica ad animarsi, perchéalt prevale il tatticismo: le due squadre si annullano a vicenda. Il primo pensiero è difendersi bene, ma in fase di impostazione nessuna delle due riesce a costruire una azione pericolosa, infatti i portieri non vengono mai impegnati. Nel rimo tempo l’Entella è però più propositiva, dopo un tiro di Vives al 17’ dai venticinque metri che finisce alto di poco sopra la traversa, i chiavaresi passano alla prima vera offensiva al 20’ , gran lavoro di De Luca sulla sinistra che punta l’uomo e pennella un cross a centro area piccola dove La Mantia schiaccia di testa e insacca. Il classico gol dell’ex. L’Entella continua a fare il gioco, la Pro però ha una grande occasione al 31’ con Morra, su una deviazione di un difensore si trova a tu per tu con Iacobucci ma colpisce male e spara altissimo. Al 33° doppia occasione per l’Entella: punizione di Nizzetto deviata da Marcone, poi sulla respinta un siluro di Crimi dal limite sfiora il palo alla sinistra del portiere. La risposta della Pro è affidata a Mammarella che al 40’ crossa per Castiglia che di contro balzo di sinistro manda la palla di poco alta. Al 45° ancora un’occasione per l’Entella, azione di De Luca, tocco dentro per Crimi che sciupa non riuscendo a servire La Mantia.Nella ripresa, è la Pro a tenere in mano il pallino del gioco e l’Entella si difende, e al 10’ arriva una ghiotta occasione per pareggiare, 10° cross di Mammarella, incomprensione tra Pellizzer e Iacobucci, ne approfitta Bifulco che da pochi passi sbaglia la deviazione. Il pareggio potrebbe arrivare al 17’ cross a centro area di Mammarella e stacco vincente di Raicevic, ma la sua posizione era irregolare e quindi tutto è rimandato al 20’ quando Bifulco di testa su cross di Mammarella mette la palla sul palo più lontano dove Iacobucci non può arrivare. La Pro Vercelli continua a spingere, ma le squadre iniziano ad accusare la stanchezza e si allungano. La partita finisce così col risultato di parità e la situazione della squadra di patron Secondo rimane sempre critica.
PRO VERCELLI – VIRTUS ENTELLA 1-1
PRO VERCELLI (4-3-3): Marcone; Ghiglione, Legati, Bergamelli, Mammarella; Germano (1’st Firenze), Vives, Castiglia; Bifulco (27’st Vajushi), Raicevic, Morra (39’st Altobelli). A disp.: Nobile, Berra, Rocca, Konate, Barlocco, Gilardi, Pugliese, Polidori, Bruno. All. Grassadonia.
VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2): Iacobucci; Belli, Benedetti, Pellizzer, Brivio; Eramo (39’st Ardizzone), Troiano, Crimi; Nizzetto (27’st Diaw); La Mantia, De Luca (21’st Luppi). A disp.: Paroni, Massolo, De Santis, Cleur, Di Paola, Mota Carvalho, Currarino, Baraye. All. Aglietti.
ARBITRO: Marinelli di Tivoli
MARCATORI: 21′ pt La Mantia, 20’ st Bifulco
AMMONITI: Castiglia, Bergamelli, Legati, Eramo, Brivio, Crimi, Morra, Pellizzer
25 novembre 2017

 

Termina 3-1 il match all’Adriatico. I gol nel secondo tempo: doppietta di Pettinari, gol di Capone e risposta di Morra

Anselmo Mazzateo

Dopo due belle vittorie arriva una sconfitta e la Pro Vercelli si ritrova nuovamente inguaiata nella bassa classifica. Il Pescara inizia subito all’attacco colpendoalt già al 3’ una traversa con Pettinari che sfrutta alla perfezione un cross di Mazzotta e sfiorando il gol all’8’ con Mazzotta che trova l’opposizione di Marcone. Dopo quindici minuti di apnea la Pro tira fuori la testa e al 27’ è bravissimo Fiorillo a sventare la prima vera occasione gol per la Pro: cross di Firenze su punizione, inserimento di Castiglia che di testa impegna l’estremo difensore pescarese. Dopo una papera di Marcone al 36’ che però riesce a riagguantare la palla prima che superi la linea bianca arriva al 37’ il gol del Pescara, cross di Crescenzi per che di testa non sbaglia. La squadra di Zeman potrebbe raddoppiare al 45’ su errore di Barlocco che favorisce la ripartenza di Palazzi che smista al liberissimo Pettinari che da ottima posizione spara alle stelle. Il raddoppio comunque arriva al 10’ della ripresa, palla di Palazzi per Pettinari, che batte Marcone con il destro. Il pescara chiude la gara sei minuti dopo, 16’ sempre sulla corsia destra Pettinari serve Mancuso, che fab da  sponda per Capone che segna il 3-0. La Pro rialza la testa al 21’ lancio di Bergamelli per Morra che controlla, salta Fornasier e a tu per tu con Fiorillo non sbaglia. La squadra di Grassadonia non trova però altri sbocchi per riaprire la gara che si chiude con la vittoria del Pescara per 3-1
PESCARA - PRO VERCELLI 3-1
PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Crescenzi, Fornasier, Perrotta, Mazzotta; Brugman, Carraro, Palazzi (24’ st Valzania); Mancuso (34’ st Del Sole), Pettinari, Capone. A disp.: Pigliacelli, Kanoute, Ganz, Benali, Zampano, Coda, Elizalde, Cappelluzzo, Coulibaly, Baez. All. Zeman.
PRO VERCELLI (4-3-3): Marcone; Berra, Legati, Bergamelli, Barlocco (24’ st′ Ghiglione); Germano (21’ st Rocca), Castiglia, Altobelli; Vajushi (165’ st Morra), Raicevic, Firenze. A disp.: Nobile, Konate, Bifulco, Gilardi, Pugliese, Grossi, Della Morte, Polidori, Bruno. All. Grassadonia.
ARBITRO: Piscopo di Imperia
MARCATORI: 37′ pt Pettinari, 10’ st Pettinari, 16’ st Capone, 21’ st Morra
AMMONITI: Perrotta
18 novembre 2017

 

La squadra di Grassadonia in rimonta sconfigge l’Empoli per 2-1: al gol iniziale di Caputo rispondono prima Firenze e poi Castiglia

Franco Brunetti

Pro Vercelli e Empoli, due squadre con opposti obiettivi – salvezza per la Pro e promozione per l’Empoli – si sfidano allo stadio Piola nell’anticipo della 14° altgiornata. Alla fine la spunta la Pro Vercelli in rimonta con una gara tutto cuore. La gara rimane bloccata per circa venti minuti iniziali, con le due squadre molto chiuse e poco precise ed ha il primo sussulto al 23’ quando la deviazione di testa di Bergamelli, sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Mammarella, scheggia il palo alla sinistra di Provedel. La partita si accende e al 28’ ancora Pro in avanti: Raicevic controlla un gran pallone a centrocampo e serve in profondità l’inserimento di Morra, ma Provedel blocca in uscita bassa. La partita si sblocca al 29’ a favore dell’Empoli, tacco di Donnarumma che serve Caputo, l’attaccante entra in area e insacca alle spalle di Marcone, ingannato dalla deviazione involontaria di Berra. Pronta la reazione della Pro che raggiunge il pareggio al 34’, cross di Altobelli, sponda perfetta di Raicevic e Firenze, sotto porta, insacca alle spalle di Provedel. Sulle ali dell’entusiasmo la Pro prova ancora a colpire al 36’ con una strepitosa azione di Berra sull’out di destra, cross con la palla che attraversa tutto lo specchio della porta, senza che nessun compagno trovi la deviazione. Nella ripresa le due squadre si danno subito battaglia alla ricerca della vittoria: 3’ Donnarumma al limite dell’area per Caputo che, entrato in area, non inquadra lo specchio della porta, 11’ replica la Pro, sponda di Morra per Altobelli che controlla ma svirgola il tiro. Mentre la nebbia s’infittisce, la Pro passa in vantaggio al 31’ lancio di Vives, sponda di Raicevic e Castiglia insacca alle spalle di Provedel. L’Empoli nei minuti di recupero prova ad evitare la terza sconfitta consecutiva in trasferta, ma al 48’ Marcone compie un autentico miracolo sul tiro di Ninkovic messo in azione dal cross di Seck dalla sinistra.
PRO VERCELLI – EMPOLI 2-1
PRO VERCELLI (4-3-3): Marcone; Berra, Legati, Bergamelli, Mammarella; Altobelli, Vives, Castiglia; Firenze (37’st Ghiglione), Raicevic (34’st Polidori), Morra (44’st Pugliese). A disp.: Nobile, Rocca, Konate, Barlocco, Gilardi, Della Morte, De Marino, Bruno, Sangiorgi. All. Grassadonia.
EMPOLI (3-4-1-2): Provedel; Di Lorenzo, Romagnoli, Luperto; Untersee (17’st Ninkovic), Lollo, Zajc, Pasqual (34’st Seck); Krunic; Donnarumma (27’st Piu), Caputo. A disp. Terracciano, Giacomel, Picchi, Traore, Zappella, Becagli, Canestrelli. All. Vivarini.
ARBITRO: Furneau di Roma1
MARCATORI: 29′ pt Caputo, 34′ pt Firenze, 31’ st Castiglia
AMMONITI: Lollo, Krunic, Vives, Mammarella, Legati
11 novembre 2017

 

Novara mai pericoloso, decide il gol di Morra nella ripresa

Franco Brunetti

Il derby delle “Risaie” sorride a mister Grassadonia ed ai suoi ragazzi che riescono a vincerlo in trasferta al Piola di Novara. Il risultato 1-0 è però indice di unaalt gara equilibrata, senza grossi squilli soprattutto nel primo tempo. Sentimenti opposti sulle due panchine, Corini è un passo dalla zona playoff ed una vittoria oggi significherebbe rimanere quanto meno in scia delle prime, per Grassadonia invece significherebbe una buona boccata d’ossigeno e la possibilità di abbandonare l’ultimo posto in classifica. Al 20’ l’occasione per sbloccare la partita si concretizza per la Pro Vercelli, lancio di Vives che pesca in area Firenze, conclusione al volo di prima intenzione e grande risposta di Montipò. Nella ripresa all’11’ arriva il gol della Pro Vercelli,  cross di Ghiglione dalla destra e colpo di testa ad incrociare debole ma preciso di Morra che finisce in rete. La Pro rischia il raddoppio al 20’ dopo un rimpallo su cross di Firenze, ma libera Mantovani spazza via dalla linea di porta e al 27’ Bifulco crossa basso per Altobelli, ma Montipò salva miracolosamente. L’unico pericolo alla porta di Marcone, il Novara lo concretizza al 47’ con un colpo di testa di Di Mariano, ma la  palla sfiora il palo alla destra del portiere.
NOVARA-PRO VERCELLI 0-1
NOVARA (3-5-2): Montipò; Golubovic, Mantovani, Chiosa; Dickmann (26’ st Macheda), Moscati (19’ st Chajia), Orlandi, Casarini (31’ st Sciaudone), Calderoni; Di Mariano, Da Cruz. A disp.: Farelli, Benedettini, Del Fabro, Beye, Schiavi, Armeno, Ronaldo. All. Corini.
PRO VERCELLI (4-3-3): Marcone; Ghiglione, Legati, Bergamelli, Mammarella; Altobelli, Vives, Castiglia; Firenze (30’ st Berra), Raicevic (21’ st Bifulco), Morra (38’ st Polidori). A disp.: Nobile, Rocca, Barlocco, Gilardi, Pugliese, Grossi, Della Morte, Germano, Bruno. All. Grassadonia
ARBITRO: Sacchi di Macerata
MARCATORE: 11’ st Morra
AMMONITI: Mammarella
4 novembre 2017

 

La Pro va in vantaggio con Raicevic, poi l’espulsione di Konatè condiziona la gara ed il Foggia dilaga con due rigori messi a segno da Mazzeo ed i gol di Chiricò e Fedato

Anselmo Mazzateo

Adesso è veramente dura!. Lo stop casalingo inflitto dal Foggia condanna la Pro Vercelli sempre all’ultimo posto in classifica e infligge un duro colpo al morale della squadra allenata da Grassadonia. E dire che il match era iniziato bene con la Pro che al 9’ era andata in gol con Raicevic, la punizione era stata battuta da Mammarella, Konate aveva controllato in area di rigore, la difesa del Foggia non era riuscita a liberare e Raicevicaveva  insaccato alle spalle di Guarna. Al 22’ la Pro si era nuovamente fatta minacciosa, Vajushi aveva controllato palla sulla sinistra, si era accentrato ed il suo destro a giro aveva sfiorato l’incrocio dei pali alla sinistra di Guarna. Al m27’ l’episodio che cambia il volto della partita, Deli entra in area e va a terra dopo un presunto contatto con Konate, l’arbitro Ros assegna il rigore che Mazzeo trasforma ed espelle il difensore della Pro Vercelli. Grassadonia fa uscire Vives per Bruno, La Pro non si abbatte e al 36’ va vicinissima al raddoppio, cross di Vajushi dalla sinistra e Raicevic, da due passi, centra Guarna. Al 45’ ancora Pro pericolosa, Bifulco salta Celli, entra in area ed effettua il cross basso: velo di Altobelli e tiro di Vajushi che si spegne sul fondo. L’arbitro assegna un minuto di recupero e quel minuto è fatale per la Pro, errore di Bruno che perde palla a centrocampo e Chiricò, tutto solo, si presenta davanti a Marcone e lo trafigge.Nella ripèresa il Foggia beneficia di un altro rigore al 24’, trasformato sempre da Mazzeo, per un fallo di Legati in area e due minuti dopo Fedato porta il Foggia sul 4-1, su respinta di Marcone.
PRO VERCELLI – FOGGIA 1-4
PRO VERCELLI (4-3-2-1): Marcone; Berra, Legati, Konate, Mammarella; Germano (41’st Castiglia), Vives (31’pt Bruno), Altobelli; Bifulco (9’st Morra), Vajushi; Raicevic. A disp.: Nobile, Rocca, Ghiglione, Barlocco, Gilardi, Firenze, Pugliese, Grossi, Polidori. All. Grassadonia
FOGGIA (4-3-3): Guarna; Loiacono, Coletti, Camporese, Celli (36’st Lodesani); Gerbo, Vacca, Deli; Chiricò (23’st Agazzi), Mazzeo, Beretta (12’st Fedato). A disp.: Pelizzoli, Pertosa, Nicastro, Calderini, Ramè, Fedele, Sarri. All. Stroppa.
ARBITRO: Ros di Pordenone
MARCATORI: 9′ pt Raicevic, 30′ pt Mazzeo (rig.), 47’pt Chiricò, 24’ st Mazzeo (rig.), 27’ st Fedato
AMMONITI: Altobelli, Gerbo, Deli, Chiricò
ESPULSI: Konate per fallo da ultimo uomo
29 ottobre 2017


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it