La quadra di Longo perde anche il recupero contro l’Ascoli 3-1. Pro troppo debole in tutti i reparti, ora è crisi

Anselmo Mazzateo

Continua l’annus horribilis per la Pro Vercelli, sconfitta 3-1 allo stadio del Duca da un Ascoli che ha capitalizzato il massimo con il minimo. La squadra di Aglietti si ritrova ora ad un solo punto dalla zona playoff, mentre la squadra di Longo si ritrova sempre più invischiata nella lotta per non retrocedere. Impresa che malgrado le altassicurazioni, francamente sembra molto improbabile: troppo fragile in difesa e troppo evanescente ed inconsistente in attacco la squadra di patron Secondo. L’assenza del bomber La Mantia, ne avrà almeno per un paio di mesi, ha tolto praticamente dai giochi l’unico calciatore in grado di centrare la porta nella squadra vercellese. L’avvio della gara è uno shock per la Pro, al 4’ un lancio di Giorgi pesca Orsolini in area, Zaccagno sbaglia i tempi dell’uscita ed il baby può realizzare comodamente l’1-0 con un colpo di testa. La reazione degli uomini di Longo è però priva di pericolosità, anche se al 7’ ci prova Comi in semirovesciata, al 13’ ci prova Emmanuello su azione di calcio d’angolo, al 17’ ci prova Legati e al 23’ ci prova Aramu su punizione e poi sulla respinta del portiere Lanni ci prova Germano dalla lunga distanza. L’Ascoli lascia passare la sfuriata degli ospiti e al 38’ sul secondo tiro in porta realizza il 2-0, azione di calcio d’angolo e Favilli ancora di testa impallina Zaccagno & C. Al rientro in campo al 4’ dopo un colpo di testa di Comi che finisce fuori, l’Ascoli mette al sicuro la partita segnando il terzo gol, è ancora Orsolini a firmarlo, raccogliendo un lancio di Bentivegna e superando Zaccagno con un tiro a giro. Al 39’ dopo dodici calci d’angolo arriva il gol della Pro, cross di Mammarella, Germano allunga la traiettoria che premia l’inserimento del difensore  Konate che depone in rete. Troppo poco.
ASCOLI-PRO VERCELLI 3-1
ASCOLI (4-3-3): Lanni; Mogos, Augustyn, Mengoni (33’ st Gigliotti), Felicioli; Addae, Cassata, Giorgi (40’ st Bianchi); Orsolini, Favilli, Bentivegna (17’ st Perez). A disp.: Ragni, Lazzari, Cinaglia, Gatto, Almici, Slivka. All. Aglietti.
PRO VERCELLI (3-5-2): Zaccagno; Legati, Bani (27’ st Konate), Luperto; Germano, Emmanuello (1’ st Vajushi), Vives (22’ st Castiglia), Palazzi, Mammarella; Aramu, Comi. A disp.: Gilardi, Berra, Eguelfi, Morra, Starita, Osei. All. Longo.
ARBITRO: Ros di Pordenone
MARCATORI: 4′ pt Orsolini, 38′ pt Favilli, 5′ st Orsolini, 39’ st Konate
AMMONITI: Felicioli, Augustyn, Mengoni, Mammarella, Castiglia, Addae
14 febbraio 2017

 

Vince lo Spezia 2-0, gol fortunoso di Maggiore che costa l’espulsione per proteste di Provedel e poi di Fabbrini.  Società infuriata per l’arbitraggio di Chiffi

Anselmo Mazzateo

Brutto scivolone casalingo per la Pro Vercelli, che vede sempre più allontanarsi la speranza di salvarsi dalla retrocessione in Lega Pro. La squadra di Longo è stata anche sfortunata oggi perché ha perso il suo capocannoniere La Mantia per un infortunio al polpaccio. Al 16’ la prima occasione gol per la Pro, La Mantia va via di altprepotenza e serve Morra in area di rigore, ma la conclusione dell’attaccante ex Toro è debole e viene respinta da Chichizola. Brivido al 24′ per Provedel, Fabbrini va via in dribbling e dal limite sinistro dell’area lascia partire un tiro che si stampa sul palo alla destra dell’estremo vercellese. Dopo una buona partenza, ad inizio ripresa da parte della Pro, al 9’ arriva il gol dello Spezia, sugli sviluppi del corner battuto da Piccolo, Legati ribatte, Migliore calcia e colpisce in testa Maggiore che fortunosamente mette in rete. Il gol fortunoso porta anche altre brutte notizie per la squadra di Longo, l’arbitro allontana Provedel con rosso diretto per proteste e così il tecnico della Pro è costretto a ricorrere a Zaccagno, che fa così il suo esordio in serie B togliendo Legati; Pro Vercelli quindi in inferiorità numerica. Dopo una incomprensione tra Zaccagno e Luperto al 29′, che per poco non provoca un autogol, arriva comunque il raddoppio della squadra ospite al 36’, cross basso dalla destra di Vignali che Fabbrini, di piatto,complice anche una leggera deviazione di Bani, insacca alle spalle di Zaccagno. Al 43’ Aramu viene  sgambettato in area di rigore, ma l’arbitro fa proseguire e sugli sviluppi dell’azione Chichizola perde palla e Aramu la butta dentro, ma l’arbitro annulla per fuorigioco dell’ex Toro. A fine gara tutti furenti per l’arbitraggio n on troppo benevolo nei confronti della squadra di patron Secondo.
PRO VERCELLI – SPEZIA 0-2
PRO VERCELLI (3-5-2): Provedel; Legati (10’st Zaccagno), Bani, Luperto; Berra, Emmanuello (35’st Vives), Castiglia, Mammarella; Morra, La Mantia (45′ pt Comi). A disp.: Germano, Eguelfi, Palazzi, Vajushi, Konate, Osei. All. Longo.
SPEZIA (4-3-3): Chichizola; De Col (36′ pt Vignali), Valentini N., Ceccaroni, Migliore; Maggiore (35’st Sciaudone), Errasti, Djokovic; Piccolo (25’st Mastinu), Granoche, Fabbrini. A disp.: Valentini, Signorelli, Baez, Datkovic, Piu, Pulzetti. All. Di Carlo.
ARBITRO: Daniele Chiffi di Padova
MARCATORI: 9’ st Maggiore, 36’ st Fabbrini
AMMONITI: Legati, Bani
ESPULSI: 10’ st  Provedel per proteste, 17’ st allontanato il medico della Pro Vercelli Sulpizio per proteste
11 febbraio 2017

Partita senza emozioni, la squadra di Longo riesce a strappare un pareggio che muove la classifica. Esordio di Vives

Anselmo Mazzateo

L’obiettivo di Moreno Longo nella trasferta di Cittadella era quello di strappare un risultato positivo, che consentisse alla squadra di muovere la classifica per cercare di allontanarsi dai bassifondi della classifica. Il tecnico vercellese deve fare i conti con diverse assenze, Aramu, Altobelli, La Mantia e Nardini e fa esordire il neo altacquisto ex Torino Vives. Iin panchina si rivede Vajushi. Dopo una iniziale fase di studio, al 19’ Iori tenta il gol dalla distanza con il pallone che esce di un soffio. Ambedue le formazioni cercano di aprire il match con tentativi dalla distanza, ma i portiere fanno buona guardia. Nella ripresa la Pro all’8’ ha la palla per sbloccare il risultato, Legati serve Emmanuello, il centrocampista calcia, ma il pallone esce di un soffio. I minuti passano senza che nessuna delle due squadre prenda il sopravvento fino al 41’ quando la Pro si rende nuovamente pericolosa, Vives lancia Morra, ma il suo colpo di testa finisce fuori, poi Luperto su uno schema su punizione, non riesce a colpire bene la palla e l’occasione sfuma. Finale di sofferenza per la Pro nel finale di partita, ma la squadra di Longo riesce a portare a casa il punto che si era prefissato.
CITTADELLA – PRO VERCELLI 0-0
CITTADELLA (4-3-1-2): Alfonso; Salvi, Scaglia, Varnier, Benedetti; Bartolomei, Iori, Valzania (36’ st Pasa); Schenetti (29’ st Chiaretti); Arrighini, Iunco (19’ st Vido). A disp.: Paleari, Pelagatti, Martin, Paolucci, Maniero, Pascali. All. Venturato.
PRO VERCELLI (3-5-2): Provedel; Legati, Bani, Luperto; Berra, Emmanuello (28’ st Germano), Vives, Palazzi, Mammarella; Morra, Comi (37’ st Starita). A disp.: Zaccagno, Eguelfi, Vajushi, Konate, Castiglia, Baldini, Osei. All. Longo.
ARBITRO: Piccinini di Forlì
AMMONITI: Palazzi, Luperto, Bani, Salvi Starita
4 febbraio 2017

 

Finisce 1-3 contro il Trapani: i siciliani passano al Piola segnando tre gol nel secondo tempo, rimontando il gol  di La Mantia a fine primo tempo

Anselmo Mazzateo

Che sberla! Nessuno certamente si aspettava che la squadra di Moreno Longo inciampasse in casa contro il Trapani ultimo in classifica: ed invece è successo. La Pro Vercelli, che si trova pienamente coinvolta in zona retrocessione con il calcio mercato che impazza, sono partiti Ebagua, Mustacchio e Ardizzone e potrebbero altpartire anche Budel e Sprocati, ma sono arrivati Comi, Aramu (oggi solo in panchina per un problema accusato nella rifinitura e lunedì dovrebbe aggregarsi Vives), ha giuocato un buon primo tempo, calando poi nella ripresa dove il Trapani si è dimostrato più cinico e con tre tiri ha trovato altrettanti gol. La partita non era iniziata male per la Pro che aveva cercato fin da subito di imporre il suo gioco, all’8’ un tiro di Mammarella su assist di Emmanuello, sorvola di poco la traversa. Poi al 14’ un altro bell’assist di Emmanuello pescava Morra a due passi da Pigliacelli, ma il suo tiro finiva addosso al portiere. Il Trapani non stava a guardare, Coronado si dimostrava l’uomo più pericoloso in questo avvio di gara. Al 22’ la traversa nega il gol a La Mantia che di testa aveva raccolto il cross di Germano, ma il gol arriva comunque al 45’ ed è La Mantia a segnarlo con un tiro all’incrocio dei pali dopo una conclusione di Emmanuello respinta da Pigliacelli.   In precedenza era stato Provedel a salvare la sua porta al 43’ sventando una pericolosa incursione in contropiede conclusa da Coronado. La ripresa vede le squadre in campo con le stesse formazioni e con la Pro sempre attiva in attacco, al 9’ Mammarella verticalizza per Morra che controlla e salta l’avversario, ma il suo destro a giro sfiora il palo alla sinistra di Pigliacelli. Trapani guadagna un corner al 15’ e si rende pericoloso: dalla bandierina batte Nizzetto, sugli sviluppi dell’azione, conclusione di contro balzo di Coronado con palla alta sopra la traversa. Sono le avvisaglie del gol che arriva al 17’ punizione di Nizzetto e Pagliarulo sul secondo palo insacca alle spalle di Provedel con un preciso diagonale. Al 36’ il Trapani raddoppia  con una sassata di barillà dalla distanza che si insacca alla destra di Provedel. Al 46’ il neo entrato Comi ha l’occasione per riportare la partita in parità, ma a tu per tu con Pigliacelli si fa ipnotizzare dal portiere, era come battere un rigore in movimento. Il Trapani punisce ancora la Pro al 48’ in contropiede, con Jallow che insacca il definitivo 3-1.
PRO VERCELLI – TRAPANI 1-3
PRO VERCELLI (3-5-2): Provedel; Legati (38’ st Baldini), Bani, Luperto; Germano, Emmanuello (29’ st Castiglia), Palazzi, Altobelli (27’ st Comi), Mammarella; Morra, La Mantia. A disp.: Zaccagno, Berra, Budel, Eguelfi, Konate, Castiglia, Aramu. All. Longo.
TRAPANI (4-3-1-2): Pigliacelli; Fazio, Kresic, Pagliarulo, Visconti; Barillà, Rossi (10’ st Colombatto), Maracchi; Nizzetto; Coronado (16’ st Curiale), Citro (32’ st Jallow). A disp.: Guerrieri, Legittimo, Raffaello, Rizzato, Tumminelli, Casasola. All. Calori.
ARBITRO: Manganiello di Pinerolo
MARCATORI: 45′ pt La Mantia, 17’ st Pagliarulo, 36’ st Barillà, 48’ st Jallow
AMMONITI: Nizzetto, La Mantia, Luperto
28 gennaio 2017

 

Un doppio La Mantia abbatte le velleità della capolista

Anselmo Mazzateo

Colpaccio della Pro Vercelli che sul terreno di casa batte la capolista Frosinone con un perentorio 2-0.
Mister Longo aveva chiesto ai suoi una prova di carattere per uscire dalla delicata posizione di classifica ed è stato accontentato. Il primo gol dei Bianchi arriva al 15’, gran giocata di Mammarella che pesca La Mantia al limite dell’area: l’attaccante controlla, entra in area e scarica un gran destro sotto la traversa, nulla da fare altper Bardi. Il Frosinone cerca la via del gol al 34’  con un colpo di testa di Kragl diretto all’incrocio dei pali, ma  Provedel è attento e blocca la sfera. Botta e risposta negli ultimi minuti del primo tempo, al 40’ gran cross di Mammarella dalla sinistra e Morra di testa sfiora il palo alla sinistra di Bardi, 43′-un tiro a botta sicura di Kragl a porta sguarnita è deviato in corner di Mammarella. Nella ripresa la squadra di M arino cerca di recuperare il risultato, al 6’ su un gran tiro di Gori dai 20 metri Provedel si supera e devia in corner. La Pro agisce di rimessa, al 17′lancio di Emmanuello in profondità per La Mantia che controlla, entra in area da posizione defilata, ma la sua conclusione è respinta da Bardi e al 18’ uno spunto di Morra sulla sinistra si conclude con un cross, la palla è deviata con il braccio da un difensore e la Pro beneficia di una punizione  sul lato corto sinistro dell’area. Dalla punizione nasce il raddoppio al 19’ di La Mantia: la batte dalla sinistra Mammarella per l’ incornata vincente dell’attaccante al suo settimo sigillo stagionale. Il risultato non cambierà più e negli ultimio spiccioli di gara l’arbitro espelle il frusinate Crivello per un brutto fallo su Berra.
PRO VERCELLI – FROSINONE 2-0
PRO VERCELLI (3-5-2): Provedel; Legati, Bani, Luperto; Berra, Emmanuello (32’ st Germano), Palazzi, Altobelli (15’ st Ardizzone), Mammarella; Morra, La Mantia (46’ st Baldini). A disp.: Zaccagno, Budel, Eguelfi, Konate, Castellano, Goury. All. Longo.
FROSINONE (4-4-2): Bardi; M. Ciofani, Brighenti, Pryyma, Mazzotta (32’ st Crivello); Kragl (38’ st Csurko), Gori, Sammarco, Soddimo; D. Ciofani, Dionisi (23’ st Cocco). A disp.: Zappino, Belvisi, Russo, Frara, Gucher, Volpe. All. Marino.
ARBITRO: Serra di Torino
MARCATORI: 15′ pt La Mantia, 19’ st La Mantia
AMMONITI: Kragl, Emmanuello, Palazzi, La Mantia, Cocco, Mammarella, Pryyma
ESPULSI: 49’ st Crivello
30 dicembre 2016


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it