La squadra di Longo batte i pugliesi 1-0 con il gol del centrocampista Emmanuello nel primo tempo. Nella ripresa palo di Palazzi a pochi minuti dalla fine

Anselmo Mazzateo

La Pro Vercelli contro il Bari ottiene tre punti importantissimi in chiave salvezza, ora la squadra di Longo, complici i risultati degli altri incontri delle pericolanti, veleggia in una zona di classifica meno agitata. Non si può ancora dire che la salvezza sia stata conquistata, ma un gran passo in avanti in tal senso è stato fatto. altGià al 1’ la squadra di patron Secondo potrebbe passare in vantaggio, ma la conclusione di Bianchi liberato da un liscio di Daprelà finisce alto sopra la traversa. La Pro comunque dimostra di essere viva e al 12’ Emmanuello prova la conclusione, ma la palla è deviata in corner da Capradossi. Sulla sponda opposta si mette in mostra l’ex granata Parigini che al 25’ elude Bani  e serve Brienza, il tiro sfiora il palo alla sinistra di Provedel. Il portiere della Pro è ancora chiamata all’intervento al 28’ da un colpo di testa di Parigini, poi lo stesso Parigini al 30’ con una girata al volo manda la palla abbondantemente a lato. Un minuto dopo la Pro passa in vantaggio, 31’ Palazzi mette in mezzo dalla destra, finta di Bianchi e conclusione vincente di Emmanuello. Dopo una spizzata di testa di Bianchi per Aramu al 38’ che in area, prova la girata volante, bloccata in tuffo da Micai, al 40’ viene allontanato il tecnico barese Colantuono per proteste. Nella ripresa la Pro cerca di controllare la gara non disdegnando però le puntate offensive, 3’ lancio di Eguelfi per Bianchi che controlla e appoggia per Aramu al limite dell’area, ma il tiro viene parato da Micai. Il Bari cerca di rinforzare la linea d’attacco con l’ingresso di Floro Flores al posto di Parigini e al 12’ il Bari va a rete: sugli sviluppi del corner, Floro Flores colpisce la traversa con Floro Flores e poi sul tap in vincente l’arbitro ferma tutto per fuorigioco. La Pro si difende comunque con ordine e al 36’ colpisce un palo clamoroso che avrebbe permesso alla squadra di Longo di chiudere la gara, Palazzi recupera palla su Sabelli e si invola verso la porta, tiro ad incrociare appena dentro l’area, ma il palo alla sinistra di Micai respinge la conclusione. Nel primo minuto di recupero ultimo brivido per i tifosi della Pro, destro potentissimo dalla distanza di Sabelli, ma Provedel si salva in calcio d’angolo. Finisce così con la vittoria della pro Vercelli dopo 91 giorni di astinenza tra le mura amiche del Piola.
PRO VERCELLI-BARI 1-0
PRO VERCELLI (3-5-2): Provedel; Legati, Bani, Luperto; Berra, Palazzi, Vives (42’st Altobelli), Emmanuello (27’st Germano), Eguelfi; Aramu (33’st Morra), Bianchi. A disp.: Zaccagno, Nardini, Konate, Starita, Castiglia, Comi. All. Longo.
BARI (4-3-3): Micai; Sabelli, Moras, Capradossi, Daprelà; Macek, Romizi, Salzano; Parigini (5’st Floro Flores), Raicevic (21’st Maniero), Brienza (43’pt Galano). A disp.: Gori, Basha, Martinho, Furlan, Morleo, Viola. All. Colantuono.
ARBITRO: Pinzani di Empoli
MARCATORE: 31′ pt Emmanuello
AMMONITI: Macek, Moras, Vives
NOTE: 40’ pt espulso il tecnico del Bari Colantuono per proteste
1 aprile 2017

 

Tra Latina e Pro finisce 0-0. La squadra di Longo si ritrova a metà ripresa in superiorità numerica ma non riesce ad approfittarne.

Anselmo Mazzateo

Lo scontro salvezza tra Latina e Pro Vercelli è terminato con il classico nulla di fatto. Un brodino quindi alle due squadre che lascia immutata la situazione nella zona bassa della classifica anche per i pareggi delle altre squadre invischiate nella lotta per non retrocedere eccezion fatta per l’Avellino punito severamente dalla altTernana. Partita però che la Pro avrebbe dovuto e potuto vincere quando a metà della ripresa si è trovata in superiorità numerica per l’espulsione cervellotica, rosso diretto, di Corvia decretata dall’arbitro Di Martino. Il Latina mette subito sotto pressione la difesa della squadra di Longo, andando al tiro pericolosamente al 10’ con Bruscagin e al 13’ con Bonaiuto, ma la difesa dei Bianchi regge e si salva ripetutamente in angolo. Passati i primi venti minuti, dopo lo sfogo iniziale del Latina la Pro tenta timidamente di salire e al 24’ si registra il primo tiro in porta, ad effettuarlo è Aramu, ma il tiro è debole e non impensierisce Pinsoglio. Il ritmo sempre alto per quasi tutto il primo tempo cala verso il 40’ con la Pro che guadagna metri a centrocampo, cercando di rendersi pericolosa, ma Bianchi non è mai innescato a dovere e così tutto il peso dell’attacco è sulle spalle di Aramu l’unico fin qui a concludere a rete. La ripresa decisamente meno scoppiettante, con il Latina che riprende le redini del gioco, viene ravvivata al 24’ dalla decisione dell’arbitro Di Martino che vede un fallo di Corvia ai danni di Palazzi, mentre in realtà a compiere fallo era stato Bandinelli ed il tentativo di Corvia era andato a vuoto. La Pro si ritrova così in superiorità numerica, ma non riesce ad approfittarne anche perché il Latina si chiude a riccio a difesa del pareggio. L’unica vera occasione da gol se la procura Bianchi al 40’ raccogliendo di testa l’ottimo assist di Vives, ma la palla con traiettoria ad uscire termina a lato. La partita termina così 0-0, sesto risultato utile consecutivo per la Pro.
LATINA – PRO VERCELLI 0-0
LATINA (3-4-3): Pinsoglio; Coppolaro, Dellafiore, Garcia Tena; Bruscagin, De Vitis (17’ st Bandinelli), Rocca, Di Matteo (14’ st De Giorgio); Insigne, Corvia, Bonaiuto (30’ st Jordan). A disp.: Bortolameotti, Pianto, Mariga, Maciucca, Nica, Rolando. All. Vivarini.
PRO VERCELLI (3-5-2): Provedel; Legati, Konate, Luperto; Berra (31’ st Nardini), Palazzi (40’ st Baldini), Vives, Emmanuello, Eguelfi; Aramu (36’ st Comi), Bianchi. A disp.: Gilardi, Germano, Starita, Castiglia, Altobelli, Osei. All. Longo.
ARBITRO: Di Martino di Teramo
AMMONITI: De Vitis, Garcia Tena, Konate, Eguelfi
ESPULSI: 24’ st 69′ Corvia
26 marzo 2017

 

Tra Pro e Verona finisce 1-1, alla rete di Bianchi nel primo tempo replica Ganz al  terzo minuto di recupero del secondo tempo

Anselmo Mazzateo

La Pro Vercelli ha sperato fino all’ultimo secondo di poter conquistare la posta piena nel confronto con il Verona ed invece a al 48’ Ganz riesce a limitare i danni per la squadra scaligera pareggiando in pieno recupero il gol di Bianchi. Parte meglio il Verona che dopo solo dopo quattro minuti, con Bianchetti su un'uscita avventata altdi Provedel, prova  con una volée  a superarlo. La partita è abbastanza equilibrata, con le due squadre molto attente in fase di copertura; il ritmo è abbastanza lento ed i padroni di casa allora si fanno più intraprendenti. Una punizione del solito Aramu al 18’ quasi sorprende Nicolas. La spinta della Pro aumenta e al 42’ arriva il gol di Bianchi, che da attaccante vero controlla e piazza un destro al volo che s'insacca alle spalle di Nicolas. Nella ripresa il Verona cerca di alzare il baricentro e all’8’ unj colpo di testa di Caracciolo finisce fuori di pochissimo. Il difensore veronese ci riprova al 15’ ma anche in questa occasione, il suo colpo di testa su servizio di Siligardi termina fuori. La Pro dà segni di vita con Emmanuello al 19’, ma il Verona continua a spingersi in avanti alla ricerca del pareggio, Siligardi ci prova al 44’ direttamente da calcio d’angolo, ma la palla si stampa contro il palo esterno, poi al terzo minuto di recupero Ganz di testa mette in rete il gol del pareggio su cross di Siligardi.
PRO VERCELLI – HELLAS VERONA 1-1
PRO VERCELLI (3-5-2): Provedel; Legati, Bani, Luperto; Berra, Germano, Vives (8’st Castiglia), Emmanuello, Eguelfi; Aramu (16’st Nardini), Bianchi (28’st Comi). A disp.: Zaccagno, Konate, Starita, Castellano, Baldini, Osei. All. Longo
HELLAS VERONA (4-3-3): Nicolas; Pisano, Bianchetti (41’st Fares), Caracciolo, Souprayen; Romulo (24’st Cappelluzzo), Fossati, Zaccagni (1’st Luppi); Bessa, Ganz, Siligardi. A disp.: Coppola, Boldor, Troianiello, F. Zuculini, Ferrari, B. Zuculini. All. Pecchia
ARBITRO: Minelli
MARCATORI: 42′ pt Bianchi, 48’ st Ganz
AMMONITI: Zaccagni, Pisano, Bani, Fossati, Castiglia, Comi
18 marzo 2017

 

Poche le emozioni tra Novara e Pro Vercelli. Nel primo tempo Aramu fallisce un rigore e nel secondo tempo Palazzi si fa cacciare rimediando la seconda ammonizione

Anselmo Mazzateo

I punti in un derby hanno sempre un peso speciale ed anche il “Derby delle Risaie” non si sottrae a questa norma, né il Novara reduce da una buona striscia positiva di risultati e vicino alla zona play out, né la Pro Vercelli al contrario invischiata nella lotta per non retrocede, vogliono perdere questa gara. Il Novara poi  altdeve far dimenticare ai suoi tifosi il derby d’andata quando al Piola di Vercelli la squadra di Boscaglia fu battuta dalla squadra di Longo per 2-1, in rimonta, grazie ai gol di La Mantia e al 47’ del secondo tempo di Emmanuello. Le squadre iniziano molto guardinghe, ci prova al 6’ Sansone, risponde un minuto dopo Mammarella. Gli oltre mille tifosi della Pro sospingono a gran voce la loro squadra alla ricerca dell’intera posta e dopo un rinvio sbagliato di Da Costa all’11’, palla sulla testa di Bianchi che per poco non si infila in rete, ecco al 23’ l’episodio che avrebbe potuto cambiare il corso della gara, Da Costa travolge in area Aramu e l’arbitro assegna il rigore. Lo batte Aramu, con angolazione precisa ma difettoso nella forza tanto da permettere a Da Costa, con un grande intervento, la parata. Salgono i ritmi della partita e Galabinov spreca due occasioni gol, al 33’ e al 44’ e così la prima frazione si chiude sul risultato di 0-0, con una Pro Vercelli però più tonica e meritevole del Novara. Nella ripresa al 24’ la Pro Ve4rcelli rimane in inferiorità numerica per l’espulsione di Palazzi per doppia ammonizione. Il Novara non riesce comunque ad approfittarne e non riesce a d impensierire Provedel se non al 33’ con un colpo di testa di Chiosa che però finisce alto sopra la traversa.
NOVARA – PRO VERCELLI 0-0
NOVARA (3-4-1-2): Da Costa; Lancini, Mantovani, Chiosa; Kupisz, Cinelli (34’st Di Mariano), Casarini, Calderoni (26’st Orlandi); Sansone; Macheda (42’st Lukanovic), Galabinov. A disp.: Montipò, Scognamiglio, Malberti, Adorjan, Selasi, Koch. All.: Boscaglia
PRO VERCELLI (3-4-2-1): Provedel; Konate, Bani, Luperto; Germano, Palazzi, Vives, Mammarella (27’pt Eguelfi); Aramu (28’st Berra), Emmanuello; Bianchi (39’st Comi). A disp.: Zaccagno, Nardini, Morra, Legati, Castiglia, Osei. All.: Longo
ARBITRO: Sacchi di Macerata
AMMONITI: Palazzi, Di Mariano, Mantovani
ESPULSO: 24’ st Palazzi5
NOTE: 25’ pt Aramu si fa parare un rigore da Da Costa
12 marzo 2017

 

La squadra di Gautieri battuta 2-1 in rimonta: al gol Falletti, risponde Aramu su rigore e poi allo scadere del primo tempo il gol vittoria di Bianchi

Anselmo Mazzateo

Era una partita da vincere assolutamente perché era uno scontro diretto in chiave retrocessione e la Pro Vercellli ci è riuscita in rimonta superando la Ternana con il rigore di Aramu ed il gol al fotofinish del primo tempo di Bianchi. Lo stadio Liberati è praticamente vuoto e c’è clima di contestazione verso la Ternana che è all’ultimo altposto in classifica con scarse, ora scarsissime probabilità di evitare la retrocessione. Longo affida le armi dell’attacco a Bianchi e ad Aramu , mandando in panchina Mammarella. L’inizio è favorevole ai rossoverdi nell’ambiente surreale del ‘Liberati’ , che praticano un possesso palla nella metà campo della Pro e vanno subito al 3’ alla conclusione con Pettinari, che con un mancino dai venti metri costringe Provedel  a salvarsi in angolo. La pressione della Ternana viene premiata all’11, scambio sullo stretto Pettinari-Falletti e tiro di potenza  di quest’ultimo che coglie impreparato Provedel. Al 13’ una incertezza di Aresti in uscita su punizione di Aramu crea il panico in area della Ternana, poi al 15’ follia di Coppola, che compie un brutto fallo su Bani, ma rimedia solo un giallo. Al 23’ la Pro pareggia, Pettenari placca Aramu in area e l’arbitro Marinelli decreta il rigore che Aramu trasforma.  Il pareggio dà convinzione alla squadra di Longo che incomincia ad oliare meglio i meccanismi negli scambi, al 37’ un altro buco sulla destra offre a Palazzi una chance, ma il centrocampista non trova precisione nel tentativo in diagonale. La resistenza della Ternana è ai minimi termini e al  44′ la Pro Vercelli ribalta il punteggio: palla persa da Coppola, ripartenza dei “Leoni” e tiro di Aramu dal limite dell’area, Aresti respinge male e Bianchi non fallisce il tap-in del 2-1. La ripresa è un supplizio per la squadra di Gautieri, al 4’ Contini rimedia il secondo giallo e di conseguenza viene espulso lasciando le “Fere” in inferiorità numerica, al 12’ Bianchi fallisce il 3-1 che avrebbe chiuso la partita, poi al 14’ Emmanuello, inseguito da Palumbo, sbaglia a tu per tu con Aresti. La Ternana è ormai nel caos più totale e con i tifosi che tolgono striscioni e iniziano a contestare con olè di scherno,  si arriva al 36’ quando Aramu si divora pure lui il gol del 3-1, il suo destro a giro finisce fuori dallo specchio della porta. Vittoria importante comunque della squadra di Longo che dà ossigeno alla classifica.
TERNANA – PRO VERCELLI 1-2
TERNANA (4-3-2-1): Aresti; Zanon, Meccariello, Contini, Germoni (1′ st Rossi); Defendi, Palumbo (29’ st  Acquafresca), Coppola; Falletti, Pettinari (6’ st Diakitè); Avenatti. A disp.: Di Gennaro, Petriccione, Ledesma, Sissoko, Monachello, Monachello. All. Gautieri.
PRO VERCELLI (3-4-2-1): Provedel; Legati, Bani, Konate; Germano, Vives (21’ st Berra), Palazzi (13’ st Castiglia), Eguelfi; Aramu, Emmanuello (33’ st Osei); Bianchi. A disp.:  Zaccagno, Starita, Baldini, Luperto, Comi, Mammarella. All. Longo.
ARBITRO: Marinelli di Tivoli
MARCATORI: 11′ pt Falletti, 26′ pt Aramu (rig.), 44′ st Bianchi
AMMONITI: Coppola, Defendi , Zanon, Palazzi, Bianchi
ESPULSI: 4’ st Contini per doppia ammonizione
4 marzo 2017


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it