Il Cittadella si impone 2-1, gol di Chiaretti e Iori, la squadra di Atzori mai pericolosa se non al 40’ della ripresa con Polidori

Anselmo Mazzateo

L’ultima gara del girone di indata si trasforma ben presto in un incubo per la Pro Vercelli. Il Cittadella sceso al Piola per consolidare la sua posizione playoff, altinfatti dopo solo 2’ è già in vantaggio: punizione di Chiaretti dal limite spostata sulla destra e palla all’incrocio dei pali. La Pro Vercelli non riesce a rendersi pericolosa, il primo e unico tiro in porta della prima mezz’ora lo effettua al 14’ Vives ma Alfonso respinge con i pugni, mentre il Cittadella potrebbe raddoppiare al 32’ con Benedetti che conquista il fondo e mette in mezzo, Litteri, dal dischetto del rigore, non inquadra clamorosamente lo specchio della porta. Il secondo tentativo di andare il gol per i bianchi arriva al 40’ sugli sviluppi di un corner conquistato dopo un buono spunto di Castiglia, batte Mammarella ma allontana con la punta delle dita Alfonso. Il secondo gol per la squadra di Vigorito arriva al 10’ della ripresa, batti e ribatti in area, la palla arriva a Iori che di testa insacca alle spalle di Marcone. Solo al 40’ la Pro riesce ad andare in gol, cross dalla sinistra di Berra e di testa Polidori anticipa l’uscita sbagliata di Alfonso, ma ormai non c’è più tempo per raddrizzare la partita. Questa sconfitta relega la Pro Vercelli all’ultimo posto di classifica in solitaria.
PRO VERCELLI-CITTADELLA 1-2
PRO VERCELLI (4-3-3): Marcone; Berra, Legati (3’st Bruno), Bergamelli, Mammarella; Castiglia, Vives, Altobelli (36’pt Bifulco); Germano, Morra, Vajushi (14’st Polidori). A disp.: Nobile, Raicevic, Ghiglione, Barlocco, Gilardi, Firenze, Pugliese, Jidayi. All. Atzori.
CITTADELLA (4-3-1-2): Alfonso; Salvi, Pelagatti, Scaglia, Benedetti; Bartolomei, Iori, Settembrini (44’st Pasa); Chiaretti (18’st Maniero); Litteri (37’st Strizzolo), Kouamé. A disp.: Paleari, Pezzi, Arrighini, Adorni, Fasolo, Camigliano. All. Venturato.
ARBITRO: Di Paolo di Avezzano
MARCATORI: 2′ pt Chiaretti, 10’ st Iori, 40’ st Polidori
AMMONITI: Iori, Vives, Chiaretti, Bifulco, Castiglia
28 dicembre 2017

 

Finisce 4-3 tra Ternana e Pro Vercelli. Quattro gol del ternano Montaldo

Anselmo Mazzateo

Partita rocambolesca allo stadio Libero Liberati tra Ternana e Pro Vercelli. Ambedue le formazioni avevano bisogno di punti per migliorare la classifica altsoprattutto nei confronti di un diretto avversario. La prima occasione gol capita ai padroni di casa dopo appena 35’’, è Carretta lanciato da un pallonetto di Tremolada, a cercare il gol ma il suo destro finisce di poco sopra la traversa. La Pro Vercelli con il panchina il nuovo tecnico Atzori passa in vantaggio al 4’ : Morra riceve un pallone al centro dell’area rossoverde, elude la marcatura di due difensori e con un diagonale di sinistro batte Plizzari. La reazione della Ternana è immediata, sale in cattedra Montaldo al 6’ che riceve palla da Paolucci e, da quasi 30 metri, calcia di sinistro battendo il portiere Marcone, forse ingannato dal rimbalzo della sfera. Passata in vantaggio la Ternana continua a comandare la gara, al 17’ Favalli crossa per Montalto: l’attaccante è bravo a inserirsi tra i difensori avversari ma non altrettanto nel colpo di testa, al 24’ Angiulli di sinistro da fuori area, manda la palla a lato. Al  26’ il gol del vantaggio, lancio di Paolucci per Ferretti che arriva sul fondo e mette in mezzo dove Montalto gira in porta di destro. Fere scatenate, al 38’ il terzo gol Carretta parte in contropiede, raggiunge il fondo del campo e serve l’accorrente Montalto, che  supera Marcone con un sinistro potente e angolato. Plizzari, il portiere di casa, compie poi un mezzo miracolo sul piatto di Germano, prima della fine dei primi quarantacinque minuti. Nella ripresa,  dopo 50’’ un cross dalla sinistra di Favalli raggiunge la testa di Montalto, che segna il 4-1. Atzori cerca di riprendere la partita mandando in campo Bifulco e Vajushi ed i Bianchi si riaccendono: al 15’ Plizzari riesce a deviare con la mano di richiamo una conclusione pericolosissima di Vajushi, al 19’ Bifulco sfiora il palo di testa e al 22’ arriva il gol , tiro al volo di sinistro di Vajushi servito direttamente da calcio d’angolo su quale Plizzarfi nulla può fare. Alla mezzora l’arbitro Saia assegna alla Pro Vercelli un rigore per fallo di Favalli su Bifulco, Plizzari para il tiro di Vives ma l’arbitro fa ripetere e la seconda conclusione al 33’ va in rete, sotto la traversa. È il gol del 4-3 che riapre la partita; la Ternana cerca di non lasciarsela scappare di mano, impedendo alla Pro di rendersi pericolosa.
TERNANA – PRO VERCELLI 4-3
TERNANA (4-3-1-2): Plizzari; Ferretti, Vitiello, Marino, Favalli; Defendi, Paolucci, Angiulli; Tremolada (44’ st Varone); Montalto (30’ st Albadoro), Carretta. A disp.: Bleve, Candellone, Finotto, Gigli, Taurino, Zanon, Tiscione, Bombagi, Bordin, Capitani. All. Pochesci.
PRO VERCELLI (3-5-2): Marcone; Berra, Legati, Bergamelli (13’ st Vajushi); Ghiglione, Germano, Vives, Altobelli (22’ st Castiglia), Mammarella; Morra (12’ st Bifulco), Raicevic. A disp.: Nobile, Rocca, Konate, Barlocco, Gilardi, Pugliese, Grossi, Polidori, Bruno. All. Atzori.
ARBITRO: Saia di Palermo
MARCATORI: 4′ pt Morra, 6’ pt Montalto, 26′ pt Montalto, 38′ pt Montalto, 1’ st Montalto, 22’ st Vajushi, 33’ st Vives (rig.)
AMMONITI: Berra, Defendi, Carretta, Ghiglione
21 dicembre 2017
   

 

Esonerato Grassadonia dopo la sconfitta 0-2 contro lo Spezia

Anselmo Mazzateo

La sconfitta casalinga della Pro Vercelli contro lo Spezia, costa la panchina a Gianluca Grassadonia tecnico dei bianchi e alla Pro il penultimo posto in altclassifica in compagnia della Ternana. Partita bloccata con la Pro che deve giocarsi la gara della vita e invece non lo fa. I bianchi sono molli e a poco a poco lo Spezia prende il sopravvento e alla fine arriva il gol del vantaggio spezzino, dopo una mezz’ora di gioco senza sussulti a parte il salvataggio al 22’ di Vives davanti alla linea di porta su tiro di Gilardino, al 34’ di Granoche con un preciso colpo di testa su cross dalla sinistra di Lopez. Nella ripresa lo Spezia sfiora il raddoppio al 9’ ma Marcone con una grande parata blocca la conclusione a botta sicura di Maggiore. La Pro comunque potrebbe rimettere in forse la gara quando al 19’ Giani serve involontariamente Morra che, davanti al portiere, spara clamorosamente a lato. Il raddoppio spezzino arriva al 29’ , cross di De Col dalla destra e Forte, dal limite dell’area, colpisce il palo e la palla rotola in rete.
PRO VERCELLI-SPEZIA 0-2
PRO VERCELLI (4-3-3): Marcone; Ghiglione, Legati, Bergamelli (42’ st Polidori), Mammarella; Altobelli (12’ st Morra), Vives, Castiglia; Bifulco (1’ st Vajushi), Raicevic, Firenze. A disp.: Nobile, Berra, Rocca, Konate, Barlocco, Gilardi, Pugliese, Germano, Bruno. All. Grassadonia
SPEZIA (4-3-1-2): Di Gennaro; De Col, Terzi, Giani, Lopez; Maggiore (42’ st Vignali), Bolzoni, Pessina; Mastinu (24’ st Capelli); Gilardino (17’ st Forte), Granoche. A disp.: Bassi, Manfredini, Ceccaroni, Soleri, Augello, Giorgi, Acampora, Marilungo, Ammari. All. Gallo
ARBITRO: Minelli di Varese
MARCATORI: 34′ pt Granoche, 29’ st Forte
AMMONITI: Ghiglione, Granoche, Maggiore
16 dicembre 2017

Al gol di Cernuto risponde Firenze, buone parate di Audero

Anselmo Mazzateo

Partita delicata per ambedue le squadre, il Venezia deve far scordare ai propri tifosi la sconfitta interna col Novara e sperare così di riportarsi in quota, mentrealt la Pro Vercelli deve assolutamente fare punti per abbandonare la scomoda posizione di classifica in cui si trova. Passano pochi minuti dal fischio d’inizio e alla prima azione pericolosa dei padroni di casa al 9’ i piemontesi si ritrovano già sotto di un gol, corner dalla destra, in area svetta Cernuto che di testa insacca. A metà primo tempo sale in cattedra Audero, l’ex Primavera Juve al 23′ riesce ad evitare il gol con una gran respinta, su Morra che tira da distanza ravvicinata sfruttando un colpo di testa Castiglia su cross dalla destra di Ghiglione, al 26’ la Pro è ancora pericolosa sempre con Castiglia che crossa in mezzo per Firenze, tacco per Morra, ma la palla finisce ad Audero, 28’ un gran tiro di Vives deviato da un difensore finisce a lato di un soffio. E’ un buon momento per la squadra di Grassadonia, ma al 35’ il Venezia è nuovamente pericoloso con Stulac, il suo destro dalla trequarti termina fuori di pochissimo. Il pareggio dei bianchi giunge proprio allo scadere, 45’ azione insistita della Pro Vercelli, cross dalla sinistra, Audero esce male e non riesce ad allontanare, arriva Firenze che al volo di destro insacca. Partenza sprint del Venezia nella ripresa, all’3’ tiro dalla destra, Marcone respinge, ma il pallone finisce a Pinato, il suo tiro ad incrociare termina fuori di pochissimo. La risposta della Pro, per poco non si trasforma in gol, 5’ Altobelli dal limite dell’area serve Firenze che però impatta male e Audero può parare facilmente. Ancora Venezia al 14’ tiro di Marsura ma Marcone riesce a respingere. Partita scoppiettante, al 28’ Audero ci mette una pezza su un tiro diretto nel sette di Vives e due minuti dopo un difensore riesce a liberare sulla linea un pallonetto di Firenze che era riuscito a superare Audero. L’ultima emozione a tre minuti dalla fine, 42’ Ghiglione va via sulla destra, ma ancora Audero è bravo a bloccare il suo tiro e mettere in calcio d’angolo. Nei minuti di recupero Grassadonia viene allontanato dal direttore di gara, ma la partita ormai è finita.
VENEZIA – PRO VERCELLI 1-1
VENEZIA (3-5-2): Audero; Cernuto (dall’84’ Fabiano), Bruscagin, Andelkovic; Zampano, Falzerano, Stulac, Pinato, Del Grosso; Marsura (32’ st Mlakar), Zigoni (17’ st Moreo). A disp.: Vicario, Gori, Soligo, Suciu, Geijo, Fabris, Signori, Tagliapietra. All. Inzaghi
PRO VERCELLI (4-3-3): Marcone; Ghiglione, Legati, Bergamelli, Mammarella; Altobelli, Vives, Castiglia; Bifulco (32’ st Berra), Morra (14’ st Raicevic), Firenze (36’ st Polidori). A disp.: Nobile, Rocca, Vajushi, Barlocco, Gilardi, Pugliese, Della Morte, Bruno. All. Grassadonia
ARBITRO: Balice di Termoli
MARCATORI: 8′ pt Cernuto, 45′ pt Firenze
AMMONITI: Bergamelli, Raicevic, Cernuto, Ghiglione
9 dicembre 2017

 

La squadra di Grassadonia perde 3-0. La svolta della gara con l’espulsione di Konate ad inizio secondo tempo. Ora la classifica preoccupa

Anselmo Mazzateo

La Pro Vercelli esce dallo stadio Tardini di Parma con tre reti sul groppone ed una posizione in classifica che si fa sempre più preoccupante. Il Parma, pur altsenza Calaiò e Ceravolo, conferma di essere squadra con ambizioni di promozione e fin dai primi minuti mette sotto pressione la difesa dei piemontesi. L’attivissimo Insigne nei primi minuti mette i brividi al portiere della Pro andando vicino al gol al 7’ calciando magistralmente una punizione, all’8’ ricevuto un pallone da Galdiolo calciando con un pallonetto di poco alto sopra la traversa, all’11’ con un diagonale che sfiora il palo opposto. Al 35’ è però la pro ad andare vicino al gol con Morra, che su un cross dalla destra di Bifulco sul secondo palo, da buona posizione non centra la porta con il sinistro. Parma sempre all’assalto della porta di Marcone, al 37’ su battuta di calcio d’angolo, il pallone attraversa tutta l’area piccola e arriva dalle parti di Scavone, il quale però non trova la giusta coordinazione per ribadire in rete da pochi passi. Sul finire del tempo,al 43’ gol di Morra annullato alla Pro per fuorigioco dell’ex Torino tra le veementi proteste dei giocatori in maglia bianca. La svolta della partita all’8’ della ripresa Baraye é atterrato al limite dell'area da Konatè che, in quanto ultimo uomo, viene espulso dall'arbitro Martinelli. Batte la punizione Insigne e questa volta è gol. Il colpo del ko due minuti dopo: assist di Di Gaudio per Scavone che salta Marcone e deposita in rete. Al 19’ la Pro sciupa la possibilità di riaprire la partita, Morra si presenta a tu per tu col portiere ma si lascia ipnotizzare: Frattali che respinge. All'ultimo minuto regolamentare arriva il 3-0 a firma di Corapi da poco entrato in sostituzione di Scozzarella.
PARMA – PRO VERCELLI 3-0
PARMA (4-3-3): Frattali; Mazzocchi (37’ st Scaglia), Iacoponi, Lucarelli, Gagliolo; Munari, Scozzarella (35’ st Corapi), Scavone; Insigne, Baraye, Di Gaudio (20’ st Frediani). A disp.: Nardi, Ramos, Barillà, Nocciolini, Germoni, Siligardi, Sierralta, Dezi, Dini. All. D’Aversa
PRO VERCELLI (4-3-3): Marcone; Ghiglione, Konate, Bergamelli, Mammarella; Altobelli, Vives, Castiglia; Bifulco (11’ st Bruno), Raicevic (32’ st Della Morte), Morra (24’ st  Polidori). A disp.: Nobile, Berra, Rocca, Vajushi, Barlocco, Gilardi, Pugliese, Grossi, Germano. All. Grassadonia
ARBITRO: Martinelli di Roma
MARCATORI: 10’ st  Insigne, 12’ st Scavone, 45’ st Corapi
AMMONITI: Castiglia, Lucarelli, Vives, Bruno
ESPULSI: 7’ st Konate
2 dicembre 2017


Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci
al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it

Spazio pubblicitario

Per info su questo spazio pubblicitario chiamaci al 333 93 24 992 o invia invia una mail a commerciale@piemontegol.it